di Gianfranco Campa

trad. di G. Germinario

dirdir2

Ora che Gheddafi è morto, ucciso senza nemmeno un processo, e le bombe della NATO, dispensatrici di supposta democratica, hanno cessato di cadere, è giunto il momento di chiarire la confusione presente tra gli analisti geopolitici e dei mass media riguardante l’attuale politica estera americana, soprattutto quella concernente le operazioni militari strategiche. Quando nel marzo di quest’anno l’ONU ha adottato la risoluzione 1973, con la quale si approvava l’istituzione di una no-fly zone e, di conseguenza, si consentiva ufficialmente l’avvio dell’operazione della Nato in Libia, gli stessi hanno espresso il parere semplicistico che l’azione di Usa e Nato in Libia è stata motivata dall’interesse specifico del controllo della produzione di petrolio di quel paese del Nord Africa. Innegabilmente, la possibilità di mettere le mani sulla estrazione del greggio libico (con il 2,12% di share , equivalente a 1,8 milioni di barili al giorno non è neanche lontanamente paragonabile al volume di altri paesi) è un fattore aggiuntivo derivante dal successo delle operazioni militari della NATO, ma non era il motivo principale a supporto del rovesciamento di Gheddafi. La vera ragione è più ideologica che “logistica”. Esplicitamente, si chiama dottrina de “La responsabilità di protezione”; Implicitamente, si tratta di diritti umani. Quando l’ONU ha approvato la Risoluzione 1970, seguita dall’adozione della risoluzione 1973 il 17 marzo 2011, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha autorizzato a “prendere tutte le misure necessarie” a proteggere la popolazione civile in Libia. Due giorni dopo, il 19 marzo, invocando la dottrina della “responsabilità di protezione” (R2P), il presidente Obama ha autorizzato l’uso di mezzi militari per far rispettare la risoluzione 1973:“Cancellare la responsabilità dell’America come leader, e, ancora più importante,in tali condizioni la nostraresponsabilità verso i nostri simili, sarebbe stato un tradimento di ciò che siamo. “Queste risoluzioni hanno condannato il governo libico per non aver rispettato il diritto internazionale e accusato Gheddafi e il suo governo di  gravi violazioni dei diritti umani e di crimini contro l’umanità. Da rilevare, immediatamente dopo quella del 1973, pochi giorni dopo, il Consiglio di Sicurezza ha approvato la Risoluzione 1975 che ha “invocato laresponsabilità di proteggere e chiesto la fine immediata della violenza contro i civili in Costa d’Avorio.” L’approvazione di questa ulteriore risoluzione ha portato a un’azione militare dai francesi e dai caschi blu e ha portato all’arresto dell’ex presidente Gbagbo. Purtroppo, dopo gli attacchi al quartier generale di Gbagbo da parte delle forze di Quattara (con il supporto di elicotteri francesi) in nome della “R2P”, informazioni provenienti da fonti diverse interne alla Costa d’Avorio parlano di cristiani massacrati a centinaia dalle truppe musulmane di Quattara. Il nano francese Sarkozy e gli avvocati dei diritti umani, tranne in qualche rara occasione, hanno mantenuto il silenzio assoluto su questo crimine di guerra. A quanto pare, per alcune di queste persone, non tutti i civili sono stati uguali agli occhi del Creatore. Alcuni degli stessi problemi li abbiamo visti in Libia, con le relazioni riguardanti civili, in particolare nella città di Sirte, che hanno sofferto perdite per l’azione congiunta dei bombardamenti della NATO e degli aspri combattimenti con artiglieria e mortai avviati dal Consiglio nazionale di transizione (NTC). Abbiamo notizie di civili innocenti uccisi e di molti edifici pubblici distrutti, come scuole e ospedali. Le stesse forze NTC sono stati ripetutamente impegnati in attacchi sistematici finalizzati all’eliminazione della popolazione libica nera, accusata di essere mercenaria al servizio di Gheddafi.

E ‘importante, a questo punto, chiarire gli antefatti della storia concernente il “R2P”. Al vertice mondiale delle Nazioni Unite del 2005, fu adottata una risoluzione, denominata “La responsabilità di proteggere”, che stabiliva che “Ogni singolo Stato ha la responsabilità di proteggere la propria popolazione dal genocidio, da  crimini di guerra, pulizia etnica e crimini contro l’umanità. Questa responsabilità comporta la prevenzione di tali crimini, compreso la loro istigazione, attraverso mezzi appropriati e necessari. Noi accettiamo questa responsabilità e ogni azione conforme ad essa … La comunità internazionale, tramite le Nazioni Unite, assume, quindi, la responsabilità di un uso appropriato dell’intervento diplomatico, umanitario e di altri mezzi a difesa di popolazioni pacifiche dal genocidio, dai crimini di guerra, pulizia etnica e crimini contro l’umanità. In questo contesto, siamo pronti ad azioni collettive in modo tempestivo e decisivo, tramite il Consiglio di Sicurezza … … nel caso i mezzi pacifici dovessero essere inadeguati e le autorità nazionali fossero manifestamente incapaci di proteggere le proprie popolazioni da genocidio, crimini di guerra, pulizia etnica e crimini contro l’umanità . Sottolineiamo la necessità che  l’Assemblea generale continui a considerare la responsabilità di proteggere le popolazioni dal genocidio, dai crimini di guerra, pulizia etnica e crimini contro l’umanità e le sue implicazioni, tenendo conto dei principi della Carta e del diritto internazionale. “Questa risoluzione è stata la culmine di un lungo dibattito sui diritti umani, iniziato già alla fine del 1990 e aveva visto il primo passo concreto nel dicembre 2001, quando il termine  “responsabilità di proteggere” è stato introdotto in una relazione della “Commissione internazionale su intervento e la sovranità dello Stato “(ICISS). Questa commissione è stata creata nel settembre 2000 in risposta alla domanda posta da Kofi Annan riguardante la sovranità dello stato e il momento in cui la comunità internazionale deve agire nel corso di una crisi umanitaria. Il ICISS ha mantenuto il concetto di sovranità statale, ma lo Stato deve rispettare le decisioni della comunità internazionale nel caso in cui lo Stato non riesca a gestire le crisi umanitarie su vasta scala e le violazioni dei diritti umani all’interno dei propri confini o nel caso in cui lo Stato stesso sia responsabile di queste violazioni. In questo caso, la sovranità diventa differibile e la comunità internazionale assume il potere di intervenire, soppiantando così il diritto sovrano(che è un principio fondamentale del diritto internazionale). So che ad alcuni questo potrebbe sembrare un’analisi superficiale, ma il modo più semplice per capire questo concetto è quello di pensare la sovranità statale come ad una patente di guida: non è un diritto, è una concessione; può, quindi, essere soppresso/revocato dalla polizia del mondo (L’ONU e la NATO) per la violazione dei diritti umani e delle “leggi” umanitarie.

Gli attacchi del 11 settembre fanno deragliare momentaneamente il concetto di “R2P.” La comunità internazionale ha avuto un problema più grande da affrontare, un problema chiamato terrorismo. Ma non commettere l’errore di giudizio; i paladini dei diritti umani sono stati implacabili dietro le quinte per assicurarsi che il loro programma e le loro richieste fossero considerati e riconosciuti dalla comunità internazionale.

Nel settembre 2003, la dottrina “R2P” riemerse ancora una volta, alimentata dal genocidio nel Darfur. Kofi Annan chiese alle Nazioni Unite di adottare la protezione e la promozione dei diritti umani. Un comitato è costituito dal nome: “Commissione ad alto livello su minacce, sfide e cambiamento”. Questo gruppo avrebbe dovuto identificare le minacce del 21 ° secolo. La commissione ha pubblicato il suo rapporto nel dicembre 2004, intitolandolo “Un mondo più sicuro:. La nostra responsabilità comune” Questo rapporto contiene 101 raccomandazioni agli stati membri delle Nazioni Unite sulla responsabilità della comunità internazionale ner proteggere i civili dal genocidio e da altre minacce. Questa relazione è stata seguita da un altro rapporto, questa volta pubblicato dal Segretario Generale delle Nazioni Unite intitolato “Per una più ampia libertà: Verso i diritti allo sviluppo, la sicurezza e i diritti umani per tutti” Inutile dire che questa relazione ha sottolineato la necessità per i governi mondiali di agire tempestivamente contro la violenza verso i civili in violazione dei diritti. Il rapporto ha anche chiaramente raccomandato che i governi del mondo abbraccino pienamente la dottrina “R2P”. Nel caso i governi non siano in grado di intervenire e di garantire questi diritti, allora la comunità internazionale ha l’obbligo di rispondere, e tutte le misure disponibili verranno prese in considerazione per proteggere i civili. Queste misure includono opzioni diplomatiche fino all’uso della forza militare.

Infine, nel 2005 arrivò l’adozione del “R2P,” con il Segretario Generale Ban Ki-Moon che provvede a due nomine incaricate di vigilare sulla dottrina “R2P”. Uno di loro era Francis Deng, nominato “Consigliere speciale per la prevenzione del genocidio.” Un decennio prima, Deng fu il primo a introdurre il concetto di “sovranità come responsabilità”.

Nel 2006, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha approvato la Risoluzione 1674, con la quale afferma che “la sovranità non è un diritto incondizionato intrinseco a un regime, ma una prerogativa garantita dal riconoscimento della comunità internazionale la quale ha dei limiti di non-intervento. Tali limiti sono cancellati quando un regime ingaggia operazioni di ‘genocidio, crimini di guerra, pulizia etnica e crimini contro l’umanità’ “.

Nel gennaio 2009, il Segretario generale dell’ONU ha pubblicato un nuovo rapporto intitolato “Attuazione della responsabilità di proteggere.” Questo rapporto è stato scritto per definire meglio il concetto di “R2P” e individuare il modo migliore di implementare la dottrina strategica. Il dibattito interno nel corso di “R2P”, è proseguito per diversi mesi, da luglio a settembre 2009, e culminò con l’adozione della risoluzione A/RES/63/308 / sulla “R2P.” Ora comprendiamo perché, durante il cimento della Libia, i mass media non vedevano l’ora di segnalare il genocidio; così la mistificazione sulle fosse comuni  contrabbandate al posto dei cimiteri regolari o di quelli dei cani. Questi rapporti allarmanti hanno parlato di migliaia di civili uccisi. La verità era che non c’era nessun vero e proprio genocidio in atto. Ma ci sono state vittime causate da una guerra civile in corso – una guerra civile che, prima dell’intervento della NATO, volgeva chiaramente a favore di Gheddafi e del suo governo. Ovviamente, c’era bisogno del pretesto delle violazioni dei diritti umani per giustificare l’intervento delle forze ONU e della NATO.

A supporto della migliore gestione della “R2P,” sono state create diverse organizzazioni, come il “Centro Globale per la Responsabilità di proteggere” e “La Coalizione Internazionale per la Responsabilità di proteggere”. Queste entità sono direttamente collegate ad altre organizzazioni globaliste come “Human Rights Watch”, “Gruppo internazionale di crisi”, “Movimento federale mondiale”, “Istituto per la Politica Globale”, “Azione globale per prevenire la guerra”, “Federazione Mondiale delle Associazioni delle Nazioni Unite”, “Cittadini per una soluzione globale, “e molti altri. Vedete un denominatore comune a tutti questi gruppi? Le parole chiave sono Globale e i Diritti universali- umani. E’ una santa alleanza alla ricerca della disgregazione del concetto tradizionale di sovranità. Tutti questi gruppi sono finanziati, non solo dai governi, ma anche da soggetti privati. Un nome sopra tutti? Avete indovinato: il nostro amico, George Soros. Il suo “Open Society Institutes” (http://www.soros.org) è il più grande finanziatore del “Centro Globale per la Responsabilità di proteggere”. (Http://globalr2p.org) Ho una domanda per tutti voi . A che punto è il coinvolgimento di Soros nella distruzione sistematica del concetto di Stati nazionali sovrani cesserà di essere una teoria della cospirazione e essere considerata, infine, una notizia essenziale? Quanti ulteriori collegamenti diretti e provati sono necessari per costituire un caso? Ora l’altra domanda da porsi è se la comunità internazionale è disposta a prendere una posizione coerente contro le violazioni dei diritti umani. E’ soltanto contro le violazioni commesse, in Libia o nella Costa d’Avorio o nel Darfur oppure è disposta a intraprendere un’azione militare, dopo segnalazioni di violazioni dei diritti umani, diciamo, per esempio, in Cina, quando il governo cinese decide di opprimere la gente del Tibet o reprimere i propri cittadini? La risposta è no. Così, alla fine, le nazioni che stanno andando a pagare un prezzo e stanno andando a perdere la loro sovranità sono quelle che in realtà non hanno un peso e legami fidelizzati con la comunità internazionale e non hanno una grande macchina militare.

Perché Obama ha finito per abbracciare la dottrina “R2P”? La spinta di Obama ad agire in Libia proviene in parte dalla componente femminile dei suoi consiglieri di sicurezza: Hillary Clinton, Susan Rice e Samantha Power. Hanno seguito le orme dell’ex segretario di Stato Usa Madeleine Albright, uno dei sostenitori più espliciti dell’intervento della NATO nei Balcani durante l’amministrazione Clinton. Per Susan Rice, ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite, e per l’attuale Segretario di Stato, Hillary Clinton, l’intervento in Libia è motivato soprattutto per prevenire il ripetersi del genocidio ruandese, avvenuto durante gli anni di Clinton. Forse, si può definire un “senso di colpa.” Purtroppo, la differenza tra il Ruanda e la Libia è che quest’ultimo non è un genocidio, una pulizia etnica, ma una guerra civile. Il modo in cui questi consiglieri hanno sostenuto l’argomento del genocidio contro la guerra civile è stato facendo appello ad un’altra risoluzione delle Nazioni Unite, una risoluzione datata 14 luglio 2010, dal titolo “Early Warning, la valutazione e la responsabilità di proteggere.” Questa risoluzione chiede l’intervento delle Nazioni Unite se esiste anche solo la possibilità di genocidio, eventualità sufficiente a far scattare la “‘dottrina R2P.

Ma la vera forza motrice della decisione di Obama, è stata Samantha Power. La promotrice irlandese della nascita del movimento dei diritti umani è salita a un ruolo importante nella catena di comando della Casa Bianca. Come consulente di sicurezza, la signora Power è vicina all’orecchio del presidente Obama. Come reporter durante il conflitto bosniaco, è stata profondamente toccata da quella guerra civile. Nel 2003, Power ha scritto un libro intitolato “Un problema dall’inferno “, che ha vinto il Premio Pulitzer e in cui Power ha criticato le amministrazioni precedenti per l’assenza  nel fermare il genocidio. Obama è stato colpito da Samantha Power e dal suo libro, letto religiosamente. A sua volta, Obama ha citato Samantha Power nel suo libro, “L’audacia della speranza.” Nel 2007, Power ha scritto una lunga recensione sui libri recenti di dottrina militare, lodando la strategia di contro-insurrezione elaborata dal generale David Petraeus in Iraq, anche se lei non si è associata  all’amministrazione Bush.

Alcuni potrebbero sostenere che, per quanto ogni consulente di sicurezza dica al Presidente, la decisione finale rimane allo stesso Presidente. Questo è vero. È un dato di fatto, Obama ha abbracciato il concetto di “R2P”, ma ha evitato di impiegare la piena potenza militare in Libia. Ha assegnato  un ruolo più importante a inglesi e francesi, evitando così di attuare il dispegamento di un gran numero di truppe di terra in Libia. Ci sono, tuttavia, ancora piccoli gruppi di forze speciali e agenti dei servizi segreti sul terreno in Libia a consigliare i ribelli NTC.

Le conclusioni più importanti da trarre dall’intervento della Nato in Libia  sono la svolta nella politica estera americana e il sostegno degli Stati Uniti alla detronizzazione di leader come Mubarak e Gheddafi. Si tratta di un importante cambiamento. In passato, il governo americano ha spesso creato e sostenuto dittatori in tutto il mondo secondo il migliore interesse degli Stati Uniti. La dottrina “R2P” con l’equazione dei diritti umani comporta un cambiamento nella politica, in cui la violazione dei diritti umani prende il posto di quello che un tempo era la minaccia comunista (Cile, Corea e Vietnam) o la minaccia alla produzione petrolifera mondiale (prima guerra del Golfo). Questo cambiamento è iniziato con la Bosnia, il Kosovo, e l’Egitto; ora la Libia serve da monito a tutti i leader che hanno indugiato a soddisfare i governi occidentali. Solo perché ti consideri un semplice amico dell’Occidente, l’Occidente – sotto la bandiera della democrazia e dei diritti umani – non esiterà a buttarti sotto l’autobus. Da Ceausescu a Saddam Hussein, da Mubarak a Gheddafi, potreste finire fucilati, impiccati, o in carcere – il più delle volte senza un giusto processo (o di un processo sommario) – in nome di questi diritti umani che a loro volta saranno a voi negati perché siete considerati un nemico della “democrazia”.

Forse, nel caso di Gheddafi, è stato meglio per lui che morire nella sua città in combattimento piuttosto che sfilare davanti alla Corte penale internazionale (CPI) dell’Aia. C’era un mandato di arresto internazionale emesso il 28 giugno di quest’anno per Muammar Al-Gheddafi con l’accusa di crimini contro l’umanità. Nel frattempo, Gheddafi se n’è andato, ma la guerra in nome dei diritti umani è tutt’altro che finita. Un recente tentativo di adottare una pretestuosa risoluzione delle Nazioni Unite contra la Siria è stata bloccata dal veto di Russia e Cina.  Ma i crociati dei diritti umani non sono ancora soddisfatti. La scorsa settimana, l’amministrazione Obama ha annunciato un ulteriore dispiegamento di truppe: 100 consiglieri militari in Uganda per catturare Joseph Kony, comandante dell’Esercito di Resistenza del Signore, oggetto di un mandato d’arresto emesso dalla Corte penale internazionale.

Oggi questi guerrieri dei diritti umani stanno cercando di imporre la propria dittatura agli Stati nazione e ai suoi leader. Domani, forse, in nome dei diritti civili, saranno prossimi a bussare alla tua porta. Feresti meglio a farti trovare pronto.

Da Conflitti e Strategie

Commenta su Facebook