La verità è che Malthus era una persona orrenda, così come sono orrende le diaboliche persone che appartengono all’elite corporativo-finanziaria che persegue e finanzia politiche di spopolamento, assottigliamento della popolazione, con mezzi crudeli.

Mentre le persone povere del mondo continuano ad essere sterilizzate, perseguitate, uccise, loro guadagnano sempre più ricchezza e potere. La verità è che le politiche di spopolamento si possono definire con una sola parola: “eugenetica”.

Nessuno di quelli che sostengono, direttamente o indirettamente, tali politiche, devono sentirsi assolti. Non esistono persone caritatevoli che vogliono migliorare la nostra vita; non esistono e non sono mai esistiti metodi intelligenti o pietosi per controllare la popolazione; si tratta e si è trattato sempre di vere e proprie uccisioni gratuite degli strati più deboli, da parte di persone orribili che vogliono solo trarre profitto, sulla pelle dei poveri e dei deboli.

Loro, non sono persone generose, sono sempre le stesse, dietro a tutti i mali del mondo. La loro arroganza è tale che, si svelano da sole, attraverso le loro stesse parole.

Sono persone orribili, mentre gli altri, soprattutto i poveri, sono…stupende persone (Anna Moffa)

7 miliardi di Belle Persone

JG Vibes
Activist Post

 

overpopulation
fonte

 

La scorsa settimana le Nazioni Unite hanno annunciato che il mondo è ora abitato da 7 miliardi di esseri umani. Questa notizia è stata accompagnata da un violento attacco di propaganda mediatica relativa al cosiddetto problema della  “sovrappopolazione”. Questo tipo di isteria non è una novità, la supposta crisi della sovrappopolazione è stata utilizzata dalle élite per oltre 200 anni per giustificare i loro maltrattamenti al pubblico.

Ogni volta che nel corso della storia la popolazione umana è aumentata notevolmente, alla gente comune è stato detto che alla crescita della loro comunità avrebbe fatto seguito il caos e la massiccia scarsità di risorse. Ovviamente, queste previsioni non si sono avverate, perché la popolazione umana della Terra in realtà ha molto poco a che fare con la scarsità che esiste su questo pianeta. La scarsità di risorse che porta a molti dei nostri principali problemi, è il risultato delle azioni che gli esseri umani stanno intraprendendo, mentre su questa Terra – se le persone si rispettassero a vicenda e rispettassero il loro ambiente allora potremmo facilmente sostenere altri 7 miliardi di persone. Per comprendere appieno la truffa della sovrappopolazione, diamo uno sguardo all’origine di  alcune di queste idee.

Un aristocratico di nome Thomas Malthus è stato uno dei primi ad esporre queste idee in un lavoro pubblico. In una pubblicazione del 1798 intitolata “Saggio sul principio della popolazione”, Malthus suggeriva che la prevista scarsità di cibo avrebbe potuto essere utilizzata per diminuire la popolazione povera, per fame. Questa è stata la radice dell’idea di “controllo della popolazione”, perché una popolazione di grandi dimensioni è molto difficile da gestire per l’elite, anche se continua a mantenere la sua ricchezza e il suo potere.

Malthus suggeriva che le strade fossero meno frequentate e che la maggior parte delle persone fosse  ammassata in quartieri, per favorire le condizioni che avrebbero riportato la peste.

In questo stesso saggio affermava che i villaggi dovevano essere costruiti vicino alla pozze stagnanti dove i germi potevano imputridire  e tutti i rimedi e le cure dovevano essere a disposizione solo di chi poteva permetterselo.

Secondo le sue stesse parole, “siamo tenuti per giustizia e onore a negare formalmente il diritto dei poveri al sostentamento. A tal fine, proporrei di fare un regolamento che dichiarasse che nessun neonato ha diritto all’assistenza parrocchiale. Questo bambino, relativamente parlando, è di poco valore per la società, poichè altri prenderanno immediatamente il suo posto … Tutti i bambini al di sopra di quanto sarebbe necessario per mantenere la popolazione a questo livello, devono perire, a meno che non si creasse spazio per loro dalla morte di persone cresciute ». [1]

Quindi, quello che proponeva in sostanza era stabilire un limite nazionale sulle nascite dei bambini, e l’esecuzione di qualsiasi bambino nato, passato quel limite. Ai tempi di Malthus molti ambienti d’elite esprimevano pubblicamente l’ipotesi che se la popolazione mondiale avesse superato i 3 miliardi di persone ci sarebbe stata carestia di massa e la distruzione di tutte le risorse sulla Terra. Ovviamente, sbagliavano tutti. Malthus aveva torto su molte cose, ma comunque le sue idee hanno avuto un impatto profondo e sinistro sul modo in cui  la nostra civiltà è progredita.

La retorica sul controllo della popolazione implica che la classe operaia è povera non a causa di ineguaglianza e di corruzione, ma perché è troppo numerosa e non ci sono abbastanza risorse  per tutti. Questa bugia è incredibilmente offensiva quando si dà un’occhiata alla vasta disparità che esiste nel mondo, dove c’è letteralmente una classe dominante e una classe serva, quasi ovunque si guardi.

Oggi le cause principali della fame e della povertà sono la guerra, lo sfollamento, la mancanza di infrastrutture e l’eccessivo sfruttamento delle risorse (in genere da parte di governi e grandi imprese multinazionali), ma da nessuna parte sul pianeta viene ufficialmente riconosciuto che la sovrappopolazione ha una parte nella fame nel mondo. In effetti, viene prodotto cibo più che sufficiente nell’industria agricola di oggi per alimentare il mondo intero e anche di più, ma purtroppo alcune persone non possono procurarsi quel cibo ed altri vivono in zone dove non ci sono neanche strutture adeguate per il trasporto. La riduzione della popolazione mondiale non aiuterebbe la popolazione rimanente a procurarsi il cibo, quindi, non avrebbe alcun effetto sulla fame nel mondo o sulla povertà. Sfoltire la popolazione e rendere più facile il suo mantenimento è stato un obiettivo della nobiltà fin dai tempi antichi e continua ancora oggi.

In molte società oppressive, nel corso della storia, la classe dirigente ha cercato di controllare ogni aspetto della vita del cittadino – anche la riproduzione. Questo è stato suggerito da Platone ne La Repubblica, la riproduzione selettiva e il controllo della crescita della popolazione del sottoproletariato è stata un’ossessione dell’élite, anche fin dai tempi dell’antica Grecia.

Attraverso i secoli, l’idea di riproduzione selettiva è diventata un metodo di guerra silenziosa, combattuta nel corso dei secoli contro la classe operaia e le popolazioni del Terzo Mondo. Molti dei maggiori collaboratori del movimento eugenetico sono lodati come grandi progressisti dal sistema di istruzione, dai media e dalla cultura popolare. Nonostante la loro reputazione democratica, queste persone hanno introdotto alcune idee molto negative e distruttive nella coscienza umana, idee che sono restate per lo più indiscusse e non indagate dalla cultura mainstream.

Secondo il professor Steven W. Mosher  dell’international Population Research Institute, le popolazioni in Europa e Nord America, sarebbero in realtà in declino, se non fosse per le persone che emigrano verso quei paesi. [2]

Il numero delle nascite in tutto il mondo è stato in netto calo negli ultimi 20 anni. Se questa tendenza continua allora la popolazione mondiale raggiungerà presto un picco e poi inizierà un declino misterioso e pericoloso. Inoltre, a suggerire che la riduzione della popolazione mondiale possa effettivamente migliorare la qualità della vita per le persone che rimangono,  poggia sul malinteso che la fame è il risultato della sovrappopolazione.

Come abbiamo discusso in precedenza, le vere cause della fame sono la povertà, la guerra, e la mancanza di infrastrutture – tutti problemi che potrebbero essere risolti senza lo sfoltimento della popolazione mondiale. Per migliorare la vita delle persone sulla Terra, abbiamo bisogno di trovare il modo di far capire alla gente di cosa ha bisogno, e ridurre la quantità di persone non aiuterà quelli ai quali viene concesso di ottenere ciò di cui hanno bisogno.

La stragrande maggioranza della ricchezza del mondo, delle risorse e dell’ingegno umano viene sprecata in guerra e dominio, controllata da pochi eletti cattivi amministratori con una distorta visione del mondo. Non ci dovrebbe essere alcun dubbio sul perché non ce n’è abbastanza per tutti.

NOTE:
[1] Saggio sul principio della popolazione – Robert Malthus

[2] http://pop.org/content/steve-mosher-testifies-population-decline-eastern-europe-senate-hearing

JG Vibes è un attivista e artista che ha studiato storia occulta, teologia e forme di governo per la maggior parte della sua vita. Nel 2007 ha iniziato ad ospitare eventi di musica elettronica da ballo e a mettere i piedi Good Vibes Promotions come nome rispettato nella contro-cultura. Nel 2008 ha iniziato a fondere le sue idee filosofiche con i suoi eventi, questo è avvenuto nello stesso periodo in cui ha iniziato a scrivere e a mettere insieme il piano per il suo libro Alchimia del rinascimento moderno. Da allora ha messo in piedi un’etichetta discografica e un sito web che ospita una vasta gamma di informazioni attiviste e aggiornato frequentemente.
www.goodvibespromo.com (la  pagina facebook è aggiornata più frequentemente)

Fonte: Activist Post  6 Novembre 2011
Traduzione: Anna Moffa per ilupidieinstein.blogspot.com 

Commenta su Facebook