da www.aclu.org

WASHINGTON – Oggi il presidente Obama ha firmato la legge National Defense Authorization Act (NDAA). La legge contiene una generica disposizione per la detenzione indefinita universale. Mentre il presidente Obama ha emesso una dichiarazione di sottoscrizione affermando che aveva delle “serie riserve” sui provvedimenti, la dichiarazione si applica soltanto a come la sua amministrazione utilizzerebbe le autorizzazioni concesse dalla NDAA e non influirebbe su come la legge viene interpretata da successive amministrazioni. La Casa Bianca aveva minacciato il veto ad una precedente versione della NDAA, ma ha invertito la rotta poco prima che il Congresso votasse il disegno di legge finale.

“Oggi l’azione del presidente Obama è una sventura sulla sua eredità perché sarà conosciuto per sempre come il presidente che ha firmato la legge sulla detenzione indefinita senza accuse o processo ”, ha dichiarato Anthony D. Romero, direttore dell’ACLU. “Lo statuto è particolarmente pericoloso perché non ha nessuna limitazione temporale o geografica e può essere utilizzato da questo e da futuri presidenti per detenere militarmente persone catturate lontano da qualsiasi campo di battaglia. L’ACLU combatterà l’autorizzazione alla detenzione universale dovunque potrà, sia in tribunale, che al Congresso che a livello internazionale”.

Sotto l’amministrazione Bush, pretese simili di autorizzazione alla detenzione universale erano utilizzate per trattenere sotto custodia militare anche un cittadino USA detenuto sul suolo USA  e molti al Congresso ora asseriscono che la NDAA dovrebbe essere utilizzata nuovamente nello stesso modo. L’ACLU ritiene che qualsiasi detenzione militare di cittadini americani o altri all’interno degli Stati Uniti sia incostituzionale ed illegale, compreso in base alla NDAA. Inoltre, l’ampiezza dell’autorizzazione alla detenzione della NDAA viola il diritto internazionale perché non è limitata alle persone catturate nel contesto di un effettivo conflitto armato come richiesto dalle leggi di guerra.

“Siamo incredibilmente delusi che il presidente Obama abbia firmato questa legge anche se la sua amministrazione aveva già sostenuto eccessivamente l’autorizzazione alla detenzione in tribunale”, ha dichiarato Romero. “Qualunque speranza che l’amministrazione Obama avrebbe rigettato gli eccessi costituzionali di George Bush nella guerra al terrore si è oggi spenta. Con sollievo, abbiamo tre branche di governo, e la parola finale appartiene alla Corte Suprema, che deve ancora decidere sulla portata dell’autorizzazione alla detenzione. Ma anche il Congresso ed il presidente hanno un ruolo da giocare nel ripulire dalla confusione che hanno creato perché nessun cittadino americano o chiunque altro dovrebbe vivere nella paura di questo o di qualunque futuro presidente che abusi dell’autorizzazione alla detenzione della NDAA”.

La legge contiene anche provvedimenti che rendono difficile trasferire i sospetti fuori della detenzione militare, che ha indotto il direttore del FBI Robert Mueller a testimoniare che potrebbe danneggiare le indagini penali. Essa limita anche i trasferimenti di detenuti dichiarati innocenti dalla struttura di detenzione di Guantanamo Bay a paesi stranieri per nuovo insediamento o rimpatrio, rendendo più difficile chiudere  Guantanamo, come il presidente Obama si era impegnato a fare in uno dei suoi primi atti in carica.

di: http://freebooter.interfree.it 

LINK: http://freebooter.interfree.it/obsid.htm

Commenta su Facebook