Molti Stati evitano di prendere crediti dal Fondo Monetario internazionale, sperando nell’aiuto della Russia o dei Paesi arabi, comunica il portale Adev?rul.

In quel modo, a livello internazionale nascono due grandi creditori, i quali a differenza dell’FMI non chiedono allo Stato debitore l’introduzione di misure limitative.

Secondo i dati del portale, dal 1990 al 2008 la Russia ha investito in Europa 2 miliardi di euro e dall’inizio della crisi finanziaria il volume degli investimenti ha superato i 3 miliardi.

Fonte: http://italian.ruvr.ru/2014_01_10/Molti-Stati-preferiscono-la-Russia-allFMI/

Commenta su Facebook