Riprendo, tristemente, l’articolo del bravo Lucky Borsa
(AGI) Roma – Il ddl sul pareggio di bilancio in Costituzione ha avuto il via libera definitivo dall’aula del Senato con i due terzi degli aventi diritto (cioe’ 214 su 321) necessari per evitare il ricorso al referendum confermativo. I si’ sono stati 235, i no 11, gli astenuti 34.

Hanno votato contro la Lega e l’Idv, si e’ astenuta Coesione Nazionale, a favore tutti gli altri gruppi. In dissenso dai rispettivi gruppi, Mario Baldassarri (Terzo Polo) che non ha partecipato al voto; Mauro Cutrufo (Pdl) e Massimo Garavaglia (Lega) che si sono astenuti.



PS_
Un altro passo verso la follia. Una manica di incompetenti  che sta portando l’Italia al disastro. Con la consapevole responsabilità di chi si vuole spacciare di centro-sinistra o socialista e democratico.
Da segnalare  l’atteggiamento ai limiti del ridicolo dell’Italia dei Valori che, dopo essersi assicurata che vi fosse un numero sufficiente di senatori affinché la soglia del due terzi dei presenti fosse comunque superata (e quindi si evitasse con certezza il referendum confermativo costituzionale) ha annunciato a sorpresa che votava contro.

Peccato che nelle altre TRE letture precedenti l’IdV avesse sempre votato a favore.

Notare che il gruppo IdV al senato è numericamente poco consistente. Diverso sarebbe invece stato il caso in cui l’IdV avesse deciso di votare contro alla Camera: allora sì che il pareggio di bilancio non avrebbe raggiunto i due terzi dei voti e quindi saremmo andati al referendum costituzionale.

Pubblicato da 
Commenta su Facebook