DI TYLER DURDEN
Zero Hedge

Chiedetevi perché i titoli greci a due anni sono appena affondati, facendo schizzare il suo tasso di interesse al ridicolo 39,09% (una mossa da 312 punti base in un giorno solo)? Non vi fate più domande. Secondo Ewald Novotny della BCE, la banca centrale ha messo da parte le richieste tedesche e consentirà alla Grecia un default “temporaneo”. Naturalmente, quello che accadrà sarà un completo congelamento del mercato dei capitali (vedi il grafico qui sotto che mostra i prestiti sulla Main Refinancing Operation della BCE mentre è ancora disponibile) ma che problemi ci sono: i pianificatori centrali pensano che sia tutto sotto controllo.

Da Bloomberg:

Il membro del consiglio della Banca Centrale Europea, Ewald Nowotny, ha suggerito che le banche dovranno accettare dei compromessi e consentire alla Grecia un default temporaneo mentre i funzionari si muoveranno per sistemare la crisi del debito sovrano che si sta allargando all’Italia e alla Spagna prima della riunione del leader che avverrà fra due giorni.

Mentre il costo per il finanziamento alla Spagna è arrivato a 4,45 miliardi di euro nei titoli messi all’asta oggi, i legislatori stanno cercando di alleggerire lo strappo che ha spinto i tassi di interesse sui titoli a dieci anni di Spagna e Italia al di sopra del 6 per cento per la prima volta da quando l’euro ha debuttato dodici anni fa. La BCE ha sinora asserito che un default della Grecia potrebbe avviare una nuova crisi finanziaria, facendo fallire la mossa tedesca per spingere gli investitori a pagare il conto del secondo salvataggio del paese ellenico.

“Dovrà essere studiato molto attentamente”, ha riferito in un’intervista trasmessa oggi dalla CNBC: “Ci sono alcune proposte per intraprendere una situazione di default selettivo a brevissimo termine che non avrà grosse conseguenze.”

Ironicamente, la BCE non si sbaglia sulle conseguenze, il che spiega la sua non volontà di spingere verso l’attivazione di questo piano. Comunque, la constatazione della Germania che nessuna delle sue banche è ricolma di debito greco è quello che ha consentito il proseguimento. Il problema, per tutti quelli che si dilettano di queste cose, sono le conseguenze inattese. E malgrado quello che si può leggere in vari testi di tutta una serie di opinionisti affermati, l’amministrazione era al 100% sicura di poter contenere Lehman quando invece è fallita. Orsù, è probabile che accada presto o tardi.

Abbiamo ancora un pensiero angosciante che un default temporaneo della Grecia possa essere annunciato entro le prossime 48 ore quando i leader dell’Unione Europea si incontreranno giovedì.

Una cosa è certa: le banche europee non hanno alcuna possibilità, con i prestiti sotto l’MRO settimanale della BCE che è salito ai massimo del 2011 arrivando a 197 miliardi di euro mentre tutti stanno cercando di puntellare i propri capitali in attesa di quello che potrebbe essere un congelamento totale della liquidità nella prossima settimana.

 

********************************************

 

Fonte: http://www.zerohedge.com/article/greek-bonds-collapse-ecbs-nowotny-announces-bank-will-compromise-agree-temporary-greek-defau

19.07.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

 

Commenta su Facebook