Jacques Attali torna a ribadire sulla stampa tedesca la sua opinione sulla Germania: un paese senza futuro, la bassa natalità è il vostro vero problema. Da Focus.de
Jacques Attali è uno degli economisti piu’ influenti in Francia oltreché un grande autore di bestseller (nel complesso piu’ di 60 libri), è consigliere del presidente Hollande e in passato lo è stato dei presidenti Francois Mitterrand e Nicolas Sarkozy. Nell’intervista si schiera apertamente fra le fila dei critici verso la Germania, fatto che non getta una luce positiva sulla relazione franco-tedesca.
Focus: I presidenti francesi non sono mai stati particolarmente bravi nel pensare a lungo termine. Il debito record e la mancanza di riforme non ne sono forse una conseguenza?
Attali: Non mi piacciono questo tipo di domande. La Germania in molti ambiti ha una prospettiva di lungo periodo decisamente peggiore rispetto a quella francese. Lo mostra il disastroso sviluppo demografico tedesco.
Focus: In Francia l’economia è di nuovo a un passo dalla recessione, mentre in Germania è tornata la crescita…
Attali: La Francia al contrario della Germania si trova in una buona situazione. Per certi versi è la Germania il vero malato d’Europa…
Focus: Ce lo deve spiegare, perché la Germania sta stabilizzando l’Euro e secondo quasi tutti i criteri economici è messa molto meglio della Francia
Attali: La bassa disoccupazione tedesca è uno scherzo, considerando che in molti sono costretti a lavorare per 5 € lordi l’ora. Il sistema bancario tedesco è in bancarotta, per questo il governo non vuole il controllo di un organismo europeo. La Germania è un paese sempre piu’ vecchio con una scuola elementare disastrosa ed una produttività sempre piu’ bassa, perché la maggior parte dei prodotti esportati vengono sempre piu’ spesso copiati.
Focus: Fatto che pero’ non impedisce alla Germania di restare il campione mondiale dell’export.
Attali: Il vostro paesi oggi è obbligato a restare in questa posizione e a risparmiare, per cercare di sopravvivere in futuro. Con un tasso di natalità cosi’ basso, il futuro della Germania sarà molto difficile.
Focus: Lei è d’accordo con il suo presidente Francois Hollande sul fatto che la crisi ormai è superata?
Attali: Siamo ancora molto lontani dalla fine della crisi economica internazionale. Io credo che tornerà ad accentuarsi, considerando il pessimo stato dell’economia europea e americana.
Focus: Monsieur Attali, lei sta tracciando il ritratto di una Germania in grande difficoltà. La Cancelliera Merkel è saldamente al governo ed è rispettata dal popolo. Nel suo paese invece il leader della destra radicale Marine Le Pen è molto piu’ popolare del presidente. Come fanno le due cose a stare insieme?
Attali: I numeri sulla popolarità del presidente Hollande non contano. Essere impopolare puo’ anche essere il segnale che si sta facendo una buona politica. Guardi cos’è accaduto a Gerhard Schröder dopo aver fatto le riforme: è stato sconfitto alle elezioni. E Hollande ha ancora quattro anni davanti a sé.
Focus: Dopo tutto il 40% dei francesi trova Marine Le Pen simpatica…
Attali: Questo ovviamente è un problema. E’ la società nel suo complesso a dover reagire alle parole semplici della destra radicale: “Fuori gli stranieri, fuori dall’Euro!”. Non basta condannare questo nemico. Bisogna portare degli argomenti e discuterne. Io paragono la situazione attuale in Francia, in riferimento alla destra radicale, a quella della Germania nel 1933, poco prima che il partito nazista vincesse le elezioni
Focus: Un confronto drammatico, perché la Francia non riesce a fare i conti con l’estrema destra? La destra da decenni alle elezioni raccoglie sempre piu’ del 15% dei voti.
Attali: Anche in Germania avete forme di estremismo. Ci sono tendenze simili anche nel partito “Alternative für Deutschland“. Solo che a causa della storia tedesca questi estremismi vengono visti in maniera critica. Il pericolo tuttavia è simile a quello francese. Se una democrazia non si interessa allo sviluppo economico di lungo periodo, saranno gli estremisti ad avere il sopravvento.
Commenta su Facebook