Mauro VoerzioMauro Voerzio

Fabio Prevedello, Mauro Voerzio e Matteo Cazzulani sono attivisti e propagandisti del golpe naziatlantista a Kiev, e sotto la protezione dell’intelligence della NATO (Gladio), i tre soggetti tramite l’organizzazione“Associazione Nazionale Italia Ucraina Maidan”, organizzano in Italia la raccolta di fondi destinati alle bande paramilitari della Guardia nazionale ucraina. Tali figuri, in sostanza, chiedono agli italiani di finanziare le stragi commesse dai neonazisti galiziani contro le popolazioni russofone ucraine (Odessa, Donetsk, Slavjansk), e responsabili dell’assassinio e della scomparsa di centinaia di dissidenti anti-golpisti.
Va ricordato che la guardia nazionale, che tali banderisti piddini vogliono finanziare, sono responsabili della scomparsa di almeno 200 persone che hanno sequestrato:
“Il 13 settembre, fonti di Novorossija hanno annunciato che: ‘Lo scambio di prigionieri è in stallo a causa del fatto che nel corso della registrazione nelle celle del servizio segreto ucraino (SBU) e nelle gabbie dei battaglioni neonazisti (guardia nazioonale), non sono state trovate numerose persone indicate sulle liste ufficiali presentate dal regime di Kiev alle autorità di Novorossija. L’SBU ha riferito che ‘queste persone non sono più nelle sue mani’. Ciò significa che dopo essere state sequestrate, queste persone sono morte per le torture o sono state giustiziate. I battaglioni (comandati da Arsen Avakov, “ministro degli Interni” di Kiev) si sono particolarmente distinti negli omicidi dei prigionieri. I battaglioni della guardia nazionale praticano la tortura ed esecuzioni extragiudiziali dei prigionieri sospetti sostenitori delle milizie di Novorosssija. Ora a Kiev si cerca di trovare un modo rapido per uscirsene da tale situazione. Un”opzione’ sarebbe dichiarare che i prigionieri di guerra scomparsi sono ‘fuggiti’; un’altra sarebbe annunciare che i prigionieri “ scomparsi” si sono pentiti e si rifiutarono di tornare” (un linguaggio menzognero assai consonante con quello della spia neonazista Voerzio quando esalta Majdan e accusa Putin d’infangare la nobile rivolta ‘spontanea’ di Majdan). Si parla di almeno duecento persone”. 24 ore prima della diffusione di tale notizia, Arsen Avakov che guida i suddette battaglioni della guardia nazionale (era con il battaglione neonazista Azov a Marjupol) dichiarava sulla sua pagina personale di Facebook: ‘Abbiamo preso due volte e imprigionato ‘Topaz‘. La prima volta la Corte di Kharkov l’ha messo agli arresti domiciliari, da cui è fuggito e dopo aver occupato la sede dell’SBU di Lugansk, combatté nella banda di Girkin (Strelkov). Poi l’abbiamo ripreso di nuovo e fu rilasciato dal carcere su richiesta della Procura della Repubblica (!!!) … Questa è follia, abbaglio… Quello che vedo è violare il buon senso a Kharkov, che aiuta i traditori, e il tradimento di Kharkov verso Euromaidan. Da ministro degli Interni del governo ucraino, non capisco e non accetto tali decisioni a Kharkov. Non capisco come tali decisioni possono essere prese. Penso che sia criminale, inaccettabile per l’Ucraina!’ Quindi, 200 prigionieri, la cui esistenza è stata ufficialmente confermata da Kiev sono scomparsi improvvisamente, e poco prima di ciò, Avakov sfogava la sua rabbia secondo cui i prigionieri che avevano non dovevano essere rilasciati. Confessione pubblica di un crimine contro l’umanità commesso dal ministro degli Interni ucraino Arsen Avakov. Sarebbe opportuno per la Russia e la Novorossiya avviare immediatamente un’indagine. A tal proposito, in un’intervista Avakov disse che se sapeva come gli eventi si sarebbero svolti nel sud-est dell’Ucraina, avrebbe fatto saltare l’edificio dell’amministrazione di Donetsk con i sostenitori della federalizzazione all’interno.”

Bw8vMKBCMAA56AQMercenario della Guardia nazionale

Mauro Voerzio, che si presenta come tour operator, partecipa fin dall’inizio ai tumulti banderisti di Majdan, probabilmente è l’ennesimo ‘gladiatore’ che, grazie alla protezione dei servizi segreti italiani (“l’unico italiano accreditato all’ambasciata italiana di Kiev”), viene sempre contattato dai mass media italiani per dettare la propaganda e la disinformazione da diffondere in Italia riguardo il golpe neonazista in Ucraina. Conclude i suoi interventi con lo slogan neonazista “Slava Ukraina!
Matteo Cazzulani, “responsabile per i rapporti del Partito Democratico metropolitano milanese” è il delegato del PD per “i rapporti con il dissenso ucraino” (oggi dovrebbe aggiornarsi, “per i rapporti con i golpisti al potere a Kiev”), ha “fatto parte della missione a Kiev del vicepresidente del parlamento europeo Gianni Pittella”. Quindi, il braccio destro dell’eurodeputato filo-golpista piddino Pittella organizza il finanziamento di bande armate e squadroni della morte in Ucraina responsabili dell’assassinio di centinaia di veri dissidenti anti-golpisti. “L’inglobamento dell’Ucraina nell’Unione Doganale Eurasiatica mette a serio repentaglio la sicurezza energetica ed economica dell’UE, che vedrebbe naufragare la possibilità di rafforzare la propria economia tramite l’integrazione di un Paese dalle enormi potenzialità umane, agricole, industriali come l’Ucraina”, si legge sul blog cazzulesco, dall’inecquivocabile nome “La voce arancione”. In sostanza, lo scopo del golpe majdanista viene qui dichiarato apertamente e nettamente: saccheggiare e devastare l’Ucraina a vantaggio delle potenze occidentali.

Pittella e CazzulatiPittella e Cazzulani in viaggio di paicere a Kiev, alla vigilia del golpe di Gladio

Fabio Prevedello, “esperto dell’Ucraina”, altro probabile ‘gladitore’, partecipa da subito, assieme a Voezio, al golpe di Kiev “euromaidan”, fondando a Milano “Euromaidan Lombardia” e dell’associazione “culturale”Europea Italia-Ucraina Maidan. Quindi un sodale di Voerzio.
Ricordo, ancora, che tutti costoro, spie, esponenti del PD, ‘docenti’ universitari, assieme alla russofoba e squallida giornalista Anna Zafesova, hanno partecipato ad un evento, la ‘Festa dell’Unità Ucraina‘, il cui scopo ‘umanitario’ reale era raccogliere fondi per l’organizzazione paramilitare neonazista ‘Guardia Nazionale dell’Ucraina’, a cui aderisce il famigerato battaglione del pedofilo Ljashko e del mafioso Kolomojskij ‘Azov‘, colpevoli di omicidi, stragi, torture a civili e prigionieri, ed altri crimini contro l’umanità.

wpid-1405369227049Fonti:
Liveleak
Qelsi
Gazeta Ukrainska

Commenta su Facebook

Tags: