Se l’economia diventa scienza

L’economia sostiene di essere una scienza – ma non riesce a coinvolgere i soli attori del mondo economico reale – la gente, non i teoremi. È tempo di ripensare l’economia, scrivono David Boyle e Andrew Simms, e porre la rivoluzionaria domanda: “E se … ?”

I teoremi economici devono riflettere ciò che la gente realmente fare – non quello che una qualche teoria astratta dice che dovrebbe fare.

All’inizio del nuovo secolo, un gruppo di studenti di economia francesi a La Sorbonne ha organizzato una rivolta contro i loro insegnanti e il modo in cui insegnavano l’economia.

La chiamarono la campagna “Post- Autistic Economics”. “Era l’inizio di un’iniziativa modesta, quasi confidenziale”, ha scritto il quotidiano francese Le Monde nel settembre 2000.

È ormai diventato un oggetto di un importante dibattito che ha creato uno stato di effervescenza nella comunità degli economisti. Non dovremmo ripensare l’insegnamento dell’economia nelle università?”

 

L’economia deve riconnettersi con la gente

Gli attivisti “post- autistici” hanno sostenuto che la matematica era “diventata fine a sé stessa”, trasformando l’economia in quello che loro chiamano una “scienza autistica”, dominata da astrazioni che non avevano alcun rapporto con il mondo reale o con persone reali.

Entro due settimane , la petizione per ri-connessione con il mondo reale ebbe 150 firme, molte dalle Università più importanti di Francia.

Presto i giornali e le stazioni televisive in tutta la Francia ripresero la storia e anche i professori senior iniziarono una simile petizione in proprio. Il ministro dell’educazione francese, Jack Lang, promise anche di istituire una commissione per indagare.

Da allora c’è stato anche uno scambio al vetriolo di articoli tra economisti francesi e americani con una contro-petizione lanciata dal Massachusetts Institute of Technology (MIT), e una singolare petizione Post-Autistic dai dottorandi di Cambridge.

Ciò che ha reso la petizione così peculiare è che i firmatari erano troppo spaventati per le loro carriere future da mettere i loro veri nomi sul documento.

 

Oltre i teoremi, al mondo così com’è

Il dibattito avviato dalla campagna ha suggerito che l’economia era veramente basata sulle persone, e non solo sui teoremi, e che gli economisti hanno bisogno di imparare dal modo in cui le persone effettivamente si comportavano per poter vedere il mondo come realmente è.

Queste sono i brevi ricordi di attivisti della Campagna dell’Economia Post-Autistica reinventata da studenti di economia più recentemente, su entrambe le coste dell’Atlantico – e l’idea di base è la stessa: l’economia deve essere il mondo reale.

Ma allora questo è ciò che dovrebbe rendere l’economia così affascinante, perché – anche se è certamente fatta di persone – si tratta anche di come le persone interagiscono, e soprattutto il modo in cui interagiscono con il denaro e con i reciproci valori.

 

L’economia tradizionale ha preso una direzione sbagliata

Ma la campagna ha suggerito anche qualcos’altro. È stato un colpo a tutte le riverenze delle accademie tradizionali di economia, suggerendo che essa aveva preso una strada sbagliata.

Erastato il pilastro centrale dell’economia accademica il fatto che l’economia dovesse essere una scienza. Ma sembrava anche ignorare un principio fondamentale della filosofia della scienza: che i teoremi dovrebbero essere soggetti al mondo reale.

E in economia in particolare, questo significa che i teoremi devono riflettere ciò che la gente realmente fa – non quello che una qualche teoria astratta dice che dovrebbe fare.

 

Economia: più un’ideologia che una scienza

L’economia ha anche bisogno di essere soggetto alla conoscenza di altri scienziati, per esempio la psicologia, la geologia e la biologia .

E deve essere confutabile. Cioè, quando una nuova teoria emergente spiega il mondo meglio di una teoria esistente, la nuova teoria deve essere in grado di sostituire quella vecchia.

La maggior parte di noi, deve essere in grado di imparare dalla nostra storia – di tornare a strade non intraprese, a idee non capite in quel momento, approfondimenti soppressi, con uno sguardo rinnovato.

Ha bisogno di essere in grado di vedere il modo in cui una cosa ne causa un altra – e esaminare la complessità del mondo moderno e prevedere altri linee di azione.

In breve , deve essere in grado di cercare alternative.

Il problema è che, rispetto alla generazione passata, l’economia accademica tendeva a diventare una ideologia che non accetta nessun’altra teoria o altra possibilità, e certamente nemmeno la storia – che ha chiuso gli occhi davanti alle prove quando erano scomode.

È come se l’economia avesse divorziato dal mondo reale .

 

Se il denaro crescesse sugli alberi?

Ora sono stati appena pubblicati da Ivy Press una serie di libri con il titolo collettivo di “What If ?” (Se ?). Il primo è stato “What If Einstein was wrong? (Se Einstein si sbagliasse?). Una serie di 50 brevi ipotesi leggibili sulla fisica, la relatività e la teoria quantistica.

E quando l’idea che il mondo “non potrebbe essere in nessun altro modo di quello che è” prende il sopravvento, porre la domanda “What if?” può essere rivoluzionario.

Così siamo stati lieti di aver chiesto di essere coinvolti con il secondo libro della serie, che è stato chiamato “Se i soldi crescessero sugli alberi?” (What if Money grew on trees?)

Il libro esplora anche altre quesiti: cosa succederebbe se tutti fossero ricchi? Se il mondo si fermasse ? Se i tulipani diventassero costosi come l’oro?

Le risposte sono le più oneste possibili, perché ci sono verità scomode ad ogni possibilità – strani effetti collaterali, e strane, conseguenze imprevedibili.

Il nostro obiettivo è quello di restituire all’economia l’arte del possibile – e il buonsenso che l’economia rimanga aperta all’innovazione, nuove intuizioni e nuovi modi per comprendere il mondo.

 

David Boyle e Andrew Simms sono alcuni degli autori di “What if Money Grew on Trees?” pubblicato da Ivy Press.

David e Andrew terranno un dibattito pubblico su “What If …” a Brighton il 9 febbraio. Ulteriori informazioni tramite Facebook.

Traduzione di Daniele Pace, autore de “La Moneta dell’Utopia” .

Link originale all’articolo: http://www.theecologist.org/blogs_and_comments/commentators/2255172/what_if_economics_became_a_science.html

Commenta su Facebook