La turbina eolica di una ditta francese ricava acqua dall’aria. È già operativa nel deserto, là dove la mancanza di acqua è stata fonte di guerre, sopraffazioni, morti e miseria per secoli.

eolico2

Il prototipo della turbina eolica della società energetica Eole Water è stato installato nelle regioni di Abu Dhabi nell’ottobre del 2011: resistendo alle intemperie – caldo e tempeste di sabbia – produce da 500 a 800 litri di acqua potabile al giorno. Quel primo prototipo è già stato superato: attualmente il Wms1000 genera 1.000 litri di acqua al giorno con un vento di 15 miglia all’ora. La tecnologia di cui si avvale la società è costituita da una serie di impianti che già esistono, ma combinati l’un l’altro e autosufficienti. Attraverso le feritoie l’aria entra in un cono, viene riscaldata da un generatore che la trasforma in vapore, il vapore sottoposto a un compressore e poi condensato generando acqua. L’acqua viene filtrata e purificata per essere potabile e raccolta in serbatoi d’acciaio inossidabile. L’impianto è autosufficiente perché la turbina eolica produce energia. Quindi può essere installata in luoghi – come i deserti – in cui non si dispone di energia elettrica.

 

“Ho costruito Eole Water con l’obiettivo di distribuirlo in Africa – ha spiegato il progettista Marc Parent – in molti paesi non c’è acqua a sufficienza e i pozzi costruiti dalle Ong s’asciugano rapidamente. Con queste turbine, il problema è risolto.” Il problema dell’acqua è gravissimo nel mondo: quasi un miliardo di persone – in Africa, Sud America, India, Indonesia – non hanno accesso all’acqua, con tutte le conseguenze drammatiche che questo problema comporta. Il giovaneinventore francese ha cominciato a lavorare al suo progetto nel 1997, sull’isola di Saint Barthelemy, nelle Antille francesi. Era ancora ragazzo e il suo primo laboratorio è stato il garage dei genitori. Perseverante e geniale, adesso con la Eole water intende realizzare modelli che possano fornire 5.000 litri d’acqua al giorno.

Link della società produttrice: http://www.eolewater.com/

Servizio del canale TF1 francese:

 

Link

Commenta su Facebook

Tags: