Proteste sociali Archive

Scontro sociale

Lo scontro sociale in atto ha tutte le caratteristiche, essenzialmente operaie, della lotta di classe. Che trova oggi nella modifica delle relazioni sociali il punto di scatenamento, si salda e non può che essere così, con le condizioni di impoverimento delle classi subalterne, impoverimento

Cile – La resistenza di Aysén contro il governo e i suoi carabineros

da informa-azione.info   Guerriglia urbana ad Aysén, nella regione di Coyhaique nella Patagonia Cilena. Le proteste, iniziate da circa un mese, si concentrano contro i piani del governo centrale per la regione, dove il costo del carburante e delle merci di prima necessità è superiore al

Rivolta o liberazione?

Di  Rivista.Indipendenza Con la modifica dell’art. 81 e il “pareggio” di bilancio che si vuole portare in Costituzione, l’Italia (al pari di tutti gli Stati dell’Unione Europea) diventa come la Grecia: protettorato tra protettorati a diverso titolo di considerazione da parte del centro politico dell’Impero.

No-Tav. Val di Susa, un esempio da imitare…

di Umberto Bianchi minorenzaglia In un’Italia sempre più narcotizzata e lobotomizzata da grandi fratelli, da ipocriti solidarismi in salsa buonista e da un continuo martellamento catastrofista per cui, “o si fa così o si muore” ovvero, o si accettano passivamente e codinamente tagli, gabelle,

Barcellona: Boicottaggio e sabotaggio nella stazione metro Congrès

Il comunicato da it.contrainfo.espiv.net Distruggiamo l’TMB Oggi, 29 Febbraio, siamo scesi nella stazione metro Congrès e abbiamo distrutto tutto – telecamere, macchine per i biglietti e obliteratrici, cartelli pubblicitari. Se la domanda è perché, allora rispondiamo che abbiamo molti motivi per attaccare TMB (sistema di

Forconi: “il manifesto” tace…ma non acconsente

Corrispondenza da Palermo «E questo sarebbe un giornale antagonista e comunista? Vergogna! Con quale faccia tosta ci chiedete soldi per sopravvivere. Noi siciliani non cacceremo una lira,  la nostra vita è più importante». Ieri a Palermo hanno manifestato i Forconi. Ad un anno dalla

Non c’è solo la Val di Susa: grande corteo a Palermo, la polizia carica, ma nessuno ne parla

da http://sollevazione.blogspot.com/2012/03/forconi-resoconto-da-palermo.html FORCONI: RESOCONTO DA PALERMO Questa mattina a Palermo Dalla Sicilia alla Val Susa s’avanza la sollevazione popolare Tutti i giornali parlano oggi della legnata presa da Bersani alle primarie del Partito Democratico, e quindi delle “grandi manovre” di riposizionamento interne alla casta politica.

No Tav: il governo del pensiero unico contro 360 studiosi (noti black bloc)

di Davide Falcioni Come se finora fosse stata utilizzata la carota, e non invece il manganello, il governo ha fatto sapere che da adesso in poi si utilizzeranno le maniere forti. La Tav, dicono, si farà. Punto. Si mettano l’anima in pace anarco-insurrezionalisti e

Nique la Police: Tav, l’accelerazione della democrazia che può far deragliare Mario Monti

Tav, l’accelerazione della democrazia che può far deragliare Mario Monti Nique la Police Qualche giorno fa su La provincia di Varese un lettore scriveva alla redazione per esprimere il proprio parere sulla Tav. Scriveva che i manifestanti notav gli sembravano quegli abitanti delle zone rurali inglesi

«Chi ha ragione? Fuori i numeri»

di  Eleonora Martini  lunedì 5 marzo 2012 La comunità scientifica chiede al governo tecnico di confrontarsi sul piano della logica e non dogmatico.Il climatologo Luca Mercalli , presidente della Società di meteorologia «Basta con il dogma dell’opera “strategica”. Il governo usi il metodo scientifico

TAV, I FRANCESI FRENANO: I DUBBI, RICAVI E TRAFFICO

di Ferruccio Sansa  lunedì 5 marzo 2012  Il dossier francese sulla Torino-Lione. Progetti incompleti. Forte impatto ambientale. Resa economica solo dal 2030 L’Agenzia Nazionale Ambiente di Parigi ha grossi dubbi sulla Lione-Torino mentre il governo Monti non sente ragioni. Il dossier” sulla Lione-Torino “ha un

Valsusa: devastazione e saccheggio

di Marco Santopadre  giovedì 1 marzo 2012 – Le pecorelle sono diventate lupi. Ore di cariche, lacrimogeni e idranti contro i No Tav, e poi una caccia all’uomo nei vicoli e nei bar. Vetrine spaccate e auto devastate. Corriere e Repubblica preparano e sostengono l’escalation.

La verità sulle cariche a Porta Nuova

Più passano le ore, più si fanno chiare le dinamiche che hanno portato ieri sera ai famosi “momenti di tensione” tanto agognati da Repubblica, Stampa e altri indegni “professionisti dell’informazione” che, non contenti di sminuire e ridurre la portata (numerica e politica) di una

Torino-Lione, sorpresa: la Savoia non ci crede più

La Torino-Lione non è più un tabù: il progetto ha smesso di essere “intoccabile”, perlomeno in Francia, dove ambientalisti e partiti ormai contestano apertamente la super-linea ferroviaria contro cui si batte strenuamente la valle di Susa, ritenendola un salasso finanziario devastante per l’ambiente e soprattutto

L’America si mobilita contro la Federal Reserve e le guerre di Obama.

di Corrado Belli Molti si staranno chiedendo come mai Ron Paul non è stato ancora eliminato come Kennedy e altri prima di lui, forse penseranno che Ron Paul stia facendo la messa in scena come ha fatto Obama prima di essere eletto presidente, promettendo

Rivolta in Grecia. La prima grande vittoria degli anarchici e la lente deformante dei Mass Media

Il giorno di ieri è stata una sconfitta della democrazia borghese da molti punti di vista. Non mi fermero sul fatto che un governo ha nominato un banchiere come Primo Ministro senza che sia stato il popolo ad eleggerlo. Né che il partito che

NAPOLITANO TERRORIZZATO DALLE CONTESTAZIONI IN SARDEGNA

TRENI SOPPRESSI, PERQUISIZIONI SUI PULMANN E PERFINO L’INNO DI MAMELI SALTA PER…MOTIVI DI SICUREZZA DI VITO BOLCHINI vitobiolchini.wordpress.com Resterà la visita delle proteste, dei cori ingiuriosi, delle contestazioni. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano non dimenticherà molto facilmente l’accoglienza che una parte della Sardegna gli ha

Il diritto al dissenso e dovere di ribellarsi

Di Domenico De Simone Pare che molte persone in Italia abbiano timore ad esprimere il loro dissenso temendo chissà quali ritorsioni nei loro confronti da parte del potere.  Come se esprimere dissenso nei confronti del modo in cui vengono condotte le istituzioni sia un atto qualificabile come

Speroni critica Monti a Strasburgo. Il “kapo” Shulz gli toglie la parola

Io ho una teoria. Non importa quale giornale si ritenga più o meno fazioso: per avere una chancedi fare le pulci al governo in carica basta leggere i quotidiani che si trovano all’opposizione. Quegli stessi che, a parti inverse, erano autorevoli come una dichiarazione di “Alì

Ancora repressione e morte a Panama

di Giorgio Trucchi  domenica 12 febbraio 2012  La prima vittima lo scorso 5 febbraio (Foto Frenadeso) La comunità indigena Ngäbe Buglé, sostenuta da decine di organizzazioni panamensi, ha iniziato lo scorso 31 gennaio una forte protesta per esigere al governo il rispetto di un accordo

Debito Sovrano e “Tripla A”. La AAA del popolo: Audit, Azione e Abolizione delle politiche economiche neoliberiste

di Damien Millet and Eric Toussaint AAA … tre lettere che suonano come una risata beffarda e che indicano il massimo rating del credito assegnato dalle stesse agenzie di rating. Una società o uno Stato con con la tripla A  è considerato degno di credito dai

La rivoluzione è già iniziata, ma non te lo dicono

Il Corsivo Quotidiano SUCCULENTE NEWS E IRRIVERENTE SARCASMO OGNI DI’ CIO’ CHE NON TI DICONO E’ CHE LA RIVOLUZIONE E’ GIA’ INIZIATA, IN SICILIA. Pubblicato il17 gennaio 2012 137 La rivoluzione é iniziata. l’Italia si sta destando. Basta lacrime e sangue, basta tasse e rinunce per

CRISI: IL SINDACATO DELLA POLIZIA GRECA MINACCIA DI ARRESTARE LA TROIKA

La crisi della Grecia ha molti aspetti drammatici ma anche alcuni piuttosto curiosi. Il sindacato della polizia greca (POESY) ha minacciato di arrestare i controllori della troika (UE-FMI-BCE). Secondo i vertici del POESY la troika starebbe tentando con le sue richieste di ribaltare l’ordine

Gli arresti non tornano

di Livio Pepino L’emissione, nei giorni scorsi, della misura cautelare nei confronti di alcune decine di esponenti No Tav per fatti avvenuti sette mesi fa non è una forzatura soggettiva (e, anche per questo, sono sbagliate le polemiche e gli attacchi personali). È qualcosa

DICHIARAZIONE DEL PRIMO INCONTRO DEL MOVIMENTO MESOAMERICANO CONTRO IL MODELLO ESTRATTIVO MINERARIO M4

di M4 giovedì 2 febbraio 2012  Ci siamo riuniti nella Valle di Siria, Honduras, nei giorni 26, 27, 28 e 29 gennaio, delegazioni nazionali di Panama, Costa Rica, Honduras, Salvador, Guatemala, Messico, con la partecipazione di rappresentanti d’organizzazioni solidali degli Stati Uniti e del Canada,

LA “COMUNICAZIONE-GUERRILLA”, UN RINNOVO DELL’AZIONE POLITICA?

DI RACHEL KNAEBEL Bastamag.net  Militanti nel buonumore e nella lotta contro la vulgata dominante attraverso il sarcasmo. È l’idea di partenza del “Manuale di comunicazione-guerrilla”, di cui è appena uscita la traduzione in francese. Stampato in Germania, questa guida di attivismo ludico è velocemente

COME GLI SVEDESI E I NORVEGESI HANNO SCHIACCIATO IL POTERE DELL’1 PER CENTO

DI GEORGE LAKEY Waging Nonviolence Se molti di noi stanno lavorando per assicurare che il movimento Occupy abbia un impatto durevole, vale la pena considerare altri paesi in cui masse di persone sono riuscite a instaurare in modo non violento un alto grado di democrazia

25 Febbraio: cento piazze d’Italia contro i caccia F-35

Il progetto parte nel 2007. A firmare l’accordo per la partecipazione alla seconda fase del programma dei Joint Strike Fighter F-35, l’allora sottosegretario Forcieri. Come recentemente è stato dimostrato, nessuna penale da pagare prima della firma di un nuovo contratto: qualcosa che non è

LA SARDEGNA SULLE ORME DEI «FORCONI»

Da Rivoluzione Democratica Nasce la Consulta dei Movimenti Oggi a Tramatza il Movimento Pastori Sardi, il Movimento Artigiani e Commercianti Liberi, gli auotrasportatori di Sardegna in Movimento, Irs, Sardigna Natzione Indipendentzia, Movimento Anti-Equitalia, il Presidio di Viale Trento, le Donne del Digiuno di Viale Trento e

La profezia di Soros: crisi economica Usa scatenerà rivolte di strada/ Dossier Soros

Di Lino Bottaro LA DOMANDA CHE CI PONIAMO È LA SEGUENTE; PERCHÈ UN FINANZIERE, SPECULATORE INTERNAZIONALE SULLE MONETE SOSTIENE ORA L’EURO DOPO ESSERSENE AVVANTAGGIATO IN TEMPI PASSATI  PROPRIO DALLA  ASSENZA DI UNA MONETA UNICA? Per quanto riguarda la profezia sulle rivolte in Usa, il nostro

Blocchi dei TIR in tutta Italia, ma in strada dovrebbero esserci i cittadini

Di Marco Cedolin La rivolta dei Forconi siciliani sembra avere contaminato anche il resto d’Italia, almeno così sembrerebbe dal momento che da Nord a Sud non si contano i blocchi stradali creati dagli autotrasportatori e il traffico sta andando in tilt in larga parte della rete

I Forconi siciliani: un mondo che cambia

www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3921http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3921 Non so quanta “fortuna” avrà la protesta dei Forconi che sta paralizzando la Sicilia, così come non conosco le prospettive di una movimentazione che sembra manifestarsi (per la prima volta in Italia) realmente trasversale, abiurando i partiti e tentando di mettere nel cassetto le divisioni

IL MOVIMENTO DEI FORCONI È IL RISCATTO DEL SUD

FONTE: CADOINPIEDI.IT Intervista a Pino Aprile In Sicilia il Movimento dei Forconi blocca la regione. I giornali ignorano il fatto. E c’è chi ipotizza strani legami politici dietro queste proteste. Lei cosa ne pensa? Ogni volta che il Sud protesta, e vi assicuro che

Balle

di Sandro Moiso Ivan Cicconi, Il libro nero dell’Alta velocità, Koinè Nuove Edizioni 2011, pp.190, euro 14,00 Il titolo è di quelli che non brillano per originalità. I banchi delle librerie sono inflazionati di “libri neri” e di “libri che…non vi avrebbero fatto leggere” e,

I sette motivi per cui ci raccontano balle sull’art 18

di : Zag(c)  mercoledì 21 dicembre 2011 La storiella si ripete, Prima con le pensioni ora con l’art.18. In realtà chi vorrebbe scardinare o sterilizzare l’art 18 imputato e reo confesso per quanto riguarda l’ impossibilità al licenziamento, dovrebbe fare i conti con la Legge