Da MondoElettrico di Massimo J. De Carlo 

Con il post Record dei record nei consumi di energia elettrica in Italia: +13,4% a luglio di qualche giorno fa riprendendo i dati forniti da Terna, abbiamo visto il consumo di energia elettrica crescere del 13,4% unicamente a causa del caldo estremo con i condizionatori girare a palla, con una temperatura media mensile superiore di 4°C rispetto al luglio 2014. Abbiamo anche visto che il consumo di gas è cresciuto proprio nel settore termoelettrico (+36%) mentre il settore industriale ha perso ancora percentuali importanti (-4%).

Completiamo il discorso tornando sulla produzione nazionale di energia elettrica aggiungendo la verifica del peso avuto dalle rinnovabili nel contesto produttivo.

Prima di tutto, la produzione nazionale

Sono in crescita le fonti di produzione:
termica (+29,0%) e
fotovoltaica (+21,2%).
In calo le fonti:
eolica (-42,2%),
idroelettrica (-21,5%)
e geotermica (-1,5%).

Sostanzialmente la produzione nazionale da rinnovabili ha coperto per il 33,3 % circa dell’intera produzione con 9.300 GWh, il 35,8 % nei primi sette mesi dell’anno in corso, il che equivale al 30,8 % del totale consumato.

I nostri grafici

Per aiutarci nella comprensione, d’acchito, abbiamo realizzato come al solito, alcuni grafici.

La produzione nazionale dal 2009.

Il grafico seguente rappresenta l’andamento della produzione nazionale nei 12 mesi precedenti alla rilevazione del mese di riferimento.

Qui sotto è la quantità di energia termoelettrica rapportata a tutte le rinnovabili .

La produzione fotovoltaica negli ultimi anni suddivisa per anno solare.

La produzione eolica negli ultimi anni suddivisa per anno solare.

Il grafico seguente, di forte Terna, mette in risalto la componente rinnovabile, fotovoltaica ed eolica accorpate, nel giorno di punta di richiesta di energia elettrica.

[Potete aiutare i blogger a sopravvivere anche con una piccolissima donazione di 1€ ciascuno]
L’informazione libera non può accedere ai finanziamenti statali ma vive di pubblicità… USALA




Commenta su Facebook

Tags: