Africa Archive

Crimini Contro l’Umanità per Francia e Onu anche in Costa d’Avorio

Un massacro. Non ci sono altre parole per definire l’operazione militare messa in atto nella notte tra lunedì e martedì dalla Francia e dall’Onuci per “proteggere i civili”. Si parla di 2307 morti e di migliaia di feriti tra la popolazione ivoriana.  Un bilancio

Bombardatevi i ********

Russell Harding, vice comandante dell’operazione Unified Protector condotta dalla Nato in Libia, ha dichiarato che non chiederà scusa per i libici uccisi dal “fuoco amico”.  Chiamare un assassinio “fuoco amico” è come definire seduttore uno stupratore.  “Vedendoli dall’alto non possiamo identificare di che natura

Terza inchiesta economico-sociale sul Nord Africa

Terza inchiesta economico-sociale sul Nord Africa Torniamo su Marocco, Algeria, Tunisia, Libia ed Egitto Strumenti di comunicazione, istruzione ed occupazione di Ennio Bilancini Questo articolo è il terzo di una serie di inchieste sull’evoluzione nel tempo delle caratteristiche sociali ed economiche dei paesi del

SCENARIO DA TERZA GUERRA MONDIALE ?

LA GUERRA CONTRO LA LIBIA, L’ AGENDA AMERICANA DELLA NATO E LA PROSSIMA GRANDE GUERRA DI PAUL CRAIG ROBERTS globalresearch.ca Negli anni ’30 gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l’Olanda definirono la linea d’azione della Seconda Guerra Mondiale nel Pacifico cospirando contro il

L’ESERCITO MERCENARIO AFRICANO DI GHEDDAFI: LA DISINFORMAZIONE MADE IN CIA

DI WAYNE MADSEN strategic-culture.org Esperti del continente africano, che conoscono molto bene la situazione libica, sostengono che le storie diffuse dai media occidentali, i quali raccontano che il leader libico, Muammar Gheddafi, si affida anche ai servizi di mercenari di colore provenienti dal Sahara

NON ESISTONO PROFUGHI ECONOMICI

DI EUGENIO ORSO pauperclass.myblog.it L’evento che fa notizia in Italia, da un paio di giorni, è quello delle dimissioni di Cesare Geronzi, da un anno ai vertici di Generali dopo la militanza in Mediobanca, e da tempo un VIP del potere finanziario locale. Rimane

Dietro le quinte del colpo di stato in Niger

Il 18 febbrario scorso si è consumato l’ennesimo colpo di stato. Questa volta il golpe ha riguardato Tandja Mamadou, presidente del Niger, paese dell’Africa occidentale con circa 12 milioni di abitanti, tra i più poveri al mondo, con un reddito procapite annuo di 899