di Gianni Lannes

New economy, grande rete, commercio elettronico, insomma nuove tecnologie che “rivoluzionano” l’esistenza. In una frase: nuovo ordine mondiale. Eppure il divario tra chi possiede ed accumula sempre più e chi non ha nulla, aumenta a dismisura. Nella società cybernetica lo spartiacque non è solo più il possesso, ma anche l’accesso. Il divario tra i paesi ricchi e quelli poveri (sempre più depredati di risorse e materie prime) diventa sempre più grande, consolidando un isolamento sempre maggiore. Nell’era dell’accesso per l’industria non è tanto importante vendere un prodotto quanto poter gestire, commercializzare e comprare il nostro tempo. Inquietante vero? Ma siamo già immersi fino a collo in questa deriva. In altri termini: il sistema di potere compra il tuo tempo. Il pericolo incombente? La cultura stessa diventa una “risorsa” che noi utilizziamo, sfruttiamo e trasformiamo in business. Ossia, la cultura viene trasformata in ossessivo intrattenimento. E’ possibile sopravvivere in un mondo dove le relazioni vengono commercializzate, dove il nostro tempo viene comprato a poco prezzo? Io credo di no. Il 62 per cento della popolazione mondiale non ha mai fatto una telefonata e il 40 per cento non ancora la possibilità di usare l’energia elettrica. In realtà la new economy è stata fabbricata per una parte minoritaria dell’umanità: un 20 per cento di popolazione che può permettersi di trascorrere, senza difficoltà, dal mondo reale a quello virtuale. Non a caso miliardi di persone muoiono di fame, per sete e a causa di malattie facilmente curabili. E il sistema non muove un dito: il sistema ha creato queste condizioni di sterminio lento ma inesorabile. Qual è il fine della guerra ambientale in corso? Semplice: una drastica riduzione della popolazione mondiale. E’ in corso da tempo una sempre più virulenta selezione della specie umana. Già, ma chi se n’è accorto, se incombono distrazioni e distorsioni continue? Gli eventi più pericolosi sono banalmente sotto gli occhi delle masse abbindolate. Apriti cielo.
Commenta su Facebook