Il Dipartimento di Stato americano ha approvato una proposta per vendere più armi a Israele, compreso un supporto tecnico per un valore stimato di 440 milioni di dollari, secondo un comunicato stampa di “Defense Security Cooperation Agency” (Dsca).

L’agenzia di Cooperazione per la Sicurezza della Difesa del Pentagono ha notificato al Congresso la decisione del Dipartimento di Stato, ed ha affermato che il governo israeliano ha chiesto di acquistare dal governo degli Stati Uniti bombe da 13,66 mm ed una varietà di materiali e strumenti di manutenzione navale, e servizi tecnici di ingegneria, di logistica e di supporto. Il costo stimato di tale accordo è di 440 milioni di dollari.

“Questa proposta di vendita dovrebbe contribuire alla politica estera e alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti, collaborando a migliorare la sicurezza di un partner regionale strategico che è stato e continua ad essere una forza importante per la stabilità politica e il progresso economico in Medio Oriente. L’attrezzatura migliorerà la capacità di Israele di rispondere alle minacce attuali e future per la difesa delle sue frontiere e delle acque territoriali”, riporta la dichiarazione del Dipartimento di Stato.

Nel settembre dello scorso anno, con l’amministrazione Obama, gli Stati Uniti hanno firmato un accordo per fornire a Israele 38 miliardi di dollari in assistenza militare per dieci anni. Secondo l’accordo, Israele sarà autorizzata ad aggiornare la maggior parte dei suoi aerei da combattimento, migliorare la mobilità delle forze terrestri e rafforzare i propri sistemi missilistici. Washington fornisce agli israeliani anche 3,1 miliardi di dollari ogni anno a partire da un accordo del 2007 con l’ex amministrazione del presidente George W. Bush.

“Dalla guerra di ottobre nel 1973, Washington ha fornito a Israele un livello di sostegno che danneggia gli importi forniti a qualsiasi altro Stato. Israele è stato il più grande destinatario annuale dell’assistenza economica e militare diretta degli Stati Uniti dal 1976 e il più grande destinatario totale dopo la seconda guerra mondiale. Il totale degli aiuti diretti degli Stati Uniti a Israele ammonta a ben 140 miliardi di dollari nel 2003. Israele riceve circa tre miliardi di dollari in assistenza diretta all’estero ogni anno, pari a circa un quinto dell’intero bilancio degli aiuti esteri dell’America. In termini pro capite, gli Stati Uniti danno a ciascun israeliano una sovvenzione diretta di circa 500 dollari l’anno. Questa larghezza è particolarmente evidente quando ci si rende conto che Israele è un ricco stato industriale con un reddito pro capite uguale alla Corea del Sud o alla Spagna”, (dal rapporto del servizio di ricerca del Congresso Us Foreign Aid to Israel scritto da Jeremy M. Sharp, specialista negli affari del Medio Oriente, datato 22 dicembre 2016).

Contrariamente alla politica ordinaria degli Stati Uniti, Israele è stato e continua ad essere autorizzato ad utilizzare circa il 26% degli aiuti militari Usa per l’acquisto di attrezzature da produttori israeliani. Secondo il Congressional Research Service (Crs), “a nessun altro destinatario dell’assistenza militare Usa è stato concesso questo vantaggio”.

Grazie in parte a questo sussidio indiretto degli Stati Uniti, l’industria degli armamenti di Israele è diventata una delle più forti del mondo. Tra il 2001 e il 2008 Israele è stato il settimo più grande fornitore di armi al mondo, vendendo 9,9 miliardi di dollari di attrezzature. Nel 2015 Israele ha venduto 5,7 miliardi di dollari in beni militari in altri Paesi.
L’ex assistente segretario della Difesa dal 2007 al 2009 ha chiesto: “Come è spiegabile il fatto che stiamo in competizione con gli israeliani nel mercato dell’approvvigionamento della difesa indiana, e contemporaneamente stiamo sovvenzionando l’industria israeliana della difesa?”.

Perché gli Stati Uniti danno così tanto denaro ad Israele?

Non importa quanto sia negativo il rapporto tra i principali leader dei due Paesi, non importa chi viene eletto alla Casa Bianca, non importa quanto rumorosamente alcuni elettori abbiano espresso la loro opposizione o quanto sia accusato il dibattito ideologico sottostante: gli Stati Uniti hanno ragioni pragmatiche per continuare a fornire grandi somme di denaro per l’esercito israeliano.

Basta chiedersi: quali industrie hanno maggiormente beneficiato di questo versamento di denaro? E quale Paese ottiene il maggior pacchetto di aiuti militari dagli Stati Uniti? Evidentemente tutte le strade non portano a Roma, ma in Israele.

di Cristina Amoroso

Il Faro sul Mondo

 

Commenta su Facebook