La soluzione auritiana

di Luciano Garofoli
Riceviamo e pubblichiamo

Come il vostro Appello al Popolo anche questo MANIFESTO si rivolge a quelle persone pulite, indignate, schifate, a ancora con un minimo di DIGNITA’ umana e la voglia di lottare per dare un ben servito a tutti i Bnaksters del mondo uniti dallo stesso intento: concentrare tutta la ricchezza del pianeta in “mani forti e sicure” ovviamente le loro.Poi abbassare il numero delle persone a 500 milioni così le “risorse” basterebbero per tutti! Quindi siamo altro che i deportati nei campi nazisti: quelli avevano almeno il senso tragico di quello che li aspettava: noi balliamo allegramente sul ponte di un Titanic che affonda!

1 CREAZIONE DI UN’UNICA GRANDE FORZA:

polare, nazionale e decisa a spazzare via tutti questi parassiti, che permetta alla gente di vivere con dignità e sicurezza. Chi la compone sta forza? Tutte quelle persone che , presa coscienza della gravità dell’ora storica che viviamo, si sentono dentro la voglia di buttare il cuore al di là della barricata, di impegnarsi per un obiettivo preciso. Che hanno voglia e credono ancora nella politica e che essa sia superiore alla economia che questa è solo un mezzo e non un fine e tanto meno uno strumento di soggiogamento e sfruttamento dei popoli e delle nazioni. Da che parte militano: non importa, la vera discriminante è la loro BUONA FEDE e la loro ONESTA’? La vera ricchezza di un popolo è la sua ONESTA’ diceva un eretico poeta americano!

2 RIFIUTO IMMEDIATO DEL DEBITO SOVRANO:

questo è un fardello che non possiamo più portare. Per di più esso è stato fatto, in modo fraudolento, dai grandi speculatori mondiali, dai signori del denaro i quali speculando sul lavoro della gente ed alzando in modo usuraio gli interessi ed applicando il composto di interesse (interesse su interesse)hanno ingigantito questo debito. Adesso vi dico: a livello internazionale uno stato che non paghi il proprio debito, non può essere soggetto ad un’azione di pignoramento: forse sarebbe possibile venirci a sequestrare, che so, il Colosseo o la Galleria degli Uffizi con tutti suoi quadri? Ma quante altre nazioni seguirebbero l’esempio dell’Italia settima o sesta potenza industriale del mondo? Le banche speculative fallirebbero: e sarebbe la salvezza di tutta l’umanità!!!

3 CREAZIONE DU I UNA MONETA PROPRIETA’DEL POPOLO:

quella emessa fino ad ora da qualsiasi Banca Centrale è una moneta debito, cioè immessa nel circuito solo prestandola: o allo stato che dà alla Banca Centrale suoi titoli a scadenza (BOT; CCT BTP)o ad altre banche che, per rifornirsi di denaro liquido, danno alla Banca Centrale degli effetti (cambiali, tratte, ricevute bancarie solvibili) a scadenza sicura e pagano per questo servizio un interesse: il Tasso di sconto! A Loro volta le banche prestano questo denaro ai privati che pagano altri interessi!! BASTA! LO stato emetta moneta in base al PIL, tolga quello che gli serve per pagare le sue esigenze (stipendi, opere pubbliche): niente più evasione, niente più tasse niente più debiti! Quanta ricchezza andrebbe liberata per l’economia reale, i posti di lavoro, la ricerca , l’Università e la scuola?

4 CREAZIONE DIUN’AREA DI SCAMBIO PARITARIA A LIVELLO INTERNAZIONALE: formata d aquegli stati disposti a seguire le stesse regole nostre dovunque siano, in Europa in particolare (Spagna, Grecia, Portogallo, Inghilterra , Norvegia, Danimarca, Russia) le multinazionali che volessero vendere nel territorio di queste nazioni dovrebbero costruire le fabbriche in quegli stati: tariffe ed agevolazioni di libero scambio al suo interno, DAZI DOGANALI per i prodotti fatti all’estero ed importati dove i salari sono da sfruttamento e da fame.

Utopia? NO ASSOLUTAMENTE basta solo il coraggio civile e la fiducia nelle possibilità e nel “genio” del proprio popolo ed essere guidati da gente in buona fede ed onesta in concordia e senza più lotte provocate dal grande capitale apolide e usuraio!

NO alle MULTINAZIONALI CRIMINALI! NO ALLE BANCHE DA RAPINA!SI- AL LAVORO ED AI DIRITTI ED DIGNITA? UMANA!

per contatti con Rivoluzione Democratica: riv.dem@gmail.com
Commenta su Facebook