Usa e Arabia Saudita decidono di intensificare il sostegno “all'opposizione siriana”

Quando si tratta di errori di politica estera, gli Stati Uniti non hanno paura di commettere più volte gli stessi errori, scrive il blog americano ZeroHedge.
Come ha dimostrato un dispaccio diplomatico trapelato del 2006, gli Stati Uniti hanno cercato attivamente di alimentare la violenza settaria in Siria da almeno dieci anni e parte di questo sforzo è consistito nel coordinarsi con l’Arabia Saudita, il Qatar e la Turchia nel sostenere gli estremisti sunniti.
Tale sostegno ha portato a ciò che deve essere considerato il risultato più assurdo della politica estera più assurda della storia politica moderna: Washington, Ankara, Riyadh e Doha hanno addestrato ed equipaggiato un gruppo di combattenti, hanno detto loro di andare a destabilizzare Assad, ma questo Frankeistein gli è sfuggito di mano e mirava a rifondare un califfato medievale.
Come abbiamo documentato più volte, gli sforzi di armare e addestrare i “combattenti per la libertà” siriani si sono risolti in un fallimento.
Il tentativo del Pentagono di costituire “un esercito siriano” è iniziato a maggio con un comunicato stampa del tutto ridicolo che tentava di spiegare il processo di “selezione” dei ribelli. In estate, gli Stati Uniti erano riusciti a mettere in campo solo circa 60 combattenti. Nel mese di luglio sono stati attaccati da Al Qaeda che ha rapito il comandante del gruppo. A settembre, il generale Lloyd Austin ha ammesso al Congresso che solo “quattro o cinque” combattenti erano ancora attivi sul terreno. Il resto era stato ucciso, catturato o aveva disertato nell’ISIS.
Ora che la Russia è in procinto di cancellare tutto ciò che si presenta come un ribelle e ora che Hezbollah, l’IRGC, e le varie milizie sciite Teheran sono impegnate a marciare su tutto ciò che si presenta come un estremista sunnita, Washington tenta di rifornire questi “soldati per procura”. Questo è assurdo per due motivi, i) gli Stati Uniti stanno dando armi a soldati che stanno cercando di uccidere i russi e gli iraniani, il che significa Washington sta letteralmente conducendo una guerra contro Mosca e Teheran, e ii) sta dando al Free Syrian Army le stesse armi anticarro da usare contro le stesse milizie sciite che Washington sostiene in Iraq (vale a dire che sono “alleati” in Iraq, e nemici in Siria).
Lo sforzo di riarmare i ribelli è oggi più urgente che mai dal momento che la Russia e l’Iran stanno avanzando su Aleppo. Se Aleppo cade nelle mani dell’esercito governativo, è game ove. Assad sarà di nuovo saldamente al potere e Putin e Soleimaini potranno puntare all’Iraq. Il governo di Baghdad avrebbe “concesso alla Russia una autorizzazione per colpire i convogli dell’Isis provenienti dalla Siria”, ha rivelato con un tweet il capo della Commissione Sicurezza e Difesa del parlamento iracheno, Hakim al Zamali.
Quello che è invece chiaro è che Washington e Riyad non hanno imparato molto dalla miriadi di errori che hanno accompagnato l’intera strategia di “addestrare ed equipaggiare estremisti sunniti” perché ora, gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita hanno deciso di aumentare il sostegno ai ribelli siriani (che combattono contro Assad e quindi contro Russia e Iran). Come sempre, la scusa è “combattere l’ISIS”.
“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi» (Albert Einstein)
Da RT,
In una riunione a Riyadh, il Segretario di Stato, John Kerry e il re dell’Arabia Saudita Salman bin Abdelaziz, hanno concordato di aumentare il sostegno all’opposizione siriana considerata “moderata”.
Il Segretario di Stato,  John Kerry, ha incontrato a Riyad  il Ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir e Re  Salman. Nel corso della riunione, Kerry e il monarca saudita hanno sottolineato la necessità di intensificare gli sforzi internazionali per raggiungere la stabilità in Siria finché il presidente Bashar al Assad è in carica, ha reso noto AFP.
“Entrambe le parti hanno notato l’importanza di mobilitare la comunità internazionale nel sostenere il loro obiettivo e hanno ribadito la necessità di una transizione da Assad”, ha riferito il portavoce del Dipartimento di Stato, John Kirby.

“Hanno promesso di continuare a intensificare il sostegno per l’opposizione siriana moderata sia per continuare il percorso politico”, ha aggiunto.

Inoltre, Kerry ha ringraziato il re ‘dall’Arabia Saudita per sostenere gli sforzi multilaterali per facilitare una transizione politica in Siria “, ha affermato Kirby.
Kerry ha visitato Riyadh dopo un incontro a Vienna con i ministri degli esteri di Russia, Turchia e Arabia Saudita, dove è stata discussa la questione della Siria. Sabato scorso, il ministro degli Esteri russo  Sergey Lavrov,  ha detto che  la Russia “non ha mai smesso di lavorare con il governo siriano e l’opposizione.” “Probabilmente, siamo l’unico paese che sostiene e mantiene contatti con tutte le forze politiche del paese”, ha aggiunto il ministro.
Notate l’ipocrisia  
• Il Segretario di Stato John Kerry e il re saudita Salman hanno concordato di aumentare il sostegno alle forze siriane.
• “Il segretario ha ringraziato il re per dell’Arabia Saudita per il sostegno agli sforzi multilaterali per facilitare una transizione politica.”
Così, da un lato, Kerry e Salman stanno paracadutando più armi e munizioni sulla Siria, e, dall’altra, si stanno dando pacche sulla schiena per il perseguimento di “una transizione politica.”
Così, tornando al punto di partenza, Washington sta ancora una volta ripetendo una strategia che non solo è stata un fallimento dimostrabile, ma ha i) favorito l’ascesa di organizzazioni terroristiche brutali, ii) ha fomentato la discordia innescando una guerra civile prima e una guerra per procura poi che è costata centinaia di migliaia di vite e milioni di sfollati, e iii) ora rischia di innescare una guerra mondiale, con gli Stati Uniti ed i loro alleati regionali che stanno effettivamente incoraggiando i ribelli ad uccidere i soldati iraniani che combattono sotto la copertura del supporto aereo russo.
C’è bisogno di aggiungere altro?
Fonte: http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=13134
Commenta su Facebook