Ci sono le unioni civili ma manca tutto il resto. I gay poveri condivideranno i fluidi. Quelli ricchi i liquidi. Proprio come nella famiglie cosiddette normali ma tutte diverse per condizione reddituale. La vita è sempre meno dignitosa ma dalla vita in giù sono tutti più liberi. Questa sarebbe la nuova frontiera del progresso per i sedicenti progressisti. La libertà ridotta al livello del culo fa letteralmente cagare. Dai culi non nasce niente e il troppo letame soffoca i fiori. Personalmente non ho pregiudizi ma non vedo cosa ci sia da festeggiare per quest’ennesima presa per il sedere. I deputati che si sono abbracciati ad hanno pianto all’approvazione della Cirinnà sono gli stessi criminali che da decenni stanno facendo sprofondare l’Italia nell’abisso della crisi. Sono quelli che tutelano i potenti e bastonano i cittadini. I loro giochetti sporchi ci hanno stufato come le loro orgette per il potere che violentano le istituzioni. Ci hanno tolto pure le mutande per sodomizzarci meglio. Ora c’è la legge che lo certifica.
I soldi scarseggiano per ogni cosa, si sta raschiando il fondo del barile per sopravvivere, aumentano le ruberie di Stato e le truffe ai danni dei contribuenti da parte di banche e finanziarie. Il Governo salva quest’ultime e affossa i risparmiatori. Ma i nostri rappresentanti danno battaglia sulle baggianate dimenticandosi l’essenziale. L’economia va a picco, c’è la disoccupazione, la burocrazia che soffoca le imprese, i pensionati umiliati, i giovani bistrattati. L’Italia viene umiliata in patria e all’estero e chi dovrebbe difenderla si mette a novanta gradi di fronte agli abusi dell’Ue, ai soprusi della Nato e alle soverchierie degli Stati Uniti.
Il culattonismo di Stato è la nostra rovina. Il Belpaese sta dando via il deretano per trenta denari e lorsignori si compiacciono dei loro lavoretti praticati in aule di antico pregio ridotte a postriboli. Coi finocchi ci vogliono infinocchiare. Con rispetto parlando. Prendete l’Inps. Ci ha detto che la trippa per i gatti è finita. Si andrà a riposo sempre più tardi e con emolumenti da fame. Adesso però, il suo Presidente, annuncia candidamente che ci sono le coperture per la reversibilità della pensione anche agli omosessuali. Lo trovo giusto ma dove lo teneva nascosto il tesoretto? Trovo sommamente ingiusto ed intollerabile che questi incompetenti terrorizzino la popolazione con la loro corta visione schiacciata sui problemi odierni di cui sono i primi artefici. Sono convinto che sbarazzandoci di loro, facendo tornare a correre l’Italia, collocandola in nuove alleanze internazionali, le cose potrebbero cambiare. E la prosperità ricominciare. Tutti avremmo prospettive migliori di quelle esistenti. Sono, invece, la loro presenza e la loro mancanza di iniziativa a proiettare anche nel domani il disastro di oggi.
Togliamoceli dai coglioni e il sole tornerà a spledere.

Commenta su Facebook