Di  ,  

Roger Waters sotto il fuoco di fila delle lobby filoisraeliane

L’accusa è quella ormai consueta: antisemitismo. Fuoco di accuse sull’artista dei Pink Floyd, che ha paragonato i crimini di Israele sui palestinesi a quelli della Germania nazista contro gli ebrei. Un articolo del “The Guardian”.

L’ex frontman dei Pink Floyd provoca furia paragonando gli israeliani ai nazisti I leader religiosi reagiscono con rabbia all’ultimo attacco schietto di Roger Waters sul trattamento dei palestinesi di Vanessa Thorpe e Edward Helmore a New York The Observer , Sabato 14 dicembre 2013 Osservazioni incendiarie da parte del musicista Roger Waters , ex Pink Floyd , che ha confrontato lo stato israeliano moderno alla Germania nazista, lo hanno messo al centro di una disputa furiosa. Artisti e figure religiose hanno reagito con rabbia alla tesi della rock star veterana che il trattamento israeliano dei palestinesi può essere paragonato alle atrocità della Germania nazista. “I paralleli con quello che succedeva nel 1930 in Germania sono così clamorosamente evidenti”, ha detto in un’intervista on line in America la scorsa settimana. Waters, 70 anni, un sostenitore noto della causa palestinese , si è spesso difeso dalle accuse che egli è antisemita, sostenendo che ha il diritto di sollecitare i colleghi artisti a boicottare Israele. 

Questa estate è stato criticato per l’utilizzo di un palloncino a forma di porcellino ornato con simboli ebraici, tra cui una stella di David, come una parte degli effetti scenici nei suoi concerti. Waters ha replicato che era solo uno dei numerosi simboli religiosi e politici nello spettacolo e non un tentativo di individuare l’ebraismo come una forza malvagia. Ora il principale pensatore americano rabbino Shmuley Boteach ha alzato la posta in gioco descrivendo il punto di vista di Waters audace e chiaramente antisemita . Scrivendo sul New York Observer, il rabbino ha detto: “Mr Waters, il nazismo era un regime genocida che ha ucciso sei milioni di ebrei, se ha l’audacia di confrontare gli ebrei con i mostri che li uccisero lei dimostra di non avere decenza, non avere cuore, non avere un’anima”.

Il rabbino stava rispondendo ai più recenti commenti di Waters sul Medio Oriente. Parlando alla rivista di sinistra CounterPunch, il musicista ha criticato il governo degli Stati Uniti per essere indebitamente influenzato dalla israeliana “macchina della propaganda”. L’ex frontman dei Pink Floyd, che ha recentemente girato il mondo con uno spettacolo basato sull’influente album del 1979 ‘The Wall’, , ha continuato a descrivere il rabbinato di Israele come “bizzarro” e li ha accusati di pensare che i palestinesi e gli altri arabi in Medio Oriente erano “sub-umani”. Waters ha suggerito che la “lobby ebraica” era “straordinariamente potente”. Sul tema della Shoah, ha detto: “Ci sono state molte persone che pretendevano che l’oppressione degli ebrei non era in corso dal 1933 fino al 1946. Quindi questo non è un nuovo scenario. Solo che questa volta è il popolo palestinese ad essere… assassinato”.

Parlando da New York nella notte di sabato, Waters ha respinto con forza la caratterizzazione  delle sue opinioni fatta dal rabbino Boteach. Egli ha detto:. “Io non conosco il rabbino Boteach, e non sono disposto a entrare in una scambio di insulti con lui. Dirò questo: non ho nulla contro gli ebrei o gli israeliani, e io non sono antisemita. Deploro le politiche di Israele. Il governo nei territori occupati e di Gaza. Essi sono immorali, disumani e illegali. Continuerò le mie proteste non violente fino a quando il governo di Israele continuerà con queste politich. Se il rabbino Boteach può aprire un caso sulle politiche del governo di Israele, non vedo l’ora di sentirlo. È difficile formulare argomenti per difendere le politiche del governo israeliano, così gli aspiranti difensori usano spesso una tattica diversiva, che abitualmente trascinano il critico in uno spazio pubblico e lo accusano di essere un antisemita “.

Waters ha continuato: “…La Shoah è stata brutale e disgustosa, al di là della nostra immaginazione. Non dobbiamo mai dimenticare che dobbiamo sempre restare vigili. Non dobbiamo mai stare a guardare in silenzio e indifferenti alle sofferenze altrui, a prescindere dalla loro razza, colore, origine etnica o religione. Tutti gli esseri umani meritano il diritto di vivere ugualmente sotto la legge”.

Karen Pollock, direttore esecutivo dell’ Holocaust Educational Trust, ha dichiarato: “Ogni individuo ha diritto ad un parere e sostenere con passione una causa, ma disegnando paralleli inappropriati con l’Olocausto insulta la memoria dei sei milioni di ebrei – uomini, donne e bambini – assassinati dai nazisti. Questi tipi di attacchi sono comunemente usati come velato antisemitismo e devono essere esposti come tale”.

Jo-Ann Mort, vice-presidente del gruppo ebraico statunitense Americans for Peace Now, chiede ai musicisti e agli altri artisti che vanno in Israele di capire che c’è anche l’opposizione israeliana alla discriminazione contro gli arabi. Parlando all’Observer dalla California, ha detto che era importante per gli artisti internazionali di “parlare della propria opinione al pubblico circa i successi e i fallimenti della nazione. Proprio come musicisti israeliani -. ebrei, musulmani e cristiani – fanno” “I media in Israele si affollano per gli artisti stranieri. Gli attori avranno la possibilità di presentare punti di vista noti. Ed aiuteranno anche a rompere l’impasse che i fondamentalisti hanno avuto da entrambe le parti”, ha affermato.

Mort sostiene l’ approccio anti-boicottaggio del cantante israeliano e attivista David Broza, il cui prossimo album ‘Gerusalemme Est/Gerusalemme Ovest’ dispone di cover di canzoni che spingono alla comprensione, tra cui proprio la canzone di Waters ‘Mother’, dall’album ‘The Wall’ . “La musica affascina la testa e la mente, “Broza recentemente ha sostenuto: “Se si tratta di buone vibrazioni, allora tutti vogliono farne parte. Il duro lavoro viene dall’avere una convinzione in quello che stai facendo e di non fermarsi alle barricate che vengono innalzate ad ogni angolo.”

La scorsa settimana le parole di Waters hanno provocato una forte risposta da parte della Comunità Security Trust, l’organismo che controlla l’attività anti-ebraica in Gran Bretagna. Un portavoce ha detto al Jewish Chronicle che i commenti di Waters “riecheggiano il linguaggio dell’ antisemitismo”, e ha aggiunto che il musicista era “la prova di come facilmente le persone che perseguono una politica anti-israeliana estrema possono scivolare in dichiarazioni ed idee antisemite”. Anche Bicom, l’organizzazione di difesa di Israele con sede nel Regno Unito, ha condannato le opinioni di Waters. L’amministratore delegato Dermot Kehoe ha dichiarato: “Le dichiarazioni di Roger Waters che chiedevano il boicottaggio culturale di Israele e confrontano il paese alla Germania nazista, sono ripugnanti e battono di fronte sia alla realtà di oggi in Israele che ai colloqui di pace in corso tra Israele e i palestinesi”.

Nel mese di agosto Waters ha utilizzato la sua pagina di Facebook per rispondere alle accuse che lui era un “odiatore aperto di ebrei”, realizzate dal rabbino Abraham Cooper del Centro Simon Wiesenthal in un’intervista a un giornale ebraico settimanale americano, l’ Algemeiner. “Spesso posso ignorare questi attacchi, ma le accuse di Rabbi Cooper sono così selvagge e bigotte che esigono una risposta”, ha scritto Waters, aggiungendo che aveva “molti strettissimi amici ebrei”.

Fonte: http://www.theguardian.com/music/2013/dec/14/pink-floyd-frontman-fury-israel-nazis

Commenta su Facebook

Tags: