ilgraffionews

Qualche settimana fa l’ufficio di presidenza della Camera ha deliberato di disporre una riforma per la quale dovrebbe essere abolito il vitalizio degli ex parlamentari. Gianfranco Fini, il paladino d’accatto dei tagli alla casta e degli sprechi della politica, recitò la predica sulla sobrietà annunciando l’abolizione dei vitalizi degli ex parlamentari. “Sono gli apparati, gli enti e i parlamentari a incidere. In questi 18 mesi accanto alle riforme del Governo le Camere dovranno intervenire per dare l’esempio. Tra qualche settimana la Camera abolirà il vitalizio degli ex parlamentari”, disse il giudeo di Palazzo. Infatti i deputati in questione saranno i futuri “ex parlamentari”, che ancora devono essere eletti, e non quelli che godono adesso dei privilegi. Lo annunciò lui stesso il 2 agosto scorso (clicca qui) durante i lavori dell’ufficio di presidenza circa l’inammissibilità degli ordini del giorno al bilancio che prefiguravano interventi per bloccare i vitalizi acquisiti dai parlamentari perchè in contrasto con i principi generali dell’ordinamento. Chapeau. Al termine del suo lavoro parlamentare, invece, l’ex segretario di Rifondazione comunista Fausto Bertinotti ha maturato un TFR di 121.068 euro e un vitalizio di 3.217 euro. Ecco che i soldi diventano il più alto ideale da perseguire, ma soprattutto da conseguire: “Se mi toglierei il vitalizio? Se mi dessero qualcos’altro per vivere sì, se mi dessero una pensione sì. Ho lavorato una vita e ho diritto ad una pensione, poi come si chiami non conta, basta che sia congrua con ciò che ho versato”, ha detto l’ex presidente della Camera, ai microfoni della “Zanzara” su Radio 24.Hasta la faccia tosta siempre…

Fonte: http://ilgraffionews.wordpress.com/2011/11/23/privilegiati-di-tutta-italia-unitevi/

Commenta su Facebook

Tags: