13 luglio 2011 (MoviSol) – Sabato notte, a Valencia, circa 50 persone si sono riunite in pubblica assemblea per ascoltare una relazione sulla legge Glass-Steagall, esposta da un membro della commissione economica de Los Indignados.

A conclusione dell’incontro, il commissario ha fornito il seguente resoconto:

“L’incontro di questa sera è stato grandioso. La discussione è durata dalle 22:00 all’una di notte e la gente non aveva intenzione di andarsene. Eravamo, purtroppo, in una piazza, [condizionati] da leggi che limitano i rumori oltre una certa ora.

Ho paragonato la situazione attuale a quella affrontata da Roosevelt nel 1933, discutendo della necessità della legge Glass-Steagall, [poi] ho parlato loro della legge proposta al Congresso americano. Ciò ha provocato qualche polemica, come quella contrastante il tipico errore delle sinistre che esigerebbero un ‘modello di riduzione della crescita per contrapporsi al consumismo predatorio delle risorse [naturali]’, la Tobin Tax e altre cose del genere.

Tuttavia, è emerso un piccolo gruppo che desidera organizzare un’Iniziativa di Legge Popolare, come prevista dalla Costituzione spagnola, per chiedere qui una legge del genere della Glass-Stegall; per la quale sono necessarie 500.000 firme. La cosa è un po’ prematura, ma è un buon inizio. È saltato fuori anche il tema dell’uscita della Spagna dell’euro, sul quale ho risposto dicendo che dobbiamo abbandonare il Titanic in affondamento, e ricordando che cosa hanno fatto l’Argentina e l’Islanda, reggendo davanti ai saccheggiatori”.

 

Commenta su Facebook