Fino a qualche decennio fa si trattava di pochi estimatori di prodotti di “nicchia” che, rischiando una salatissima ammenda, scambiavano prodotti locali.