Se un pezzo di storia americana può stimolare ancora il popolo americano a fare di nuovo pressione sui loro politici, il libro di David Swanson meticolosamente documentato Quando il mondo mise al bando la guerra, può farlo.

di Bruce Levine
Global Research
Huffington Post

outlawed war-david swansonDavid Swanson, come addetto stampa di Dennis Kucinich nella  campagna presidenziale del 2004, è emerso come uno dei principali attivisti contro la guerra negli Stati Uniti. Swanson non si accontenta soltanto di fermare le attuali guerre degli Stati Uniti. Nel suo precedente libro La guerra è una menzogna, Swanson ha sostenuto l’abolizione della guerra come strumento di politica nazionale, e il suo nuovo libro, Quando il mondo mise al bando la guerra, fornisce un esempio storico di quanto possa essere potente l’abolizionismo della guerra.

Anche se i sondaggi mostrano che oggi la grande maggioranza dei cittadini statunitensi si oppone alle guerre recenti e attuali degli Stati Uniti e vuole tagliare le spese militari per ridurre il deficit federale, pochi americani sono impegnati nell’attivismo contro la guerra. Questa passività politica è dovuta, in parte, al senso di impotenza degli americani perchè non hanno alcun impatto sul governo degli Stati Uniti, soprattutto quando si tratta del complesso militare-industriale. Molti di noi si sentono impotenti a fermare  bombardamenti sempre crescenti, invasioni, e occupazioni di nazioni che non costituiscono una minaccia per noi.

Non  sempre gli americani si sono sentiti così disfattisti contro la guerra

Quando il mondo mise al bando  la guerra racconta la storia di come il movimento per la pace, molto attivo negli anni ‘20, sostenuto da una maggioranza schiacciante di cittadini statunitensi di ogni livello della società, è stato in grado di spingere i politici a fare qualcosa di straordinario – il Patto Kellogg-Briand e la rinuncia alla guerra come strumento di politica nazionale. Il movimento “La guerra fuorilegge” negli anni ’20 era così popolare che la maggior parte dei politici non potevano permettersi di opporsi ad esso.

La storia degli anni ’20 che viene insegnata alla maggior parte degli americani si limita agli eccessi dei ruggenti anni Venti e al fallimento del proibizionismo. A pochi americani viene insegnato che in quel decennio c’era anche un movimento per la pace che mobilitò milioni di persone per ottenere che il governo degli Stati Uniti e le grandi potenze del mondo rinunciassero formalmente alla guerra. Questo forte movimento contro la guerra fu sostenuto da tutto lo spettro politico, dagli isolazionisti internazionali agli attivisti per la pace. Molti americani iniziarono a risentirsi per le manipolazioni governative che li avevano convinti che la guerra mondiale fosse una nobile causa, mentre fu inutile e  catastrofica in termini di vittime.

Per gli “Illegalisti della Guerra,” l’istituzione della guerra costituiva un’immoralità come il duello e la schiavitù, entrambi un tempo erano stati considerati legali e praticati, ma sono stati aboliti. E così la proibizione della guerra, cambierebbe un intero punto di vista culturale su un altro istituto immorale. Speravano, almeno, di aprire gli occhi del mondo sullo stato di guerra come istituzione immorale e di stigmatizzarla.

Il Comitato americano per la Messa al Bando della Guerra fu una creazione di Salmon Oliver Levinson, prominente avvocato di Chicago e uno dei principali promotori del Patto Kellogg-Briand. Levinson ha scritto: “Il principio alla base della messa al bando della guerra è questo:.. La legge dovrebbe essere sempre dalla parte morale di ogni questione, ma il diritto pubblico internazionale è sempre stato dalla parte sbagliata della questione guerra” Nel dicembre 1919, Levinson incontrò il senatore repubblicano William Borah dell’Idaho, e Borah si entusiasmò al piano di Levinson per la messa al bando della guerra.

Borah, in termini attuali, era simile al membro del Congresso Ron Paul, del Texas, nel campo della politica estera, anche se Borah aveva molto più potere. Nel 1917, Borah aveva sostenuto la Prima Guerra Mondiale, ma poi disse che il suo voto per la Prima Guerra Mondiale era l’unico voto di cui si era pentito. Ai tempi della riunione di Levinson con Borah nel 1919, il Presidente della Commissione del Senato per le Relazioni Estere era il senatore repubblicano Henry Cabot Lodge. Lodge aveva promosso la Guerra Ispano-Americana così come la Prima Guerra Mondiale, e aveva sostenuto un massiccio potenziamento della Marina. Tuttavia, Lodge morì nel 1924, e a quel punto Borah divenne Presidente delle Relazioni Estere. E Borah, che era diventato un avversario importante dell’imperialismo e del militarismo, aveva ora un significativo potere di influenzare la politica nazionale.

I politici statunitensi contro la guerra come Borah, negli anni ’20 raggiunsero un tale potere perché essere contro la guerra era una posizione popolare. Quando il mondo mise al bando la guerra ci ricorda quanto fosse diversa la cultura americana negli anni ’20. A differenza di oggi, negli anni ’20, la pace era patriottica. Swanson osserva che negli anni ’20, la pace “non aveva bisogno di opporsi all’agenda centrale del governo degli Stati Uniti. Non aveva bisogno di andare contro l’odierno potente complesso militare industriale. Negli anni ’20, gli agricoltori avevano più autorità dei produttori di armi.”

Il Patto Kellogg-Briand (dal nome di Frank Kellogg, il segretario di Stato americano e Aristide Briand, il ministro degli Esteri francese) fu firmato il 27 Agosto 1928 da  Stati Uniti e Francia, così come dalle potenze mondiali Regno Unito, Italia, Giappone, Germania, e da numerose altre nazioni. Nel 1929, il Patto Kellogg-Briand fu ratificato dal Senato degli Stati Uniti con un voto di 85 a 1, ed è ancora nei libri, come parte della legge suprema degli Stati Uniti. Il Patto Kellogg-Briand afferma:

Le Alte Parti Contraenti dichiarano solennemente [sic] in nome dei loro rispettivi popoli di condannare il ricorso alla guerra per risolvere le controversie internazionali, e di rinunciare ad essa, come strumento di politica nazionale nelle loro reciproche relazioni.

Le Alte Parti Contraenti convengono che il regolamento o la risoluzione di tutte le controversie o conflitti di qualunque natura o di qualunque origine essi siano, che possono sorgere tra di loro, non saranno mai ricercati se non con mezzi pacifici.

Quanto bene ha fatto il Patto Kellogg-Briand? Ovviamente, non è riuscito a fermare le guerre. Una critica comune è che non aveva i denti, in quanto non conteneva sanzioni contro le nazioni che possono violare le disposizioni. Il Patto Kellogg-Briand, tuttavia, stabilì la pratica di non riconoscere rivendicazioni territoriali acquisite con la guerra.

Forse l’eredità più importante del movimento per la messa al Bando della Guerra è che una volta nella storia americana le persone erano ancora fiduciose di poter costringere i politici ad intraprendere azioni popolari. Swanson sottolinea:

Presentarono una richiesta popolare al governo. Non andarono dai funzionari governativi di un partito o dell’altro a chiedere: “Cosa dovremmo dire ai nostri membri di chiedervi di fare?” L’inversione del governo rappresentativo è diventata la norma, che porta alla disillusione del pubblico nei confronti dei gruppi di attivisti, sindacati e altre organizzazioni che pretendono di fare pressioni sui dipendenti pubblici, mentre in realtà ci trattano come i servi dei servi pubblici. Questa mentalità è stata interiorizzata da molti residenti negli Stati Uniti che ritengono di avere dei doveri verso un partito o un politico, piuttosto che i politici hanno dei doveri verso l’opinione della maggioranza.

Se un pezzo di storia americana può stimolare ancora il popolo americano a fare di nuovo pressione sui loro politici, il libro di David Swanson meticolosamente documentato Quando il mondo mise al bando la guerra, può farlo.

Bruce E. Levine è uno psicologo clinico autore di Get Up, Stand Up: Uniting Populists, Energizing the Defeated, and Battling the Corporate Elite(Chelsea Green Publishing, 2011).

Fonte: Global Research 12 Gennaio 2012
Traduzione: Anna Moffa per 
ilupidieinstein.blogspot.com

Commenta su Facebook