JB Straubel, chief technology di Tesla, è la mente dietro l’idea di utilizzare batterie agli ioni di litio per alimenetare le auto. Ora ha investito in una startup che immagazzina energia in particolare per realtà come i supermercati e i loro grandi frigoriferi utilizzando acqua salata ghiacciata. Si chiama Axiom Energy.

Recentemente la startup ha annunciato di aver ottenuto altri 2,5 mld di dollari da investitori, inclusi Straubel e i MIT Angels, un gruppo di studenti del Mit di Boston che sono soliti investire in startup del genere.

La tecnologia che questa società propone consente di immagazzinare l’energia prodotta in picchi come i pomeriggi estivi: quando i frigoriferi vengono tenuti freddi dal ghiaccio, non hanno bisogno di un sistema tradizionale di raffreddamento elettrico. Il ghiaccio si forma di notte, quando viene usata meno energia elettrica e quindi ne viene prelevata dalla rete una quantità minore.

L’idea è stata chiamata “Refrigeration Battery” e può fornire per 6 ore un raffreddamento ideale, ovviamente abbassando i costi in bolletta. E’ previsto anche un raffreddamento accessorio nel caso di blackout, in modo che i cibi non deperiscano se qualcosa andasse storto.

Quella di utilizzare il freddo e il calore per lo storage di energia non è un’idea nuova, ma ora ci si sta concentrando sul management: algoritmi, sensori, elaborazione di dati, reti wireless e cloud computing. Google usa un sistema di accumulo termico di energia nel suo data center a Taiwan.

Basta solo cambiare prospettiva e slegarsi dalla vecchia idea di batteria. Aziende come laLightSail Energy, ad esempio, hanno sviluppato un sistema che comprime l’aria; serve energia per comprimerla e, quando l’aria viene rilasciata, questa energia può poi essere utilizzata.

Anna Tita Gallo

 

FONTE: Greenbiz

Commenta su Facebook