Inviato da Johnny Contanti

Un post del blog “The monetary future[1] fornisce un’eccellente sommario del perché potrebbe essere controproducente cercare riconoscimento legale per Bitcoin. E’ stato scritto da un utente anonimo in risposta ad un articolo pubblicato su TorrentFreak, ma non è chiaro perché il commento non appare nella sezione dei commenti dell’articolo. Tale legge rispecchia anche la soluzione Austriaca alla corrente crisi che attanaglia le varie nazioni, ovvero, far fallire quelle entità improduttive (i cosiddetti “amici degli amici”) che campano solo grazie al cordone dello Stato in modo che le piccole imprese (la vera spina dorsale dell’economia) possano sorgere e prendere il loro posto. Questo sarebbe un percorso sensato per alleviare la disoccupazione che il QE2 non ha alleviato affatto.

 

Questo pezzo, il “Red Flag Act del 1865[2], si conclude con queste righe:

«La morale della storia è che ad un’industria turbata dagli avanzamenti tecnologici non dovrebbe essere mai permesso né di beneficiare da leggi speciali né essere confusa con l’interesse pubblico, ma le dovrebbe essere permesso di morire il più velocemente possibile, in modo che nuove industrie e nuovi lavori possano emergere.»

In realtà, questa non è affatto la morale della storia.

La morale della storia è che lo Stato è il nemico del progresso e che le compagnie usano lo Stato per soffocare il progresso e danneggiare la società, e non dovremmo più permettere che ciò accada.

Non dobbiamo permettere allo Stato di interferire con i nuovi modelli d’impresa che circondano l’abbondanza creata dalla rivoluzione digitale. Non dobbiamo permettere allo Stato di azzoppare o distruggere la rivoluzione monetaria che Bitcoin rappresenta.

Non dobbiamo permettere o accettare nessuna legge che abbia a che fare col copyright o con Bitcoin, e dove esiste una legge simile, dovremmo attivamente ignorarla.

Dobbiamo comprendere che alla radice del Red Flag Act del 1865, dei brevetti che soffocavano lo sviluppo del motore a vapore, del Sony Bono Copyright Extension Act, dell’ACTA, dell’HADOPI, delle miriadi di leggi sul copyright e di tutte le altre leggi che danneggiano la società e che sono stilate al comando e dalla mano dell’industria, c’è un potere che da forza a tutte: l’esistenza e la violenza dello Stato.

Se continuate a pregare lo Stato per la vostra libertà, non la otterrete mai. Se vi unite allo Stato e provate a cambiarlo dall’interno, potreste spendere la vostra intera vita a provarci, ma probabilmente fallirete, e nel frattempo il danno alla società ed alle persone sarebbero di una grandezza incalcolabile. La prova di ciò è il fiume incessante di nuove leggi come il Red Flag Act del 1865 che vengono implementate ogni anno.

Ognuno sulla Terra ha un interesse in ciò e deve alzarsi ed affrontare questi fatti apertamente. Lo Stato è la causa di tutti i nostri problemi. Piuttosto che lamentarci dei nostri diversi problemi uno alla volta (gay e matrimonio, drogati e proibizionismo, copyright, libertari e denaro) dovremmo raggrupparci in una volta con le nostre asce per tagliare la causa radicale dei problemi di tutti: lo Stato.

Lo Stato ha un impatto su tutti, danneggia chiunque e rende la vita umana una miseria. Lo Stato assassina, ruba, distorce e distrugge. E’ il nostro comune nemico e dobbiamo combatterlo tutti insieme, non importa chi siamo o quale sia la nostra particolare lagnanza.

Ci sono cose che abbiamo bisogno di tenere a mente, che non dobbiamo assolutamente fare.

Non si può essere da un lato per la fine dell’interferenza statale in una propria particolare area d’interesse ed anche per il controllo sulle altre persone. Ciò è irrazionale, immorale ed è il modo principale con cui lo Stato prova a continuare a vivere. Ognuno dovunque ha una ragione per sostenere l’esistenza dello Stato, perché si vuole che le altre persone obbediscano ad alcune leggi o regole. Questo è un problema fondamentale a cui bisogna indirizzarsi, e la parte finale del puzzle ed il risveglio che infine metterà fine allo Stato.

Smettete di mendicare per la vostra libertà con dimostrazioni, inutili marce, proteste e lettere scritte allo Stato. Se si vuole la propria Libertà, la si deve afferrare. Bisogna accettare Bitcoin come pagamento di beni. Copiare qualsiasi cosa si voglia, qualora lo si voglia. Sposare chi si vuole. Fumare marijuana. Giocare d’azzardo online. Fare qualsiasi cosa si voglia che lo Stato obbliga a non fare, fintanto che non si danneggi nessuno quando lo si fa.

Come abbiamo visto con il fallimento folle e catastrofico della “Guerra alla Droga”, lo Stato non può fermare nessuno dal fare quello che vuole. Può solo prendere un pugno di persone qui e là per farne un esempio. Il vero potere dello Stato è la PAURA (prove false che sembrano vere).

Bisogna dire a tutti che il nostro vero nemico è lo Stato, e fare capire loro il grande disegno. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è che le persone produttive smettano di cooperare con lo Stato per assestargli un colpo mortale.

Possiamo vivere in un mondo migliore, prosperoso, pacifico e produttivo se abbandoniamo lo Stato. Se siete stanchi di tutte le guerre, i salvataggi dei banchieri, le leggi folli, il proibizionismo, la discriminazione, la brutalità della polizia, i prezzi crescenti, la messa al bando delle erbe in medicina e qualsiasi cosa che per voi è buona e che sia il vostro diritto, dovete mollare l’idea dello Stato. Dovete smettere di finanziarlo, smettere di chiedergli aiuto, smettere di recitare la sua propaganda, il suo folklore, le sue bugie ed i suoi nonsense.

So che quello che ho appena scritto è difficile da digerire per molti. Capisco che molti di voi sono spaventati dall’idea della morte dello Stato. Tutto quello che vi posso dire è questo; il mondo superiore che emergerà velocemente dopo la morte dello Stato sarà abbastanza da cambiare la vostra mente e far scomparire la vostra paura per sempre.

Lo status quo dovrebbe essere inaccetabile per chiunque, dal momento che ognuno è influenzato negativamente dallo Stato. La vita di ognuno è toccata dal veleno dello Stato e mentre la crisi economica continua a mordere, lo Stato diventerà crescentemente disperato per rimanere attaccato al potere. Guardate alla Grecia per un’indicazione di quello che faranno una volta che saranno sfidati; lo Stato greco ha reso illegali le transazioni di denaro ed ha spedito i suoi energumeni per le strade. Il che ci riporta al come distruggerli; marciare nelle strade vi farà solo essere malmenati o sparati. Abbiamo bisogno di ritirare denaro e consenso allo stesso tempo, e questo è tutto quello che dobbiamo fare. Lo Stato sopravvive sul nostro consenso e sul nostro denaro. Fermateli entrambi e non avrà più nessuno per attaccare fisicamente con manganelli e gas lacrimogeni. Si avvizzirà e morirà come la Strega nel Mago di Oz.


Traduzione per il Portico Dipinto a cura di Johnny Contanti

Commenta su Facebook