Disinformazione Archive

La confessione di Udo Ulfkotte: dove comincia, e dove finisce la propaganda?

15 Ottobre 2014Scritto da  Enrico Carotenuto In questi giorni sta facendo il giro della rete il video dell’intervista rilasciata dal giornalista tedesco Udo Ulfkotte a Russia Today. E come potrebbe non destare scalpore? Ulfkotte ha dichiarato pubbicamente di aver lavorato per conto dei servizi segreti

COREA DEL NORD: LO SPECCHIO DELL’OCCIDENTE

da eurasia-rivista.org Gli articoli pubblicati da molti siti Internet e dai giornali italiani mainstream sulla Corea del Nord non contengono alcuna concreta informazione. Leggendone qualche esempio, è facile rendersi conto che in essi non c’è nessuna volontà di far conoscere il Paese da un punto

Il ritorno di George Orwell e la Guerra del Grande Fratello contro la Palestina, l’Ucraina e la verità

Da Voci Dalla Strada L’altra sera ho visto “1984? di George Orwell in un teatro di Londra. Sebbene venisse sbandierata l’interpretazione contemporanea, il monito di Orwell riguardo al futuro veniva presentato come un pezzo storico: remoto, innoquo, quasi rassicurante. Era come se Snowden non avesse

EUROPA. RAI.IT: DACCI OGGI IL NOSTRO FÜHRER QUOTIDIANO…

DI ROSANNA SPADINI  Se qualcuno avesse ancora qualche dubbio che questo è un regime, si guardi gli spot di propaganda Rai sul progetto Unione Europea, che allietano le nostre serate da alcuni tempi, quando le famiglie del “mulino bianco” (ormai decimate dalla crisi) si raccolgono

UN ESEMPIO DI “SOFT POWER” OCCIDENTALE: LA PROPAGANDA OMOSESSUALE CONTRO LA RUSSIA

Da eurasia-rivista.org Per comprendere correttamente la propaganda omosessuale esercitata dall’America e dai suoi alleati contro la Russia, è necessaria una premessa che permetta d’inquadrare la questione nel più vasto contesto di quelli che vengono definiti i “valori occidentali”. Tra questi si contano senz’altro quelli della

Silenzio e menzogna

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Altrainformazione) Sono tristemente note le strategia che i media usano nel diffondere e difendere la menzogna ad oltranza. Sbattere il mostro in prima pagina con titoli a 6 colonne e poi, magari a distanza di mesi, quando – nonostante

IL CALIFFO, LEADER DI ISIS: ATTENZIONE ALLA DISINFORMAZIONE

” Edward Snowden, l’ex analista della National Security Agency (…)  ha spiegato che per creare lo ISIS ci si sono messi in tre, « the British and American intelligence and the Mossad worked together to create the Islamic State of Iraq and Syria (ISIS)». Lo

La manipolazione mediatica delle notizie sulla guerra a Gaza

 di Luciano Lago La grande macchina dei media occidentali, dominata dai network televisivi anglo americani quali CNN, FOX News, Reuters, Sky News, ABC News, CBS, ecc. , con i loro corrispondenti in Italia che ne riprendono fedelmente le notizie ed i servizi, si è

Gli USA alimentano la guerra civile in Ucraina con la disinformazione

Valentin Vasilescu Reseau International 17 giugno 2014 Gli Stati Uniti affermano che la Russia ha fornito agli insorti federalisti dell’Ucraina orientale carri armati T-64 occupando i valichi di frontiera. Un’enorme bugia statunitense. E il segretario generale della NATO, Anders Fogh Rasmussen, ha detto di avere informazioni

SIRIA E UCRAINA: SCHIZOFRENIE MEDIATICHE A CONFRONTO

 Da eurasia-rivista.org di Enrico Galoppini :::: 17 aprile, 2014 Ascoltando le ultime (contraffatte) notizie provenienti dall’Ucraina riferite dai media occidentali, non si può non fare mente locale a quanto accade in Siria da tre anni. Nello specifico, a come essi hanno presentato le parti in gioco nel

Anche in Irlanda i Media Dissociati dalla Realtà

Come accade anche da noi, anche in Irlanda i media sembrano vivere in un universo parallelo: Counterpunchci mostra lo stridente contrasto tra gli autorevoli studi e rapporti che rappresentano un quadro sociale devastato dall’austerità, e i giornali che continuano a trasmettere acriticamente le formule illusorie e perdenti dei

Distrazione di massa alla francese

Da Appelloalpopolo di Marcello Di Vincenzo        Dallo scorso Dicembre, l’opinione pubblica francese é bombardata da temi “bidones” come si dice oltralpe, che agitano il dibattito pubblico, ma che nulla hanno a che vedere con le priorità dei francesi e soprattutto sono utilissimi per mascherare da un

VENEZUELA E TWITTER, L’ORGIA DELLA DISINFORMAZIONE

DI PASCUAL SERRANO eldiario.es Prima arrivò internet, poi i social network. La conclusione sembrava senza appello, si era arrivati alla democratizzazione delle informazioni. I cittadini, osservatori, testimoni, armati con i loro gadgets tecnologici e una connessione a banda larga mobile avevano rovesciato l’oligopolio dei grandi

Kennedy: il Secondo Attentato è Fallito

Di Viator Quest’anno ricorreva il cinquantesimo anniversario dello attentato in cui fu ucciso il 35° presidente degli USA John Kennedy, di conseguenza l’apparato che amministra la comunicazione di massa ha pensato di intercettare il riflusso di interesse approntando un bouquet di prodotti mediatici appositamente studiati per stroncare

Cecchini killer di feti? Ron Paul: altra ripugnante bufala

Cecchini-killer, così feroci da prendere di mira le gestanti per colpire il feto nel loro grembo. Oltre l’orrore. L’ennesimo crimine del regime di Assad, denunciato dal “Times” di Londra: quei cecchini, probabilmente cinesi o provenienti dall’Azerbaijan, si “giocavano” i nascituri, per ottenere il premio in palio:

QUESTO NON E’ SERVIZIO PUBBLICO

DI CLAUDIO MARTINI il-main-stream.blogspot.it Chi ha ancora il coraggio di guardare la tv, e ha il fegato di frequentare Rai 3, ricorderà che circa un mese fa Riccardo Iacona, ideatore della trasmissione Presa Diretta, mise in onda una puntata di vera informazione sulla crisi dei cittadini europei, che

TROPPI ANNI DI BUGIE: DA MOSSADEQ ALL’11 SETTEMBRE

DI PAUL CRAIG ROBERTS paulcraigroberts.org Washington è stata in guerra per 12 anni. Secondo esperti come Joseph Stiglitz e Linda Bilmes, queste guerre sono costate agli americani circa 6.000 miliardi di dollari, abbastanza per finanziare il Medicare per anni. Quello che c’è da mostrare come

La guerra dei bugiardi al cubo

di Giulietto Chiesa – 5 settembre 2013 Il 2013 finirà in guerra. Il colpo contro Damasco viene presentato come “limitato”, “breve”, come un “avvertimento”. È un trucco per una guerra lunga. Con tutta probabilità il 2013 finirà in guerra. Il colpo contro Damasco viene

L’industria della menzogna quale parte integrante della macchina da guerra dell’imperialismo

Di Domenico Losurdo Nella storia dell’industria della menzogna quale parte integrante dell’apparato industriale-militare dell’imperialismo il 1989 è un anno di svolta. Nicolae Ceausescu è ancora al potere in Romania. Come rovesciarlo? I mass media occidentali diffondono in modo massiccio tra la popolazione romena le

DAILY MAIL: DA LONDRA LE ARMI CHIMICHE PER INCOLPARE ASSAD

Un titolo netto sul “Daily Mail”, un quotidiano da due milioni di copie in edicola e da tre milioni di utenti online al giorno: “Piano sostenuto dagli Usa per lanciare un attacco con armi chimiche contro la Siria e dare la colpa al regime di Assad”.

Recenti studi stabiliscono che i fessi sono coloro che sostengono le menzognere versioni ufficiali, non i cosiddetti “teorici della cospirazione”

Di Kevin Barrett Uno studio referato conferma che i negazionisti ed i loro portavoce sono i veri psicopatici e sociopatici. In breve, il nuovo studio di Wood e Douglas suggerisce che lo stereotipo negativo del “teorico della cospirazione”, un fanatico che aderisce alle interpretazioni di

Medici Senza Frontiere, usata per le accuse sull’utilizzo di armi chimiche in Siria, è là per aiutare i terroristi

La “prova” su cui USraele sta basando la sua accusa al governo siriano di usare armi chimiche contro un gran numero di civili, si basa interamente sulle affermazioni fatte da “Medici Senza Frontiere”. Nell’articolo del New York Times, ” Segni di un attacco chimico

Siria: Putin sputtana Obama e consegna all’ONU le immagini dei satelliti russi

Siria – Putin Smaschera il Piano del NWO.  I satelliti Russi forniscono la prova definitiva all’ONU sull’innocenza di Assad e le responsabilità di USA e Arabia Saudita Damasco, Mosca, New York  – Vladimir Putin ancora una volta fa centro, e sbugiarda i signori del

SIRIA, LA DEMONIZZAZIONE PREVENTIVA

DI DIEGO FUSARO lospiffero.com L’opera di demonizzazione preventiva è sempre la stessa. La si ritrova, ugualmente modulata, su tutti i quotidiani e in tutte le trasmissioni televisive, di destra come di sinistra. In quanto totalitario, il sistema della manipolazione organizzata e dell’industria culturale occupa integralmente

L’evidente falso dei “Gas nervini usati dal regime di Damasco”

Un’altra infamia propagata da tutti i mass media (Repubblica, ovviamente, in prima fila) per spingere ad un ancora più feroce intervento dell’Occidente: “Il regime di Assad ha sferrato un attacco con l’uso di gas nervini”. E per “attestare” l’uso dei gas nervini un davvero

Se il Corriere fa lo scoop ma lo nasconde agli italiani

L’autunno 2011 e il baratro del Paese  La “bomba” del decreto di chiusura dei mercati finanziari annegata in 2 righe di editoriale. Perché?   Immaginiamo i tantissimi milioni di italiani che non leggono i giornali informandosi quotidianamente sui siti web, ascoltando la radio, intercettando

«CE L’ABBIAMO FATTA!» MA DE CHE?

4 luglio. UN BUFFONE SOTTO LA TORRE. Non avevamo dubbi, ma da oggi è ufficiale: i buffoni al governo non vengono solo da Arcore e dintorni. Enrico Letta, da Pisa, in effetti non scherza. E per certi aspetti è pure peggio del buffone nazionale.

CAPIRE LE ULTIME FUGHE DI NOTIZIE PER RICONOSCERE L’ASCESA DEL FASCISMO

DI JOHN PILGER  johnpilger.com Nel suo libro, ‘Propaganda’, pubblicato nel 1928, Edward Bernays scriveva: “La cosciente ed intelligente manipolazione delle abitudini organizzate e delle opinioni delle masse popolari è un elemento importante nella società democratica. Chi controlla questo meccanismo nascosto della società rappresenta un governo

L’AUSTERITA’ E’ STUPIDA, CREA SOFFERENZA E RITARDA LA RIPRESA: LA BANALITA’ DEL MALE

Nel 1963 la filosofa e scrittrice tedesca Hannah Arendt scrisse un libro e coniò un’espressione che descrive bene uno degli aspetti più ambigui e perversi del male: la sua banalità. Spesso chi fa del male non ha nemmeno la capacità di pensare e riflettere, la facoltà di

COLLASSO INPS: SE NE ACCORGE – E LO NASCONDE – ANCHE REPUBBLICA

FONTE: ILRIBELLE.COM La Repubblica mette ieri nelle pagine interne questa notizia, molto interne, il primo quotidiano on-line d’Italia per numero di accessi e diffusione. Il titolo è emblematico “L’INPS è quasi al collasso”, e le parole dello stringato articoletto, ripreso con un copia-incolla da Teleborsa,

PYONGYANG, ABBIAMO UN PROBLEMA

Abbiamo un problema con il sito del Corriere, che in questi minuti ha in apertura questo:   Alla stessa ora, il Washington Post era così,   Speriamo i nordcoreani non leggano il Corriere   Aggiornamento, Nyt ora 22.30 ancora così   Le Monde così,   Aggiornamento, 22.45, Il Times è così (se adesso

Unione Europea ed Influencers Pro Euro

Un Milione di Euro per Addestrare i Funzionari a Fare i Troll di D. Billi La UE ha deciso di addestrare degli eurotroll per impedire la diffusione di ‘sentimenti anti euro’. Così l’anno prossimo voteremo secondo prescrizione. Beh che dire, preparatevi: tra qualche mese ogni volta che

LA VOLGARITA’ DELLA LITTIZZETTO

di Marino Badiale e Fabrizio Tringali Il recente sketch della Littizzetto contro Berlusconi sta facendo discutere. Non è la prima volta che l’attrice indirizza i suoi strali contro esponenti della politica. Come dimenticare quando nel febbraio 2007 si scagliò contro Rossi e Turigliatto, allora

BASHAR AL-ASSAD, LA SIRIA E LA VERITA’ SULLE ARMI CHIMICHE

DI ROBERT FISK  independent.co.uk Più grande la bugia, più la gente la crederà. Sappiamo tutti chi ha pronunciato questa frase – ma funziona ancora. Bashar al-Assad possiede armi chimiche. Egli può usarle contro il suo popolo . Se lo fa, l’Occidente non starà a guardare.

Le mille e una palla: fiabe mediatiche contro l’Iran

 Le mille e una palla: fiabe mediatiche contro l’Iran Per tenere occupata l’attenzione dell’opinione pubblica un nemico immaginario e fiabesco come l’Iran è sempre un ottimo oggetto di dibattito e le ultime notizie sulla Repubblica Islamica, notizie, si badi bene, di mainstreaming, confermano questa