Da I Lupi di Einstein

Mondo ‘sull’orlo di una Nuova Recessione’

di Steve Watson
Prisonplanet.com

Un’agenzia di spicco delle Nazioni Unite ha emesso un avviso che la Terra è ormai sulla strada di una lunga recessione, una carenza di 40 milioni di posti di lavoro in tutto il mondo e un aumento dei disordini sociali su larga scala.

In un rapporto pubblicato oggi, l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) avverte che il mondo affronta un’imminente “crisi drammatica” nel mondo del lavoro ed esorta il G20 ad agire per “ammorbidire l’impatto”.

Sottolineando che il mondo affronta una “nuova e più profonda recessione dei posti di lavoro”, il rapporto, intitolato Rapporto 2011 sul Mondo del Lavoro: far funzionare i mercati per l’occupazione, avverte che la creazione di posti di lavoro sta rallentando e la disoccupazione in tutto il mondo si trova ad un record di oltre 200m.

“Stimiamo che per i prossimi due anni, l’economia mondiale avrebbe bisogno di 80 milioni di posti di lavoro per portare il tasso di disoccupazione fino al livello prima della crisi” nel 2007, ha dichiarato Raymond Torres, che dirige l’istituto di ricerca dell’OIL.

Aggiungendo che “l’economia mondiale creerebbe solo 40 milioni di posti di lavoro”, in questo tempo, il rapporto stima che al livello attuale di tendenza ci vorranno almeno cinque anni per riportare l’occupazione nelle economie avanzate a livelli pre-crisi.

Di questi 40 milioni di nuovi posti di lavoro, l’OIL afferma che solo 2,5 milioni saranno creati nelle economie avanzate, lasciando una carenza di 24,7 milioni di posti di lavoro nei paesi industrializzati nel corso del 2012 e il 2013.

L’ILO ha inoltre avvertito che il numero di persone senza lavoro nella zona euro è salito a 16,2 milioni nel mese di settembre, il livello più alto dall’inizio delle rilevazioni nel 1998.

Il risultato di tale massiccia carenza di lavoro, secondo l’OIL, comporterà maggiori disordini sociali in 45 paesi diversi.

“Questo è particolarmente vero nelle economie avanzate, in particolare l’Unione europea, la regione araba e in misura minore, l’Asia”, ha detto.

Il rapporto individua un maggior rischio di disordini sociali in Grecia, Portogallo, Spagna, Estonia, Francia, Slovenia e Irlanda.

Senza contromisure, la crisi potrebbe scatenare una recessione che potrebbe durare un decennio o più, aggiunge il rapporto.

Aumentare la spesa del mercato del lavoro di mezzo punto percentuale del prodotto interno lordo dovrebbe aumentare l’occupazione tra lo 0,4% e 0,8%, a seconda del paese, ha detto l’ILO .

“Abbiamo raggiunto il momento della verità. Abbiamo una breve finestra di opportunità per evitare una grande doppia recessione (recessione a W) nel mondo del lavoro”, ha detto Torres.

Fonte: Prisonplanet.com 31  Ottobre 2011
Traduzione: Anna Moffa per ilupidieinstein.blogspot.com

Commenta su Facebook