di: Prof. Michel Chossudovsky

La dottrina militare degli Stati Uniti prevede il ruolo centrale di  ”eventi che producano vittime in massa” nei quale vengono uccisi civili innocenti. 

Gli omicidi sono volutamente eseguiti come parte di un’operazione segreta. Al nemico viene poi addossata la colpa per le atrocità che ne derivano. 

L’obiettivo è quello di giustificare un programma militare per motivi umanitari. La dottrina risale all’ Operazione Northwoods del 1962.

Nell’ambito di un piano segreto del Pentagono del 1962, l’ Operazione Northwoods , dovevano essere uccisi civili della comunità cubana di Miami come parte di un’operazione segreta. L’obiettivo era quello di innescare un “ondata di indignazione sui giornali degli Stati Uniti”. Degli omicidi doveva poi essere accusato il governo cubano di Fidel Castro.

L’obiettivo di questo sinistro piano, che il segretario della Difesa Robert McNamara e il presidente J.F. Kennedy rifiutarono di portare avanti, era quello di raccogliere il sostegno pubblico per una guerra contro Cuba:

“Nei primi anni ‘60, i principali leader militari americani riferirono di aver elaborato piani per uccidere persone innocenti e commettere atti di terrorismo nelle città degli Stati Uniti col fine di creare il sostegno dell’opinione pubblica per una guerra contro Cuba.

L’ Operazione Northwoods includeva il possibile assassinio di emigrati cubani, l’ affondamento delle barche dei rifugiati cubani in alto mare, il dirottamento di aerei, l’esplosione di una nave degli Stati Uniti e atti di terrorismo in alcune città americane.

I piani erano stati sviluppati come dei mezzi per ingannare il pubblico americano e la comunità internazionale al fine di sostenere una guerra per cacciare Fidel Castro, il leader comunista di Cuba .

I vertici militari degli Stati Uniti contemplarono anche di causare vittime militari Usa, scrivendo: Potremmo far esplodere una nave americana a Guantanamo Bay e dar poi la colpa a Cuba” e “ la pubblicazione della lista delle vittime sui giornali americani solleverebbe una ondata di indignazione nazionale“.

…. I documenti mostrano che “i Capi di Stato Maggiore avevano redatto e approvato i piani per quello che poteva essere il più corrotto dei piani mai creato dal governo degli Stati Uniti”, scrive Bamford. ( U.S. Military Wanted to Provoke War With Cuba – ABC News – enfasi aggiunta – Questo documento segreto del Pentagono è stato desecretato e può essere facilmente consultato (vedi Operation Northwoods , Vedi anche National Security Archive, 30 aprile 2001)

Il documento era intitolato “Giustificazione dell’intervento militare statunitense a Cuba”. Il memorandum top secret descriveva i piani Usa per progettare segretamente vari pretesti che avrebbero giustificato una invasione americana di Cuba. Tali proposte  parte di un programma segreto anti-Castro noto come Operazione Mangusta – includevano l’assassinio di cubani che vivevano negli Stati Uniti, lo sviluppo di una falsa “campagna di terrore comunista cubana nella zona di Miami, in altre città della Florida e perfino a Washington,” compreso “l’affondamento di una barca di profughi cubani (reale o simulata), “fingendo un attacco dell’aviazione cubana su un aereo di linea civile e architettando un incidente  in stile “ Remember the Maine”, facendo esplodere una nave americana in acque cubane e incolpando poi Cuba.
http://www.gwu.edu/~nsarchiv/news/20010430/doc1.pdf, enfasi aggiunta)

 Cuba 1962 – Siria 2012 …

Mentre l’attuazione dell’Operazione Northwoods venne poi accantonata, la sua premessa fondamentale di utilizzare morti tra i civili come pretesto per un intervento (per motivi umanitari) è stata applicata in diverse occasioni.

La questione fondamentale: le uccisioni di civili nella città di Houla sono parte di un’operazione segreta accuratamente pianificata, con l’intento di raccogliere il sostegno pubblico per una guerra contro la Siria?

Di queste morti è ora accusato il governo di Assad, con “l’elenco delle vittime sui giornali degli Stati Uniti che hanno causato un ondata di indignazione». Nel frattempo, molti paesi europei, il Canada e l’ Australia, hanno tagliato le relazioni diplomatiche con la Siria. Questa decisione di isolare la Siria è stata effettuata simultaneamente dai diversi governi. E’ stata presa prima di condurre un’indagine.

Un intervento militare della NATO – che è già sul tavolo – viene ora previsto, a seguito delle dichiarazioni del  neo-eletto presidente francese Francois Hollande. Una vera e propria guerra contro la Siria potrebbe evolvere verso una guerra regionale più ampia che si estende dal Mediterraneo Orientale all’Asia Centrale. E’ quindi fondamentale che l’opinione pubblica mondiale prenda conoscenza delle bugie e della propaganda di guerra dei media riguardo al massacro di Houla, per non parlare dell’insidioso ruolo  degli squadroni della morte sponsorizzati da USA-NATO.

Il massacro di Houla è parte di una sinistra operazione segreta che porta le impronte digitali dell’ Operazione Northwoods?

Non c’è assolutamente alcuna prova che il governo siriano sia dietro questi omicidi.

Ci sono indicazioni, così come prove documentali, che sin dall’inizio della rivolta nel marzo 2011, terroristi sostenuti da potenze straniere sono stati coinvolti nelle uccisioni di civili innocenti. Fonti di intelligence israeliane (agosto 2011) confermano un processo organizzato di reclutamento di combattenti terroristi da parte della NATO:

Il quartier generale della NATO a Bruxelles e il comando supremo turco nel frattempo stanno elaborando piani per il loro primo passo militare in Siria, cioè armare i ribelli con armi per contrastare carri armati ed elicotteri.

Sarebbe anche stato discusso, a Bruxelles e Ankara, dicono le nostre fonti, una campagna per arruolare migliaia di volontari musulmani nei paesi del Medio Oriente e del mondo musulmano, per combattere a fianco dei ribelli siriani. L’esercito turco avrebbe ospitato questi volontari, e curato il loro addestramento e il loro passaggio sicuro in Siria.

(Ibid, enfasi aggiunta)

DEBKAfile,  NATO to give rebels anti-tank weapons, 14 agosto 2011)

DOCUMENTO NORTHWOODS E PAGINA 7 :

L’intero documento online:  http://archive.org/stream/OperationNorthwoods/operation_northwoods#page/n0/mode/2up

o in pdf: http://www.gwu.edu/~nsarchiv/news/20010430/doc1.pdf

Andrà pianificata una serie di incidenti ben coordinati che dovranno avvenire a Guantanamo e dintorni, in modo da far sembrare davvero che siano stati provocati da forze cubane ostili.

A. Incidenti per decidere un attacco credibile:

(1) Mettere in giro (molte) voci. Utilizzare radio clandestine.

(2) Far sbarcare alleati cubani in mimetica per inscenare un attacco alla base.

(3) Catturare sabotatori cubani (alleati)  all’interno della base.

(4) Avviare scontri vicino al cancello principale della base (usando cubani alleati).

(5) Far esplodere munizioni all’interno della base, appiccare fuochi.

(6) Incendiare (sabotare) un aereo nella base aerea.

(7) Centrare la base dall’esterno con colpi di mortaio.

(8) Catturare squadre d’assalto provenienti dal mare o dalle vicinanze di Guantanamo.

(9) Catturare milizie che assaltano la base.

(10) Sabotare una nave nel porto, scatenare vasti incendi tramite la naftalina.

(11) Affondare una nave all’ingresso del porto. Simulare funerali per presunte vittime.

Potrebbe essere organizzato un incidente in stile “Remember the Maine”:

Potremmo far esplodere una nave americana nella baia di Guantanamo e incolpare Cuba. La pubblicazione della lista delle vittime sui giornali americani solleverebbe una ondata di indignazione nazionale.

Potremmo sviluppare una campagna terroristica di matrice comunista cubana nella zona di Miami, in altre città della Florida e perfino a Washington.

Tentativi di dirottamento di aerei e imbarcazioni civili dovrebbero proseguire come forme di disturbo organizzate dal governo di Cuba.

E ‘possibile creare un incidente che dimostri in maniera convincente che un aereo cubano abbia attaccato e abbattuto un aereo charter civile in rotta dagli Stati Uniti. La destinazione verrà scelta in modo che la tratta dell’aereo sorvoli Cuba. I passeggeri potrebbero essere un gruppo di studenti universitari in vacanza.

Un velivolo dalla base aerea militare  Eglin verrebbe riverniciato e numerato per farlo diventare un esatto duplicato di un aereo civile registrato appartenente a una organizzazione riconducibile alla sezione di Miami della CIA. Al momento previsto, il duplicato verrebbe sostituito dal vero aereo civile e vi verrebbero imbarcati passeggeri selezionati, tutti con una identità accuratamente preparata. Il velivolo reale verrebbe convertito in un drone.

L’orario di decollo del drone e del vero aereo  sarà programmato per consentire che si incrocino a sud della Florida. Nel punto di incontro, quello che trasporta i passeggeri scenderà ad una quota minima e andrà direttamente in un campo ausiliario della base  Eglin , dove saranno già stati organizzati l’ evacuazione dei passeggeri e il ritorno dell’aereo al suo stato originario. Il drone nel frattempo continuerà a volare seguendo la rotta prestabilita. Quando il drone sarà su Cuba, trasmetterà sulla frequenza internazionale di soccorso il segnale di “May Day”, indicando di essere sotto attacco di un MIG cubano. La trasmissione sarà interrotta dalla distruzione del velivolo innescata da un segnale radio.

Original enclosure (doc1.pdf)

LINK: SYRIA: Killing Innocent Civilians as part of a US Covert Op. Mobilizing Public Support for a R2P War against Syria

DI: Coriintempesta

Commenta su Facebook