Kurt Nimmo
Infowars.com

jordanmap
Al-Mafraq e il confine Giordania-Siria, dove si dice che le truppe siano posizionate.

L’informatore attivista Sibel Edmonds ha riferito Domenica che “gruppi militari stranieri, stimati in centinaia di individui”, hanno assunto posizione nella città di al-Mafraq nella Giordania settentrionale, al confine siriano.

Il Blog di Edmonds ha cercato di contattare il Dipartimento della Difesa e di ottenere la conferma dei rapporti, ma alle 6:00 PM di Domenica non aveva ricevuto risposta.

Un aggiornamento sul blog di Edmonds, Boiling Frogs, afferma che “ad un giornalista di un importante giornale mainstream è stato detto dai suoi redattori che non ci sarebbe nessuna copertura o seguito, su questi sviluppi.”

La presenza di truppe straniere sono state segnalate anche da un ufficiale militare giordano che ha chiesto di rimanere anonimo. Ha detto che centinaia di soldati che parlano  lingue diverse dall’arabo sono stati visti durante gli ultimi due giorni (a partire da Domenica) muoversi avanti e indietro in veicoli militari tra la Base Aerea Re Hussein di al-Mafraq, a dieci chilometri dal confine siriano, e in prossimità dei villaggi giordani vicino al confine siriano, tra cui Albaej, l’area intorno alla diga di Sarhan, i villaggi di Zubaydiah e al-Nahdah adiacente al confine siriano.

Un’altra fonte di Boiling Frogs ad Amman ha identificato un centro di comando USA-NATO nel villaggio di al-Houshah vicino ad al-Mafraq e al confine siriano.

“Alcune delle forze Usa, che hanno lasciato la base Aerea di al-Assad Ain in Iraq Giovedi scorso, non sono tornate negli Stati Uniti o nella loro base in Germania, ma sono state trasferite in Giordania durante le ore serali,” ha detto al blog un giornalista iracheno con sede a Londra.

“Almeno un velivolo statunitense che trasporta personale militare è atterrato nella Base Aerea Principe Hassan che si trova a circa 100 km ad est della città di al-Mafraq,” ha riportato un’altra fonte.

Boiling Frogs ha fornito un’estesa copertura di notizie che i media istituzionali hanno ignorato in modo da mantenere il popolo americano all’oscuro dell’attacco alla Siria pianificato in seguito alla rimozione del governo in Libia e all’assassinio di Muammar Gheddafi.

Fonte: InfoWars 12 Dicembre 2011
Traduzione: Anna Moffa per 
ilupidieinstein.blogspot.com

Commenta su Facebook