inchiestaL’esecutivo proprio oggi adotta nuove norme sui criteri

Come riporta Il Sole 24 Ore Radiocor, l’Ombudswoman europea Emily O’Reilly ha aperto un’inchiesta “strategica” sul modo in cui la Commissione europea gestisce la valutazione dei conflitti di interesse dei suoi 40 “consiglieri speciali”. “L’inchiesta riguarderà il sistema dei consiglieri speciali non i singoli individui: molti di loro hanno accesso diretto ai commissari sono part-time, altri non sono pagati e alcuni sono in pensione, molti lavorano nel settore privato“, ha indicato l’Ombudswoman. Guarda caso proprio oggi, la Commissione Ue ha adottato nuove norme sulle modalità di selezione dei gruppi di esperti a carattere consultivo che forniscono competenze esterne per contribuire al processo di elaborazione delle politiche comunitari.

L’Ombudswoman ha avvisato dell’apertura dell’inchiesta il presidente Juncker con una lettera. O’Reilly propone anche alla Commissione di creare una piattaforma centrale per la trasparenza per le istituzioni Ue, gli organismi, i dipartimenti e le agenzie. Secondo lei il registro di trasparenza per i lobbysti dovrebbe essere esteso anche al Consiglio. L’obiettivo è avere una continua informazione aggiornata sulle organizzazioni che cercano “di influenza i policy-makers: il registro dovrebbe rivelare non solo quanti soldi si spendono per l’attività di lobbying ma anche i dettagli sugli esperti, sulle organizzazioni, su ‘chi incontra chi‘”

Nel rapporto 2015 sulla trasparenza nell’amministrazione comunitaria, l’Ombudswoman aveva indicato che le preoccupazioni riguardavano il 22,4% dei casi trattati dal suo ufficio

O’Reilly ha ricevuto diverse denunce sui consiglieri speciali della Commissione. Juncker ha 4 consiglieri, piu’ di qualsiasi altro membro dell’esecutivo comunitario. L’Ombudswoman ha indicato di aver rilevato una cattiva gestione dell’assunzione Edmund Stoiber, importante uomo politico conservatore tedesco, della Cdu, per anni presidente del Land della Baviera, ora in pensione, che ha lavorato presso la Commissione come consigliere fino al 2014. La Commissione pubblico’ un comunicato stampa annunciando l’assunzione di Stoiber tre mesi prima che fosse stata formalmente effettuata. Stoiber in ogni caso non veniva pagato, pero’ nello stesso periodo faceva parte del board del gruppo assicurativoNurnberger Versicherungsgruppe.

La stretta della O’Reilly parte da lontano. Nelle scorse settimane è stata infatti protagonista di uno scontro con l’industria del tabacco, esclusa da una conferenza sulla trasparenza delle lobby di settore per via di un’interpretazione restrittiva di una norma internazionale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Anche in precedenza, la stessa istituzione aveva rivolto a Parlamento e Commissioni diversi inviti per un cambiamento in senso restrittivo nella normativa sulla trasparenza dei gruppi di pressione.

Fonte: lobbyingitalia.com

Commenta su Facebook