Siria Archive

Guerra alla Siria: conferenza Cinquestelle con il vescovo di Aleppo

Mentre impazzano su  tutti i media notizie di inverosimili “bombardamenti di ospedali” o di “scuole sotterranee” da parte dell’aviazione siriana o russa (con la conseguente richiesta di una No-Fly Zone,  cioè, una nuova  guerra, forse mondiale) c’è chi lavora per la pace in Siria,

SIRIA, ROTTURA TRA USA E RUSSIA. ECCO PERCHÉ NON POSSIAMO PARLARE DI GUERRA FREDDA

(di Giampiero Venturi) 05/10/16 L’esito era già annunciato. Finita la breve esperienza del “cessate il fuoco”, in Siria la parola resta alle armi. L’ultima novità in ordine di tempo giunge delle dichiarazioni del portavoce della Casa Bianca Earnest “gli USA hanno esaurito la pazienza”

Assad: “Il futuro della Siria cambierà mappa politica mondiale”

“Il futuro della Siria cambierà la mappa politica del mondo”, a dichiararlo è stato ieri il presidente siriano Bashar al-Assad nel corso di un’intervista rilasciata al Teheran Foreign Policy Studies Quarterly. “La vittoria della Siria sul terrorismo porterà alla diffusione nel mondo di idee di

Avaaz esce allo scoperto contro la Siria

”E’ ora di dire basta …assieme possiamo convincere Obama, Renzi e tutti i leader internazionali che è ora di rispondere al terrore di Assad e di Putin …che i cittadini di tutto il mondo pretendano una “no fly zone”, una zona dove non possano

Gli Usa non vogliono liberare Aleppo

Alla fine gli Usa ricordano un po’ quei bambini che, quando qualcosa va storto durante unapartita di calcio, prendono il pallone, lo infilano sotto l’ascella e vanno via. Lasciando gli altri giocatori basiti. Fuor di metafora, è un po’ quello che è successo ieri

Resa dei conti ad Aleppo

Patrick Bahzad, Sic Semper Tyrannis, 03/10/2016 Sono passati diversi giorni dall’offensiva siriano-russa ad Aleppo e siamo di nuovo qui, contemplando il noto livello di devastazione urbana e sofferenza umana, chiedendo che piega prenderanno gli eventi ora che si prenderanno la città che incarna la

SIRIA: LA VERITÀ SULLE STRAGI DI CIVILI E SUI BARILI BOMBA

di Giampiero Venturi Da circa tre giorni, dalla Siria rimbalzano notizie di bombardamenti su obiettivi civili e conseguenti stragi ai danni di uomini, donne e bambini innocenti. La data coincide con l’inizio dell’offensiva massiccia delle forze armate siriane sui distretti orientali di Aleppo, ancora in

Evitare che l’Esercito siriano liberi Aleppo: Gli USA studiano la soluzione militare al conflitto in Siria

Il governo degli Stati Uniti ha avviato uno studio sulle misure per migliorare il supporto militare per l’opposizione siriana, e anche per attaccare le postazioni dell’esercito siriano, ha rivelato l’agenzia britannica Reuters, citando fonti dell’amministrazione nordamericana. Secondo l’agenzia, la discussione si svolge a livello di

ESCALATION! Sofri e Goracci si son già arruolati. E voi cosa aspettate?

Martedì 27,   la NATO ha annunciato l’invio di aerei-radar AWACS sul cielo siriano:  una chiarissima misura di  minaccia bellica contro la Russia, e di sostegno ormai spudoratamente aperto ai terroristi dell’IS  contro Damasco:  gli  AWACS servono infatti a dare la caccia agli aerei nemici,

Continua la campagna di disinformazione sulla Siria

di Luciano Lago Mentre continua la campagna di disinformazione e di menzogne dei media occidentali sulla Siria, campagna mirata a muovere l’opinione pubblica nella condanna delle “atrocità” commesse dalle forze siriane e russe in Siria, le tre potenze occidentali sponsor dei gruppi terroristi in

ALEPPO: SOTTO IL SISTEMA DELLA MENZOGNA, QUALCHE VERITA’

di Maurizio Blondet Il Financial Times e il Wall Street Journal  scrivono, come fosse cosa provata, che sono stati i russi incenerire il cosiddetto convoglio umanitario  verso Aleppo:  fatto sul quale il ministro russo Lavrov ha chiesto all’Onu un’inchiesta indipendente, sapendo benissimo che la

“Curdi e ribelli ci stanno massacrando”

Quando risponde al telefono, monsignor mons. Jacques Behnan Hindo, arcivescovo siro-cattolico di Hassaké-Nisibi, ha la voce roca. La voce di chi ogni giorno guarda in faccia la guerra. Sul sagrato dell’arcivescovado si affacciano due cecchini. Uno a trenta metri. L’altro a duecento. La tensione

Nuovi dubbi sul convoglio dell’Onu

Non si sa chi abbia realmente colpito il convoglio umanitario ad Aleppo, provocando la morte di almeno 21 persone. Ovviamente, non appena è stata diffusa la notizia, si è registrato il solito botta e risposta tra Stati Uniti e Russia. Il dipartimento della Difesa Usa ha

Missione Canaglia: il Pentagono ha forse bombardato l’esercito siriano per uccidere l’accordo sul cessate-il-fuoco?

“Tutto suggerisce che l’attacco… era stato deliberatamente ordinato da forze all’interno del governo degli Stati Uniti ostili al cessate-il-fuoco… Affermazioni sul fatto che caccia statunitensi fossero all’oscuro di chi stessero bombardando sono semplicemente non credibili, e sono categoricamente contraddette da altri resoconti dei media…” —

Putin avverte Netanyahu: I confini della Siria sono quelli della Russia

Putin avverte Netanyahu. La Russia non vuole interferenze nelle sue operazioni contro l’Isis in Siria. Netanyahu dal suo viaggio in Russia riesce a strappare a Putin la promessa di continui contatti fra le parti per evitare “incidenti”. Come ha riportato il portale web in

SIRIA, PAROLA D’ORDINE: DISINFORMAZIONE

(di Giampiero Venturi) 21/09/16 Rimaniamo su un piano oggettivo: in Siria c’è un governo, piaccia o non piaccia, legittimo e internazionalmente riconosciuto. La seconda cosa di per sé non garantisce la prima ed è bene a questo proposito fare una puntualizzazione. Esistono molti governi

“Il raid Usa non è stato un errore”

In tanti lo avevano ipotizzato: il raid americano che ha ucciso più di novanta soldati siriani e feriti oltre cento non è stato un errore. A sciogliere ogni dubbio, ci pensa il vescovo di Aleppo per i cattolici di rito latino, monsignor George Abou Khazen

Riconoscere negli Usa l’Anticiviltà

La superpotenza, i suoi complici, e i suoi (e nostri) media hanno toccato un nuovo livello di bassezza   con il bombardamento delle truppe siriane a Der Ezzor. Anche l’Australia, e persino la Danimarca con due caccia,  piccolo maramaldo,  hanno partecipato al proditorio attacco –

ISIS Air Force: gli aerei di Obama fanno strage di soldati siriani

Svolta drammatica della guerra siriana. Un raid aereo USA uccide decine di militari e all’istante parte offensiva ISIS. Mosca accusa Washington: li proteggete di Pino Cabras. Siamo di fronte a una svolta drammatica della guerra siriana. Nel pieno dell’incerta tregua negoziata da Russia e

La Siria abbatte un F16 israeliano sul Golan

di Salvo Ardizzone L’Agenzia Sana riporta l’abbattimento di un F16 israeliano a Quneytra, nel Golan, e di un drone vicino Damasco. Israele smentisce gli abbattimenti. L’Agenzia ufficiale Sana comunica che un caccia israeliano F16 è stato abbattuto mentre conduceva un raid nell’area del Golan,

IL FATTORE CURDO

Partiti e militanti curdi, e loro alleanze, sono divenuti i fattori principali nei teatri siriano, iracheno e turco. Anche se i curdi sono stati un fattore regionale significativo dalla metà degli anni ’80, il loro ruolo nella regione è diventato importante nel 2015 e

Ribelli “moderati” decapitano soldati

A poco più di un mese di distanza dalla decapitazione di Mahmoud, un povero bimbo palestinese decapitato dai ribelli di Harakat Nour al-Din al-Zenki (gruppo sostenuto da Turchia e Stati Uniti), ecco che arriva un’altra tragica notizia dal fronte siriano. Come è noto, i ribelli stanno avanzando verso la

Siria, l’incognita Erdogan

L’invasione della Siria, iniziata ormai più di una settimana fa, da parte dell’esercito turco ha ulteriormente complicato una situazione già abbastanza complessa nel paese mediorientale in guerra dal 2011. L’azione militare decisa dal presidente Erdogan era programmata da tempo, ma la sua attuazione è

Cuba invia alla Repubblica Siriana due tonnellate di vaccini contro tetano, difterite, pertosse e influenza!

All’aeroporto internazionale di Damasco che nel 2012 rischiava di cadere in mano alle orde di takfiri cannibali è atterrato un aereo cubano con un carico di materiale medico, principalmente vaccini, che costituisce una risposta di solidarietà socialita e anti-imperialista alle sanzioni imposte dai paesi

La Turchia s’infiltra in Siria, la Russia avvia grandi manovre

Il Ministero degli Esteri russo, in merito all’invasione turca in Siria, dichiarava “Mosca è seriamente preoccupata per gli sviluppi sul confine siriano-turco, ed è particolarmente allarmata dalla prospettiva che la situazione nella zona del conflitto continui a deteriorarsi, con conseguente maggiori perdite civili e

SIRIA. QUEI TRENTAMILA CADAVERI CHE L’OCCIDENTE NON RICONOSCE.

“Siamo riusciti ad identificare decine di migliaia di jihadisti abbattuti dalle nostre truppe” , dice in un’intervista a Sputnik il dottor  Hussein Nofal, presidente in Siria del comitato supremo di medicina legale: “Erano cittadini di Francia, Turchia, Irak, Arabia Saudita, Libano ed altri   paesi

L’invasione turca in Siria immette un nuovo elemento di tensione nel caos siriano

Le forze armate di Ankara sono entrate in territorio turco e si accingono a mettere ‘in sicurezza’ il corridoio che va dalla località siriana di Azaz a Jaralabus, per una profondità non ancora ben definita. Ma dietro le dichiarazioni della lotta all’Isis c’è ben

Trionfo di Erdogan. L’America si umilia e lo aiuta a cacciare i curdi

Il 24 agosto una dozzina di  cingolati e truppe della Turchia sono penetrati in Siria   per scacciare “i gruppi terroristi dalla frontiera turca e mantenere l’integrità territoriale della Siria”. Quella integrità territoriale che stavano violando…ma si sa: “integrità territoriale della Siria” è il mantra

Robert Kennedy Jr : Il vero motivo della guerra in Siria è un gasdotto dal Qatar verso l’Europa

In un articolo del 23 febbraio sulla rivista Politico, l’avvocato Robert Kennedy Jr, nipote dell’ex presidente americano John F. Kennedy, spiega quelli che – a suo dire – sono i veri motivi della guerra in Siria. Le radici del conflitto armato in Siria provengono

Siria, si apre il fronte curdo

La situazione siriana è talmente anomala ed ingarbugliata che, ancor prima della fine della guerra, si avvertono già le conseguenze dell’immediato dopoguerra; le armi nel paese non hanno ancora finito di tacere, anche se il governo di Damasco è riuscito da qualche mese a

SIRIA, ACCORDO MILITARE CON LA CINA: IL CAPOLAVORO DI PUTIN PER QUELL’ASSE A SOSTEGNO DI ASSAD

L’esercito cinese fornirà aiuti umanitari alla Siria. È questo l’accordo siglato poche ore fa tra Pechino e Damasco. La Cina potrebbe anche inviare istruttori per la formazione dell’esercito siriano. Secondo l’agenzia di stampa Xinhua, il direttore per la Cooperazione Internazionale della Commissione Militare Centrale,

Anche la Moschea di Noureddeen a Daraya viene conquistata dai governativi! Takfiri ormai allo stremo!

Dopo settimane di combattimenti tutt’intorno ad essa finalmente nelle ultime ore unità d’elite della fanteria siriana sono riuscite a strappare ai takfiri di Ajnad al-Sham la Moschea di Noureddeen che era stata trasformata dai terroristi eretici in una fortificazione. Con questo risultato Daraya risulta

PER RAGIONI UMANITARIE. ED EVITARE VITTIME CIVILI.

“Il mondo noterà che la prima  bomba atomica fu lanciata su Hiroshima, una base militare. Ciò perché volevamo in questo prima attacco evitare, per quanto possibile, l’uccisione di civili”. (Discorso del presidente Truman alla radio, 9 agosto 1945. La bomba su Hioshima era stata

SIRIA, NAVY SEAL IN PERICOLO: F-22 RAPTOR AUTORIZZATI AD ABBATTERE LA MINACCIA?

Non si è verificato alcun combattimento, ma gli F-22 Raptor inviati a massima velocità nei pressi della città di Hassakeh, in Siria, erano stati autorizzati ad abbattere qualsiasi minaccia a protezione dei Navy Seal impegnati sul terreno a sostegno dell’Unità di Protezione Popolare. Il

Come fare guerra psicologica con un bimbo ferito

Non cinismo, ma pura autodifesa contro i media manipolatori che nascondono migliaia di bimbi morti nel mondo: se mostrano la foto di un bimbo ferito o morto è per fregarci domenica 21 agosto 2016 01:09 infowars.com di Anthony Freda. Un’immagine di un bimbo ferito