di Massimo Mazzucco

Quella che vedete in coda all’articolo è la scheda elettorale dello Stato della California. Anzi, è il manuale delle istruzioni che viene allegato alla scheda elettorale, per chi ha deciso di votare in California nella prossima tornata del 6 novembre.

Nella prima, seconda e terza pagina (che non abbiamo riprodotto), ci sono le istruzioni per votare il presidente e il vicepresidente degli Stati Uniti, con i vari senatori e deputati che la California manderà a Washington a partire dalla prossima legislatura.
Nella quarta e quinta pagina invece ci sono le famose “propositions”, che sono più o meno dei referendum propositivi con valore a livello statale (non federale). Queste “Props” vengono allegate ogni volta alle elezioni in ciascuno dei 50 stati, dopo che è stato raggiunto il quorum di firme necessario per portarle al ballottaggio.
Naturalmente, ogni Stato avrà la sua serie di propositons particolare, diversa da tutte le altre. Alcuni stati possono averne anche 20 in una volta, altri stati possono averne soltanto una o due. Quella che presentiamo è la lista delle propositions della California, che per le elezioni del 2012 ne elenca circa una dozzina. Abbiamo tradotto le più interessanti, per capire più o meno di cosa si tratta. […]
PROP 30 – FINANZIAMENTO TEMPORANEO DELL’EDUCAZIONE. Aumenta le tasse sui redditi superiori a $ 250.000 per sette anni, e la tassa sulla vendita di 1/4 per cento per quattro anni, per finanziare le scuole. Garantisce che venga riallineato il finanziamento per la sicurezza pubblica. Impatto fiscale: aumenta l’introito fiscale dello Stato fino al 2018-199 con una media di circa 6 miliardi annui per i prossimi anni. L’introito fiscale può essere utilizzato per i fondi del bilancio statale. Nel 2012-13 non avverranno i tagli sulla spesa previsti soprattutto per i programmi scolastici.
PROP 31 – FINANZIAMENTI ELETTORALI. Proibisce ai sindacati di utilizzare fondi tolti dalla busta paga per motivi politici. Applica lo stesso tipo di proibizione alle deduzioni dalla busta paga, qualora esistenti, delle corporation o delle ditte appaltate dal governo. Proibisce contributi dei sindacati o delle corporation ai candidati e ai loro comitati elettorali.
PROP 34 – PENA DI MORTE. Revoca la pena di morte e la sostituisce con il carcere a vita, senza possibilità di libertà anticipata. Si applica retroattivamente a tutte le pene di morte esistenti. Destina 100 milioni di dollari alle forze di polizia per investigare su casi di omicidio e di violenza sessuale.
PROP 35 – TRAFFICO DI ESSERI UMANI. Aumenta le pene e le sanzioni per le condanne per traffico di esseri umani. Obbliga i trafficanti di esseri umani condannati a venire registrati accanto ai molestatori sessuali. Richiede che i molestatori sessuali debbano rendere trasparente le loro identità e le loro attività in Internet.
PROP 37 – CIBO GENETICAMENTE MODIFICATO. Richiede l’etichettatura di cibo fatto con materiali genetici cambiati in modo particolare. Proibisce di mettere sul mercato questi cibi definendoli come “naturali”.
PROP 38: TASSA PER FINANZIARE EDUCAZIONE INFANTILE. Aumenta le tasse sul reddito in maniera proporzionale per 12 anni. Gli introiti vanno agli asili e ai programmi scolastici della prima infanzia, e contribuiscono anche, per quattro anni, a ripagare il debito pubblico [della California].
Che cosa succederebbe se anche in Italia si potesse aggiungere, ogni volta che andiamo a votare, una serie di proposte di legge che vengono direttamente da parte dei cittadini? Perché non modifichiamo la nostra costituzione e permettiamo, oltre al referendum abrogativo, anche quello propositivo?

 

Link

Commenta su Facebook

Tags: