La realtà è che ancora una volta si tratta di offrire cibo pronto, trasformato, facile, senza radici, un cibo più subdolo, con la pretesa dell’ambiente.