di Peppe Meola

Quando si parla della crisi dell’ Eurozona, come di quella italiana, nei talk show politici raramente viene messo l’accento sulla responsabilità dellamoneta unica.
Quelle poche volte che accade, immancabilmente gli sventurati che si azzardano a mettere sul tavolo la questione vengono apostrofati comebestemmiatori sacrileghi; oppure come balordi dementi, ignari di ogni rudimento di economia.
Le cose in realtà stanno esattamente al contrario: è la scienza economica che spiega ampiamente le ragioni sistemiche per cui l’unione monetaria europea non può funzionare; e infatti non funziona.
Certo, pretendere di infilare nella testa degli italiani tutti i rudimenti di macroeconomia che spiegano come e perchè l’euro è un progetto senza futuro così, come se niente fosse… è impresa ardua.Soprattutto perchè nei media il tema è bandito peggio della pedopornografia!
Allora è utile cercare di semplificare le cose, per renderle di più immediata percezione e penetrazione; così come abbiamo fatto qui qualche tempo fa. A questo scopo tornano utilissime le rappresentazioni grafiche in slides. Quelli qui sotto sono state elaborate dalla blogger economica Gpg Imperatrice per scenarieconomici.it.
Leggete con attenzione e diffondete!

In questo articolo grafico vorrei spiegare l’attuale crisi che conosciamo in Italia da 4 anni. La Teoria e’ il Ciclo di Frenkel, teoria che finora ha funzionato alla perfezione, immancabilmente e sistematicamente per le casistiche di Unioni Valutarie o nei casi di adozione di una Valuta estera da parte di una nazione piu’ debole. Ovviamente l’ho rielaborata ed adattata graficamente, con l’obiettivo di renderla fruibile a chiunque.
gpg1 95 Copy Copy Capire la Crisi dell’Europa in 9 Slides (Reload per Dummies)
gpg1 96 Copy Copy Copy Capire la Crisi dell’Europa in 9 Slides (Reload per Dummies)
gpg1 97 Copy Copy Copy Capire la Crisi dell’Europa in 9 Slides (Reload per Dummies)
gpg1 98 Copy Copy Copy Capire la Crisi dell’Europa in 9 Slides (Reload per Dummies)

I 4 anni della crisi dell’ Eurozona, dalle varie crisi della Grecia, a quelle dell’ Irlanda, del Portogallo, Delle BancheSpagnole, di Cipro, ma anche le crisi che vedremo a breve (Slovenia, Cipro) e quelle che vedremo successivamente sono piu’ o meno tutte perfettamente inseribili nel ciclo visto, tutte!

Fateci caso con attenzione e guardate a voi le evoluzioni di dati ed indicatori economici.

Poi ad ogni crisi fatevi la domanda: ma se la crisi degenera e lo stato o l’ammasso bancario di turno crollasse, chi avrebbe la mazzata maggiore e pagherebbe? Ovviamente i cittadini dello stato zozzone di turno, ma anche i creditori di questo (e quindi i cittadini della nazione G). Pero’ a pagare il conto piu’ salato sono sempre altri.

Hanno venduto le Crisi delle Nazioni, delle Banche in tutti i modi possibili, dando punizioni morali ai levantini e lavativi e spreconi di turno, ma in realta’ le cause della CRISI che viviamo da 4 anni e vivremo in futuro sono perfettamente spiegabili da queste slides, e l’evoluzione della crisi e’ necessariamente quella segnata.

Beppe Grillo, bonta’ sua, una cosa giusta l’ha detta: “Perche’ con l’Unione Valutaria alla fine la Germania s’e’ arricchita e gli altri decisamente di meno?”. Bellissima domanda, la cui risposta e’ esattamente quella sopra evidenziata nelle slides.

Stay tuned

Commenta su Facebook