Unione Europea Archive

Piccoli Bertinotti crescono in Europa

Se qualcuno volesse avere la misura di cosa è diventata la Sinistra Europea basterebbe ascoltare l'intervento di Eleonora Forenza.

BCE, Draghi: se l’Italia esce, pagheranno i banchieri

La BCN italiana è Banca d'Italia, che è stata definitivamente privatizzata. Quindi, in caso d'uscita, non sarà di certo lo Stato a pagare !

DRAGHI CHIEDE UN SUPER-RISCATTO PER RIAVERE LA LIRA

356,6 miliardi di euro, circa il 20% del Pil. È questo il conto che potrebbe essere presentato all’Italia il giorno in cui decidessimo di uscire dall'Euro.

Si possono rompere le larghe intese europee?

La situazione europea è talmente grave e compromessa che manovre ed aggiustamenti politicisti non avrebbero credibilità ne’ reali possibilità di successo.

Il diritto a godere della pace: utopia o realtà?

Gli Stati UE ha votato contro l'approvazione della dichiarazione ONU, tra i favorevoli si annoverano anche molti rappresentanti di regimi non democratici.

AEP: A Davos va in onda la guerra civile ideologica europea

Il risultato sono direttive errate e incoerenti: dal Nord che chiedo altri giri di vite alle economie del Sud, agli appelli nell’interesse dell’Ue

Parlamento Europeo/ I ROBOT SARANNO “PERSONE GIURIDICHE”?

Verso lo status di persona elettronica. I deputati non hanno alcun problema a cancellare i diritti dei cittadini, ma mostrano sensibilità per la tecnologia.

L’Ue rimuove sanzioni contro compagnie iraniane

Le aziende che sono soggette a rimozione delle sanzioni sono l’Iran Oil Pension Fund Investment Company, Pomc, Pre e Iran Lng, tutte compagnie petrolifere.

IL FASCINO CRIMINALE DELL’UNIONE EUROPEA (NOVE ANNI DOPO)

Uno dei mestieri più sopravvalutati è quello del giurista. Si tratta di tenere presenti il principio di non contraddizione e la gerarchia delle normative.

Il futuro dell’Europa si deciderà nel 2017

Cento anni fa l’Europa era divisa dalle trincee della Prima Guerra Mondiale: cento anni dopo il Vecchio Continente è senz’altro più unito, ma si appresta ad affrontare un anno diverso dagli altri. Con le elezioni in Germania, Francia e probabilmente in Italia, l’anno che

MONTI A BRUXELLES PREPARA LA NUOVA EUROTASSA

Monti da qualche tempo, guida un gruppo di studio creato dalla Commissione europea. Devono mettere mano al bilancio UE per rimediare ai buchi della Brexit.

L’EURO COME TECNICA DELLA VIOLENZA IMPERIALISTICA

L’accordo tra il gruppo liberale e il M5S è saltato; ma è significativo. Si è cercato di far rientrare il M5S nei canoni della “rispettabilità” politica.

La truffa dei fondi europei

Questo sistema di ammanettamento della spesa pubblica locale dovrebbe far gridare allo scandalo le varie forze politiche locali.

Le terre d’Europa in poche mani

Quando si parla di “land grabbing” -la sottrazione di terre libere o la loro concentrazione- si tende a trascurare il Vecchio continente. L’ong TNI, invece, ha pubblicato un report denunciando un’autentica “questione agraria”. La variazione peggiore in Germania, dove tra il 1990 e il

CETA-UE: questo matrimonio non s’ha da fare!

Il welfare sociale ed ambientale dei paesi europei dovrebbe accelerare e diffondersi al resto del pianeta, invece burocrati e politicanti europei lo stanno smantellando, essendosi prostituiti all’idolo di un mercato avido e sadomasochista

Nuovi leaks imbarazzano Juncker: come premier del Lussemburgo si oppose alla lotta Ue sull’evasione fiscale

Documenti rivelati dal Guardian insieme al Cij e alla Ndr. Ma non ci fu nessun atto illecito da parte del presidente della Commissione.

Gli errori di Tsipras, M5S e sinistra sull’euro

Come sganciarsi dalla moneta unica senza uscire dall’eurozona di Enrico Grazzini L’opposizione democratica – quella dei 5 Stelle e della Sinistra – dovrebbe preparare urgentemente un piano chiaro sull’euro e sull’Europa. La situazione italiana è infatti molto più preoccupante di quanto ci fanno apparire.

Libera circolazione delle persone, la lezione svizzera per la Brexit

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano Nel febbraio 2014, a seguito di una votazione popolare decisa da 20 mila voti di differenza, la Svizzera ha inserito nella propria Costituzione la determinazione di tetti massimi per i permessi di dimora e contingenti annuali per

Le forze di frontiera UE accusano le ONG di collusione coi trafficanti di immigrati

Come riporta il Financial Times, si completa l’inversione a U degli eurocrati nell’atteggiamento sull’immigrazione. Dopo aver propagandato la politica delle porte aperte e aver dato del razzista a chi predicava un po’ di buonsenso, l’UE ha ormai dato mandato alla sua agenzia Frontex di

L’Ue ha votato: meno democrazia. E più favori alle lobbies

Strasburgo approva in sordina il «Corbett Report»: con la scusa di velocizzare la produzione di normative, si mettono nuovi ostacoli ai critici di Bruxelles. E per i deputati sarà più facile rappresentare interessi privati di FRANCESCO BORGONOVO Sono mesi che i popoli del Vecchio

J. Stiglitz: Ormai i costi di mantenere in piedi l’eurozona sono superiori a quelli di smantellarla

Un bell’intervento del Nobel Stiglitz sul sito della London School of Economics chiarisce due punti fondamentali: il problema dell’Europa è l’eurozona, e ormai il costo di tenerla insieme sta superando il costo di procedere al suo smantellamento. Tutte cose che abbiamo letto anni or

Mattarella e il PD daranno al MES le chiavi dello Stato. Impariamo cos’è

“IL VOSTRO PROGETTO È RENDERE IRREVERSIBILE LA PERDITA DELLA SOVRANITÀ: PER QUESTO VI APPOGGIANO I POTENTATI FINANZIARI”.  Così Nino Galloni apostrofa, in questo video, Luigi Marattin, consigliere economico della presidenza del Consiglio Matteo Renzi. Non si può essere più chiari Questo scontro è avvenuto

UE PROMETTE SOLDI AD ASSAD – PURCHE’ LASCI UN PO’ DI SIRIA AI RIBELLI

Mentre Aleppo viene liberata e ripulita dai terroristi preferiti dall’Occidente, l’Unione Europea – secondo il britannico Times –   sta per avanzare una proposta al presidente Assad: aiuti  finanziari “considerevoli”  per la ricostruzione,  in cambio di una “autonomia” locale  concessa alla “opposizione” armata  in certe

Crescono nell’Unione europea i rapporti fiscali segreti con le multinazionali

Belgio e Lussemburgo in cima alla classifica, ma anche l’Italia non ne esce bene di BARBARA ARDU’ ROMA – Nonostante la Commissaria Ue alla Concorrenza Margrethe Vestager ce la stia mettendo tutta per combattere gli accordi fiscali segreti tra le multinazionali e i singoli

Münchau su Eurointelligence: Bentornati nella Crisi dell’Eurozona

Su Eurointelligence, W. Münchau commenta la vittoria del “No” nel referendum costituzionale italiano e la sconfitta di misura di Hofer in Austria. Nessuno dei due fatti, sostiene l’editorialista del Financial Times, porta con sé buone notizie per l’establishment europeo. Münchau ritiene che l’ampia vittoria del No

Nanoparticelle, l’UE rinvia la definizione di una soglia di sicurezza

Nonostante la lunga attesa, la Commissione europea ha rinviato ancora la definizione di nanoparticelle tecnologiche a data imprecisata. Rafael Pérez Berbejal membro della direzione generale per la salute e la sicurezza alimentare della Commissione aveva dichiarato che la definizione sarebbe arrivata entro settembre o ottobre:

IL “MODELLO POLONIA”: CI PRENDONO I SOLDI E CI PRENDONO PER I FONDELLI

Le elezioni presidenziali statunitensi hanno per un po’ distratto l’opinione pubblica italiana dalla scadenza referendaria di dicembre. I media si ostinano ad attribuire alla figura del presidente USA un rilievo che in realtà è ben lungi dall’avere, visto che il ruolo presidenziale si è

Telegraph – L’Eurozona Sta Diventando una Macchina per l’Impoverimento dei Popoli

Il britannico Telegraph pubblica un commento desolante su come l’eurozona si sia (prevedibilmente) tradotta da catastrofe finanziaria a catastrofe sociale, con una proporzione sempre crescente di persone in povertà sia relativa che assoluta. Nel frattempo però nel resto d’Europa questa tendenza è molto più

FACCIAMO LA CARITA’ AL POVERO LUSSEMBURGO

Qual è il paese a cui l’Europa Unita contribuisce più generosamente?  Destinandogli con più larghezza i fondi che ha raccolto dagli altri Stati? Ebbene: è il Lussemburgo. Lo  staterello di Juncker, che è probabilmente il più ricco  del mondo (pil pro capite in dollari

Stati Uniti d’Europa: una sola moneta…un solo Esercito?

Il primo ministro francese Manuel Valls sostiene la necessità di un unico esercito per gli Stati Uniti d’Europa. Egli vuole trasformare l’UE in Stati Uniti d’Europa, con una propria forza di difesa europea. Curiosamente, Valls dice espressamente “Non possiamo costruire gli Stati Uniti d’Europa”, ma questo

BERLINO DISCRIMINA I CITTADINI UE (E TUTTI ZITTI)

Grida, sdegni, alti lai dei media italioti per  la supposta intenzione del governo britannico,  dopo il Brexit,  di “schedare”  i lavoratori stranieri, di  “ridurne il numero”, di “togliere agli studenti esteri le borse di studio” (tutte cose smentite  da Londra), insomma di mancare di

LADRI D’EUROPA

Chi ha voglia di capire che cosa succede nei palazzi del potere di Bruxelles deve leggere “Eurosprechi”. È il saggio-denuncia scritto da Roberto Ippolito che conosce bene i corridoi della Ue avendoli frequentati come corrispondente di diversi giornali italiani. Già l’inizio è agghiacciante. “La Corte

L’UE come avamposto contro la Russia

Che cos’è l’Unione Europea? Un avamposto contro i russi. Oggi l’Europa non vive una vita propria ma è mero strumento degli americani, i quali vogliono impedire a competitori “orientali”, in accordo con alcuni Stati Europei che ancora non hanno abbassato del tutto la cresta,

Apple e le tasse. Il modello irlandese non è in discussione

di Duccio Facchini — 31 agosto 2016 Il 30 agosto 2016, la Commissione europea ha ricostruito dettagliatamente il trattamento “illegale” riservato dall’Irlanda alla multinazionale. Un meccanismo che ha permesso tra il 2003 e il 2014 di conseguire vantaggi “indebiti” per 13 miliardi di euro.

Brancaccio: “L’Unione non è più riformabile. Va fermata la circolazione indiscriminata dei capitali”

Intervista a Emiliano Brancaccio di Giacomo Russo Spena “Mettiamocelo bene in testa: in Europa non c’è nessuna svolta, nessun vento federalista di cambiamento. La sostanza delle politiche economiche non è cambiata. L’eurozona resta sull’orlo della deflazione, con effetti tremendi per le economie più fragili