Roma, 14 maggio – I veicoli elettrici puliscono l’aria della Capitale. Secondo un’analisi della Renault effettuata con il supporto tecnico di Aria Technologies e Arianet e con la collaborazione del comune di Roma, l’auto con la spina – se opportunamente diffusa – può togliere dall’atmosfera fino al 30% delle emissioni di monossido di carbonio e benzene, fino al 14% delle emissioni di monossido e biossido d’azoto e PM10, ridurre l’impatto dei trasporti sulle emissioni globali del 5% e del 70% degli abitanti esposti a concentrazioni di benzene potenzialmente dannose per la salute umana.
Lo studio, presentato in occasione della quinta edizione di MoTechEco, il salone della mobilità sostenibile che si è svolto a Roma dall’8 al 10 maggio, si inserisce nella strategia della casa automobilistica francese volta alla diffusione su larga scala della mobilità elettrica, “che la vede oggi essere l’unico costruttore ad offrire già sul mercato una gamma completa di veicoli elettrici”, apprendiamo da una nota. Nello scenario più virtuoso preso in esame, i veicoli elettrici rappresentano nel 2020 il 25% circa di quelli circolanti nella zona a traffico limitato e il 9% dei circolanti nelle altre zone della città. Ma non stiamo parlando solo di benefici ambientali e sanitari. Il pacchetto si coniuga anche con i vantaggi economici derivanti dall’adozione dell’auto “con la spina”, che nel suo utilizzo (con inferiori spese di manutenzione e un costo dell’energia per la ricarica pari a quasi un quinto della benzina o del diesel) “affermano la loro competitività rispetto ai veicoli termici tradizionali”, spiega Renault.
I dati utili all’elaborazione sono stati forniti dall’Agenzia per la mobilità e dall’Arpa Lazio: inquinamento, traffico per fasce orarie e tipologia di veicolo, abitanti, parco veicolare, e così via. Fra gli agenti inquinanti presi in esame ci sono monossido d’azoto (NO), biossido d’azoto (NO2), benzene, particolato fine e ultra fine (PM10 e PM2,5), monossido di carbonio (CO) e ozono (O3).

Fonte: http://www.e-gazette.it/index.htm?

Commenta su Facebook