Colpite dalla serie di revisioni al ribasso anche Deutsche Bank, Commerzbank, Barclays. Sulla banca guidata da Federico Ghizzoni, l’outlook è…
NEW YORK (WSI) – Standard & Poor’s Ratings Services ha rivisto al ribasso i rating di diverse banche commerciali europei e ha precisato che la prospettiva di un sostegno straordinario da parte dei governi a favore dei rispettivi sistemi bancari sta diventando incerta.

Batosta su Unicredit, il cui rating è stato tagliato di ben due gradini a “BBB”, con outlook negativo. Andando nella pagina delle definizioni dei rating assegnati da S&P, si legge che la valutazione “BBB” è definita come “capacità adeguata di far fronte agli impegni finanziari, ma più soggetta alle condizioni economiche avverse”.

LEGGI QUI

L’agenzia ha tagliato i rating di Deutsche Bank, Royal Bank of Scotland e Commerzbank a BBB+, tre gradini al di sopra della valutazione “junk”, ovvero spazzatura. Per RBS e Commezbank, il downgrade è stato di un gradino, mentre è stato di due gradini per Deutsche Bank.

La valutazione di Barclays è stata abbassata ad A-.

S&P ha reso noto che gli outlook su Barclays, Deutsche Bank e Royal Bank of Scotland sono stabili, mentre quelli su Commerzbank e Unicredit sono negativi. L’agenzia ha rivisto invece al rialzo gli outlook sulle banche svizzere Credit Suisse e Ubs, da “negativo” a “stabile”, motivando la decisione con i loro cuscinetti di capitale, che a suo avviso continueranno a crescere nei prossimi due anni. (Lna)

Commenta su Facebook