Documenti Archive

Viviamo in un sistema massonico e ci meravigliamo della massoneria ?

 Di Gianluca Monaco 1. Il diritto come strumento Il diritto è uno strumento perché è il risultato di una attività creatrice dello spirito. Ogni attività umana è naturalmente e normalmente volta al soddisfacimento di un’esigenza. Ecco perché il diritto è un fenomeno strettamente attinente

LA LEGGE DEL VALORE

Quando il marxismo dice che la sostanza del valore delle cose (oggetti d’uso e beni in generale) è il lavoro, non si rende conto che questo principio non può di per sé intaccare l’ideologia del capitalismo. Il marxismo ha usato il concetto di “lavoro” contro quello

L’Agenda del golpista

di Leonardo Mazzei «L’Europa è tutto e voi siete niente»: é questo il succo della famosa Agenda del golpista, che ci propone la solita tiritera liberista venduta da un trentennio come oro colato, ma sempre smentita dai fatti. Non contento, poi, mente sapendo di mentire…

BERLUMONTI-MONTISCONI

di Fulvio Grimaldi … Vendolini-Casinendola, Bersamonti-Montisani, Pannelloni-Berlupann, Dilisani-Bersaberto… Titolo stupidotto, ma che infantilmente indica la perfetta e incontestabile intercambiabilità dei nostri dirigenti di partito nel segno della pace tra i popoli, della giustizia sociale e della salvaguardia del pianeta. Cari amici finiti nelle spire ottundenti

I due marò: quello che i media italiani non vi raccontano

Riportiamo un’interessante analisi della vicenda dei due marò italiani che mostra le mistificazioni operate dai media italiani sulla questione e il conseguente dibattito dai toni sciovinisti scatenatosi a partire dalle pagine di quotidiani come ‘Il Giornale’: Il giornalista Matteo Miavaldi è uno dei pochissimi che nei

L’origine educativa del gioco MONOPOLI

Monopoly, la vera storia del gioco da tavolo più famoso del mondo Il predecessore della versione attuale prevedeva la cooperazione fra i giocatori e si ispirava alle teorie di un economista e filosofo che osteggiava la proprietà privata della terra (Credits: Horst Frank, Creative

CHI STA UCCIDENDO PROVENZANO

di Benny Calasanzio – 24 dicembre 2012 Chi lo sta uccidendo non sono gli uomini dello Stato, ma le persone a lui vicine, quelle che hanno convinto il vecchio boss a tenere la bocca chiusa quando era in procinto di collaborare. Mi rivolgo a suo figlio Angelo:

LA DOPPIA MORALE DEI “DIRITTI UMANI”

In molti, nelle ultime ore, si stanno domandando provocatoriamente se siano più democratici i governi dei Paesi che si dicono democratici per principio, oppure i governi dei Paesi oggi ritenuti parzialmente o totalmente al di fuori della democrazia. Le manifestazioni di piazza che stanno

Superare le frontiere

  Anzitutto ci piacerebbe che le nostre lotte non avessero restrizioni. Per questo motivo nel corso della loro elaborazione cerchiamo di coglierne i limiti, i confini, per poi provare a spostarli. Questa intenzione si traduce sia sul piano «geografico» che su quello del «contenuto».

Soviet ed anarchia

Di Brulotti A proposito di soviet ed anarchia Vecchio di ottant’anni, questo scambio di vedute fra Camillo Berneri, all’epoca già noto “revisionista” anarchico, e Max Sartin, redattore dell’intransigente L’Adunata dei Refrattari, ha mantenuto intatta tutta la sua attualità. I riferimenti storici possono anche invecchiare, il significato

MARIO MONTI: IL CURRICULUM SEGRETO

DI ANTONIO MICLAVEZ Ho trovato un simpatico curriculum vitae di Mario Monti. Dalla presenza nei vertici delle più grandi associazioni “benefattrici” mondiali (Bilderberg, Trilateral Commission, Aspen Institute Italia, Goldman Sachs), al ruolo di rilievo come “European Commissioner” nella famigerata “Santer Commission” che fu sciolta per

Il poliziotto prova a fare il Pasolini…ma la differenza c’è e i lettori la vedono…

Oggi è stata pubblicata dal blog diritto di critica la lettera di un poliziotto che evidentemente non sembra aver ben capito cosa stava scrivendo. Ma se una difesa, sul suo operato e quello dei suoi colleghi, seppur impossibile, da parte di un agente di PS

La democrazia è dei predatori

di barbaranotav Mentre il regime dei banchieri stringe i suoi tentacoli sempre di più attorno alla vita dei popoli europei, come ben illustra Michele Paris nell’articolo pubblicato più in basso, gli italiani sono stati derubati del 97% del Pil nominale dal 2005 ad oggi, come reso noto da

Vomito e lacrimogeni: la protesta #NoTav secondo la Polizia nei documenti pubblicati da Anonymous

«Online i segreti della Polizia», titola con squillo di fanfare L’Espresso, riferendosi ai 3500 file leakati dal sito della Polizia di Stato e pubblicati da Anonymous. Al tramonto del 2012 scopriamo che la sicurezza informatica delle Forze dell’Ordine è più penetrabile di una pornostar ceca durante

Dossier GHEDDAFI. La morte: tante versioni pubbliche e la taciuta “pista dell’oro”

– di mcc43 – – Le troppe versioni ufficiali e l’inconclusiva indagine Onu  -Interviste psyops: il bodyguard di Gheddafi – Gheddafi rapito e riportato a Sirte? – Riserve auree: Venezuela e Libia ***** Il giorno 20 ottobre 2011 sui teleschermi e nel web si replicavano all’infinito il

I più intoccabili degli intoccabili: magistrati e alti burocrati

La vera casta degli intoccabili di Federico Punzi, http://www.opinione.it/editoriali/2012/10/16/punzi_politica-16-10.aspx 16 ottobre 2012 È stata la rassegnazione più che l’indignazione la reazione della grande stampa – anche dei giornalisti da anni impegnati nella battaglia contro la “casta”, intesa come ceto politico – alla sentenza con cui

UN DECRETO DEL GOVERNO PER SALVARE L’ILVA O PER AFFOSSARLA?

Di  comidad Forse non è un caso che ogni volta che la pochezza del governo degli pseudo-contabili risulta evidente, scoppi qualche scandalo che punta i riflettori mediatici sulle magagne della “casta” politica. Qualcuno che non è completamente immerso nel feticismo della magistratura, si è persino

“Licenza di spaccare le ossa”

Di Enrico Galoppini Fonte: Qual è il limite degli “ordini da eseguire”? Una domanda alla coscienza dei “tutori dell’ordine” Sono giorni di manifestazioni di massa nelle capitali delle nazioni europee maggiormente colpite dalla “crisi”. La scena che si ripete è sempre la stessa: manifestanti da una

L’imprevisto

Di Brulotti   Talvolta viene da pensare che sia una vera disgrazia il fatto che la rivoluzione “di riferimento” per gli anarchici sia quella avvenuta in Spagna nel 1936. Una rivoluzione nata come reazione rabbiosa, determinata e consapevole, a un colpo di Stato. Una rivoluzione

L’INTRIGO GIURIDICO INTERNAZIONALE DEL CASO ASSANGE

Tiziano Ceccarelli :::: 14 settembre, 2012 ::::  Julian Assange, attualmente ”risiede” nell’Ambasciata dell’Ecuador a Londra, a poca distanza dalla sede di Scotland Yard.   Parte 1 Il re degli hacker è destinato a rimanere all’interno delle mura franche dell’ambasciata per molto tempo, almeno fin

Ahmadinejad all’ONU: “Ricollocate al centro dell’universo l’uomo e la sua dignità”

Da  Voci Dalla Strada E’ l’ottavo discorso di Mahmoud Ahmadinejad all’Onu, il più bello, il più emozionante, il più completo. Il presidente dell’Iran non tralascia un solo problema del mondo senza averne parlato; parla di tutto quello che non va, in tutto il mondo ed

Comiso trent’anni dopo

Da byebyeunclesam Un certo scalpore ha suscitato il servizio messo in onda durante la nota trasmissione televisiva Ballarò, martedì 18 u.s., sull’attuale condizione di inutilizzo in cui versa l’ex aeroporto militare di Comiso che, negli ultimi anni, con generoso impiego di risorse pubbliche, era stato riconvertito a

Corporativismo, la “rivoluzione” dei capitalisti mascherati

Il fascismo, meglio ancora un certo fascismo consumatosi nella sua fase di regime, ha partorito un’idea economica e di stato sociale che poteva apparire in origine davvero rivoluzionaria: il sistema corporativo. Rifacendosi in parte all’antico sistema delle corporazioni medievali e in parte alla dottrina

Sulcis, uno sguardo al passato per capire l’oggi

di Marino Canzoneri Quando mi son messo a cercare di capire cosa pensassi di quel che sta accadendo nel Sulcis, ho deciso di andare a san Giovanni Miniera all’imbocco (ora chiuso) della galleria dove ho visto uscire mio padre quell’unica volta che l’ho atteso alla fine

L’annientamento della borghesia rivoluzionaria in Sardegna e la costruzione del parassitismo: storia di una strategia politica.

..la questio trattata è di indubbia profondità, la paura dell’essere è atavica e la paura della responsabilità di autogoverno è ancor più grande; i motivi adotti da Marconell’articolo sono chiari e avvincenti nel farci comprendere i motivi che muovono queste paure, una lucidità d’analisi della

SARDEGNA “ZONA FRANCA”….SUBITO !!!

Paola Friargiu Chi conosce il Decreto legislativo 10 marzo 1998-N° 75 relativo all’ istituzione di “Zone franche” e se la Sardegna sfruttasse questo decreto ? Ma i nostri politici sono al corrente ? O fanno finta di niente ? Decreto Legislativo 10 marzo 1998, n. 75

Pussy Riot, CIA e Terrorismo Culturale

di Oriental Review Traduzione di Anticorpi.info Il 17 Agosto le componenti della band punk Pussy Riot sono state condannate a due anni di carcere dal tribunale di Mosca. Ultimamente il destino di queste tre artiste russe si è ritrovato al centro della attenzione mondiale.

La base di Comiso fu un enorme affare

A trent’anni di distanza, si inizia a fare chiarezza sui retroscena degli assassinii di Pio La Torre e del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. E sul fatto che la possibilità di schierare i missili a Comiso fu garantita dal controllo della mafia sul territorio…

ASSANGE, ECUADOR, VENEZUELA E I “GOLPISTI” DELL’AMERICA LATINA

Il caso Assange è un affare di stato per gli Stati Uniti d’America. E da quando si è messo in mezzo, il governo progressista di Rafael Correa è stato preso di mira dalle agenzie di influenza nordamericane. I grandi giornali del «blocco» si sono messi

Amnesty per l’occupazione?

Di byebyeunclesam Ashley Smith spiega cosa c’è dietro le contorsioni politiche di Amnesty International La maggior parte delle persone associa Amnesty International con la lotta alla tortura, la protesta contro la pena di morte e l’impegno per la liberazione dei prigionieri politici. Conosciuta per queste importanti

La tardiva memoria del passaggio di campo. Qualcuno era comunista

di A. Berlendis “Qualcuno credeva di essere comunista, e forse era qualcos’altro.” Giorgio Gaber Parafrando Gaber, il Pci—rifondato da Togliatti nel 1944—era già altro prima degli anni ’60 rispetto a progetti di trasformazione sociale, ma poi divenne altro ancora mutando anche campo geopolitico negli anni ’70. A tal

Shlomo Sand: “Credevo esistesse un popolo ebreo, ma poi sono cresciuto

Shlomo Sand partecipa al FestivalStoria 2011 presso l’Università di Torino sul tema: inventare un popolo per costruire una nazione. Il video riporta l’interessante punto di vista di Shlomo Sand e sullo sfondo il tentativo mal riuscito degli amici di Israele di boicottare l’iniziativa culturale.

CONTRO JULIAN ASSANGE UNA VENDETTA RAZZIALE

Di comidad C’è una contraddizione evidente nella vicenda di Julian Assange. Da una parte si osserva una persecuzione meticolosa e astiosa nei confronti del fondatore di Wikileaks, dall’altra parte c’è l’obiettiva esiguità dei moventi dichiarati di questa persecuzione. Non ci si riferisce soltanto alle

Pussy Riot: la storia segreta

Pussy Riot: la storia segretadi Israel Shamir – 24/08/2012 Fonte: Come Don Chisciotte Universalmente ammirate, le Pussy Riot (o PR in breve) sono state promosse  superstar. Ma che cosa sono? Non sono né un gruppo rock né un gruppo punk. Un giornalista inglese si meravigliò:

Il padre di Aldrovandi: “Perché Schwazer espulso e chi ha ucciso mio figlio no?”

“Lui per doping ha dovuto restituire subito tesserino e pistola, gli agenti condannati dalla Cassazione per l’omicidio di Federico sono ancora in servizio” di Marco Zavagli | Ferrara | 9 agosto 2012 Perché Alex Schwazer sì e i poliziotti condannati per la morte di Federico no? È la domanda che si pone Lino