A qualche “guru” della sovranità monetaria “de noantri” verrà un coccolone nel leggere questa notizia. Chi, al contrario, ha punti di vista economici meno demagogici sorriderà sotto i baffi.

Il cambio del peso argentino contro il dollaro è oggi sceso dal 7,1  all’8,01, una flessione dell’11% che segue al calo del 3,2% segnato ieri. Da gennaio la valuta argentina si è deprezzata di quasi il 19% nei confronti del biglietto verde – che non è che goda di grandissima salute – e negli ultimi due giorni la banca centrale del paese sudamericano si è tenuta fuori dal mercato, evitando operazioni di acquisto che rafforzassero artificialmente la moneta.

Si tratta, insieme alla serie di minimi storici toccati dalla lira turca in questi giorni e all’altrettanto preoccupante crollo della rupia indiana, di un nuovo segnale della crisi valutaria che sta colpendo le economie emergenti, interessate negli ultimi mesi da forti movimenti di capitale in uscita. La causa del fenomeno e’ l’avvio del ‘tapering’, ovvero la riduzione degli stimoli monetari iniziata dalla Federal Reserve. Con la diminuzione della quantità di dollari a buon mercato in circolazione, gli investitori preferiscono ora riportare le loro attenzioni sugli Stati Uniti, che oggi promettono rendimenti più elevati, come dimostrano l’aumento dei tassi sui mutui e dei rendimenti dei titoli del Tesoro.

Le riserve di valuta estera argentine sono oggi scese a 29 miliardi di dollari dai 52 miliardi di dollari nel 2011 e la banca centrale non sembra riuscire a bloccare la fuga di liquidità, che si e’ accompagnata a una corsa dell’inflazione che, secondo stime delle associazioni imprenditoriali, avrebbe segnato l’anno scorso un balzo del 28,4%. Ieri il governo argentino è arrivato addirittura a imporre una tassazione del 50% sull’acquisto di beni all’estero via internet, una volta superata la soglia dei due acquisti all’anno, di valore non superiore ai 25 dollari cadauno

Fonte: http://www.lindipendenza.com/argentina-il-peso-perde-il19-sul-dollaro-fuga-di-capitali-e-nuove-tasse/

Commenta su Facebook