L’economia crea pochi posti di lavoro

Bene i titoli difensivi, in calo ancora Apple, ma sul Nasdaq salgono Amazon, Alphabet e Facebook. Boom di Activision Blizzard dopo i conti.

Forse ce lo auspicavamo, o forse era facile da prevedere, fatto sta che è andata proprio così: all’inizio un po’ di volatilità, poi il mercato ha preso coraggio ed è salito andando a terminare la giornata praticamente sul massimo di seduta.

Nulla di eclatante, sia ben chiaro, stiamo parlando di un rialzo inferiore al mezzo punto percentuale, ma un guadagno che, psicologicamente, vale molto di più.

Un guadagno dovuto soprattutto ad una notizia negativa! Il settore privato, ad aprile, ha creato soltanto 160.000 posti di lavoro, le attese erano per un numero ben superiore (207.000), ed allora, dopo un iniziale sbandamento, il mercato è tornato a credere che la Fed possa lasciare invariati i tassi fino all’elezione del nuovo Presidente, dopotutto mancano soltanto sei mesi.

Le migliori performances sono arrivate dai titoli difensivi, era naturale, ma se il rimbalzo dovesse continuare nei prossimi giorni a riprendere vigore sarebbero soprattutto i titoli che nelle ultime sedute sono rimasti maggiormente indietro, in particolare quelli quotati sul Nasdaq.

Oggi si è messo in evidenza Activision Blizzard che ha presentato una trimestrale davvero straordinaria, il colosso dei videogiochi ha superato anche le più rosee aspettative, sia per quanto riguarda gli utili che per quanto concerne il fatturato, ciliegina sulla torta ha innalzato le stime per il trimestre in corso.

Dow Jones (+0,45%) guadagnano oltre un punto percentuale Wal-Mart (+1,55%), Cisco Systems (+1,22%), Procter & Gamble (+1,02%) e McDonald’s (+1,01%)

Sul fondo sono andati titoli “pesanti”: Merck (-0,91%), Apple (-0,56%) e Goldman Sachs (-0,43%).

S&P500 (+0,32%) è il settore internet ad occupare le prime posizioni, con Amazon (+2,25%), Alphabet (+1,46%) e Facebook (+1,43%)

In calo Allergan (-4,13%), Walgreens (-2,49%) e Southern Co. (-2,23%).

Nasdaq (+0,40%) vola Activision Blizzard (+8,48%), buon rimbalzo per Dish Network (+5,92%) ed eccellente seduta per Cognizant Tech. (+5,14%)

Seduta choc per Endo Int. (-39,19%) dopo una pessima trimestrale seguita da un profit warning, il titolo vale ora poco più di 16 dollari, un anno fa circa ne valeva 94. Sorte analoga per Seagate Tech (-4,70%) e Mylan (-4,23%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Commenta su Facebook

Tags: