I sostenitori della proposta citano una vasta gamma di potenziali benefici reali e immaginari. Tra questi: possibili riduzioni di rapina a mano armata, dell’evasione fiscale, del commercio del mercato nero, il costo di stampa, e altro ancora. I critici, però, mettono in guardia dalle situazioni pericolose e orwelliane che potrebbero nascere in un mondo in cui i governi possono monitorare letteralmente ogni acquisto, transazione e attività economica. Alla luce di quanto lo scandalo dello spionaggio NSA ha recentemente esposto , le possibilità di abuso e di sorveglianza totale sono più che ipotetiche, ovviamente.
Mentre il “dibattito” si concentra sui presunti benefici della proposta, più di un paio di governi e banche centrali stanno già lavorando duramente con l’obiettivo di ridurre la dipendenza dal denaro tra i cittadini e le imprese, che come ammettono apertamente, è un passo per il fine ultimo di eliminare tutte le transazioni in contanti, presumibilmente inaugurando un meraviglioso mondo della “sicurezza” del fiorente commercio digitale. Il lato oscuro è raramente discusso, ma come il passaggio verso una “società senza contanti” accelera, i critici suonano sempre l’allarme.
Naturalmente, i sostenitori dell’abolizione del contante hanno cercato di ritrarre la situazione come un fenomeno naturale ed organico  – una sorta di “evoluzione” nella società umana, forse. In una vignetta proposta il 2 luglio dalla CNN, la “notizia” ha  anche incluso un grafico che pretende di mostrare “L’evoluzione di una società senza contanti”, sottolineando che ogni paese è sulla strada per abolire interamente i contanti. A quanto pare gli Stati Uniti è a un punto critico, mentre il Canada, il Belgio, la Francia, la Svezia, e altri sono “quasi cashless.” Altri paesi sono o presso sono in “transizione”.
In realtà, però, le “tendenze” difficilmente nascono spontanee. Il big Business ha svolto un ruolo importante. I governi, nel frattempo, stanno in gran parte guidando il progetto con i finanziamenti pubblici.Potenti e controverse organizzazioni stanno aiutando a foraggiare il tutto e costruire una parvenza di sostegno pubblico. Nel settembre del 2012, per esempio, la Fondazione Ford, che finanzia tutto, dalla “giustizia riproduttiva” allo  “sviluppo sostenibile” , ha presentato quella che ha definito la sua “Better Than Cash Alliance.”
Sul suo sito web, è descritto così: “. I partner Better Than Cash dell’Alleanza con i governi, la comunità di sviluppo e il settore privato per emancipare le persone passando dai contanti ai pagamenti elettronici” Tra le organizzazioni coinvolte nel partenariato radicale ci sono la CIA -la Fondazione Ford, l’USAID, la Fondazione Bill and Melinda Gates , importanti banche, la Visa, e altro ancora.
Anche l’ONU è al centro della progetto, con il Fondo di sviluppo delle Nazioni Unite che funge da capitale del segretariato dell’alleanza . Altre ambiti dell’ONU coinvolti sono il Programma alimentare mondiale e il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP).Diversi governi e  agenzie ufficiali sono elencati sul sito dell’alleanza, comprese le autorità del Malawi, Colombia, Kenya, Afghanistan, Perù e Filippine. Alcune agenzie umanitarie nominalmente private sono coinvolte.
Traduzione di Salvatore Santoru – InformazioneConsapevole
Commenta su Facebook