piano già concepito

Attentati sponsorizzati dal governo – Precedenti storici l’11 settembre

Ho trovato interessante il visionare questo video dove svela molti retroscena di alcuni passati attentati terroristici precedenti al grande più plateale attentato terroristico del 11 settembre 2001. A titolo informativo invito anche voi a visionare questo documentario suddiviso in 13 parti. Il link sopra vi porta alla pagina YouTube dove automaticamente susseguiranno i vari video. Buona visione e un buon “risveglio”!

NOTA: Fonte http://www.roberto.info/2012/04/25/demolizione-classe-media/ 
Il mondo finanziario è in effetti sul serio ad un passo dal collasso sistemico, e probabilmente davvero crollerà. Ma sebbene ciò sia probabilmente inevitabile, non credo affatto che sia un processo casuale, né frutto della pur notevole stupidità umana. Si scorgono riconoscibili elementi di regia nell’avvicendarsi delle tappe della crisi, ben riconducibili al collaudato schema Problema-Reazione-Soluzione. Si genera proditoriamente un problema che causi nel pubblico una reazione (il pubblico chiede o comunque attende una soluzione) e quindi si fornisce la “soluzione”, che altro non è che ciò che fin dal principio si voleva fare. Il “problema” è solo il pretesto necessario per implementare una “soluzione” preordinata. Uno schema vecchio come il mondo. Con questo trucchetto hanno già rifilato un “governo tecnico” a noi e ad altri, ed aspettate a vedere cosa ci sbologneranno quando il sistema verrà giù sul serio.

Già, perché non si mette su tutto questo po’ po’ di caos per poi lasciare evaporare tutto senza capitalizzare con un Gran Finale e fuochi di artificio che dia i risultati per cui in effetti si è lavorato.

Un “11 settembre finanziario” che facesse saltare l’intero sistema finanziario mondiale fu apparentemente tentato già nel 2008, proprio nel solito giorno dell’11 settembre, quando ignote forze sottrassero nell’arco di un’ora 550 miliardi di dollari dal circuito bancario americano. Fu proprio questa deliberata operazione che scatenò la crisi che ci avrebbe impoveriti tutti. Ma l’obiettivo dell’azione andava assai al di là della crisi che poi ci è toccata, tutto suggerisce che il fine fosse la distruzione stessa del sistema finanziario mondiale. Il membro del congresso americano Paul Kanjorski della Pennsylvania ha rivelato in diretta televisiva i retroscena dei drammatici eventi di quel giorno, mai resi pubblici in altra sede, e mai smentiti dopo le dichiarazioni di Kanjorski. Ma neppure in seguito approfonditi da altri giornalisti – ovvero il perfetto marchio della roba che scotta.

Secondo il racconto di Kanjorski, alle ore 11 dell’11 Settembre 2008 (si noti la sovrabbondanza dei numeri 11 in tutte queste brutte storie moderne – alla lunga verrebbe il sospetto che l’11 porti sfiga – oppure fortuna, a seconda dei punti di vista) la Federal Reserve si accorge di un rapidissimo prosciugamento di liquidi dal sistema bancario americano. 550 miliardi di dollari vengono sottratti in un’ora soltanto. Si decide per un’immediata iniezione di liquidità di 105 miliardi di dollari, per tappare le falle. Ma ben presto ci si rende conto l’emorragia di denaro è troppo rapida e si calcola che alle due del pomeriggio essa avrebbe raggiunto i 5500 miliardi di dollari, il che avrebbe comportato l’immediata distruzione del sistema bancario americano, e nel giro di un giorno del resto del mondo. La crisi viene arginata in un modo che in seguito – se ho capito bene – avrebbe condotto al primo “salvataggio” da 700 miliardi di dollari, che poi i contribuenti americani avranno l’agio di pagare in comode rate. Kanjorski evita accuratamente di chiedersi di chi diamine fosse la mano invisibile in grado di prelevare dal circuito bancario 500 miliardi di dollari (!!!) in un’ora. Certe domande possono nuocere gravemente alla salute.

____________________________________________________________________________________________

NOTA:

Si parla di Italia a rischio terrorismo. Timore terrorismo certo! Ma non è che invece stanno per perdere il controllo? Vi sono stati sviluppi di scenari politici inaspettati: Pdl in caduta libera, altri partiti in simile scesa.. Palermo cambia sindaco.. Grillo che avanza col suo movimento infastidendo gli sconfitti.. La Francia cambia leader la Germania ne esce indebolita.. Si, gli scenari sono decisamente cambiati!
Dalla intervista ad un ex banchiere, e membro del Club Bilderberg, possiamo capire qualcosa, esso dice: “…Se avessero la sensazione che stanno per perdere il controllo, come nelle rivolte in Grecia e in Spagna, con l’Italia che probabilmente sarà la prossima, allora faranno un altro Gladio. Ero vicino alla rete Gladio. Come sapete istigarono il terrorismo pagandolo con soldi americani per controllare il sistema politico in Italia e in altri paesi europei.“.

Alla luce di quanto sta accadendo, questa frase di uno del Club Bilderberg, mi fa pensare.. e a voi?
Troverete più dettagli andando:

Fonte: http://neovitruvian.wordpress.com/2011/06/10/banchiere-svizzero-smaschera-i-criminali-del-bilderberg/
Fonte in lingua originale (inglese):http://noviden.info/article_239.html

E’ notizia di oggi che JP Morgan perde due miliardi di dollari, sbagliata la strategia degli investimenti; dicono..
JP Morgan ammette di aver perso 2 miliardi di dollari! Investimenti sbagliati, certo non male per giustificare un buco di due miliardi di dollari..

Parlando della banca Morgan Stanley:

(Con la manovra chiamata salva-Italia o affonda-Italia, fate voi.. il 10% per cento di tutto il maltolto del primo anno, due miliardi e mezzo di euro – pari allo 0,5 % del prodotto nazionale lordo – è stato da Monti immediatamente devoluto alla banca d’affari americana Morgan Stanley a copertura di una oscura, molto oscura operazione di derivati avviata da Mario Draghi anni fa. A casa di Morgan Stanley si è subito stappato champagne, con duemilacinquecento milioni di euro in più in cassa ce lo si può ben permettere. La quasi totalità della grande stampa italiana ha intensamente taciuto su dove siano finiti cotanti soldini degli italiani. Il finanziamento dell’editoria serve a ben questo). Approfondite fonte: http://www.roberto.info/2012/04/25/demolizione-classe-media/

Ritornando alla JP Morgan: Ma siamo sicuri che invece tale somma non sia servita per “investire” una preparazione, a organizzare uno spettacolare atto terroristico visto gli scorsi precedenti rivelati dall’ex banchiere membro del Club Bilderberg? Se ricordate disse: “…istigarono il terrorismo pagandolo con soldi americani”. La storia si ripeterà?

Osservate gli eventi che potrebbero accadere tra il 20-21 maggio 2012, e in data 06/06/2012

Mariella

Fonte: http://xena05.wordpress.com/2012/05/12/terrorismo-attentati-sponsor-dei-governi/

Commenta su Facebook