The Economic Collapse
La gente là fuori che crede che l’economia americana stia vivendo una ripresa stabile e che davanti a noi ci sono giornate molto luminose dovrebbe farsi esaminare la testa. Purtroppo, quello che stiamo vivendo in questo momento è semplicemente un periodo di “hopetimismo” tra due crolli finanziari. Le cose possono sembrare relativamente stabili in questo momento, ma non durerà a lungo. La verità è che la crisi finanziaria del 2008 è stata solo un esercizio di riscaldamento per lo  spettacolo di orrore economico che sta arrivando. Niente è stato veramente sistemato dopo il crollo del 2008. Viviamo nella più grande bolla del debito nella storia del mondo, e da allora, è diventata ancora più grande. Le banche “troppo grandi per fallire” sono più grandi ora di quanto lo siano mai state. Gli americani continuano a gestire i saldi delle carte di credito come se non ci fosse un domani. Decine di migliaia di impianti di produzione e milioni di posti di lavoro continuano a lasciare il paese. Continuiamo a consumare molto più di quanto produciamo e continuiamo a diventare più poveri come nazione. Nessuno dei problemi che hanno causato la crisi del 2008 è stato risolto e finanziariamente siamo ancora più deboli di quanto non lo fossimo allora. Allora, perché nel mondo ci sono così tante persone così ottimiste riguardo all’economia in questo momento?

Basta dare un’occhiata al grafico pubblicato qui sotto. Mostra la crescita del debito totale negli Stati Uniti. Durante la crisi finanziaria del 2008 c’è stato un piccolo ‘”singhiozzo”, ma la verità è che una diminuzione della leva fiscale in realtà non è avvenuta affatto. E dal momento che la recessione è “finita”, il debito totale del mercato del credito ha continuato a salire verso vette sempre più alte ….

Che cosa significa questo per il futuro?

Beh, se un piccolo “intoppo” nella bolla del debito ha causato tanto caos nel 2008, cosa succederà quando questa bolla del debito, alla fine scoppierà?

Questo è qualcosa a cui pensare.

Purtroppo, la maggior parte degli americani sembra ignara di tutto questo.

Se si va ai centri commerciali nelle aree ricche dell’America oggi, le persone stanno caricando a ruota libera. In totale, gli americani hanno addebitato un’enormità come 2,5 triliardi di dollari sulle loro carte di credito nel corso del 2011. Davvero troppe persone hanno già dimenticato le lezioni che abbiamo imparato nel 2008.

Naturalmente alcuni americani ripagano le loro carte di credito ogni mese, ma troppi americani non lo stanno facendo. Oggi, gli americani trasferiscono 793 milioni di dollari nei saldi di credito rotativo.

E il debito dei prestiti agli studenti è una bolla ancora più grande del debito delle carte di credito. Come ho scritto in precedenza, il totale del debito dei prestiti di studio in America si sta avvicinando rapidamente ad un trilione di dollari.

Così sembra che i consumatori americani non abbiano imparato a stare lontano dai debiti.

Questo non è un bene.

Beh, che dire delle banche?

Il sistema finanziario ha imparato qualche lezione dal 2008?

No, non proprio.

Purtroppo, banche “troppo grandi per fallire” ora sono ancora più grandi che mai. Il totale delle attività delle sei maggiori banche americane è aumentato del 39 per cento tra il 30 settembre 2006 e il 30 settembre 2011. Se dovessero fallire oggi, sarebbero ancora di più una minaccia per il nostro sistema finanziario di quanto non lo fossero nel 2008.

E le nostre grandi banche continuano ad essere ad alto grado di leva finanziaria. In realtà, le grandi banche di tutto il mondo sono assolutamente sommerse dai debiti.

Le seguenti statistiche provengono da Zero Hedge ….

Il sistema bancario degli Stati Uniti ha un rapporto di indebitamento di 13-1.

Il sistema bancario giapponese ha un rapporto di indebitamento 23-1.

Il sistema bancario francese ha un rapporto di indebitamento di 26-1.

Il sistema bancario tedesco ha un rapporto di indebitamento di 32-1.

Questi sono livelli folli di leva finanziaria, e stanno solo attirando un’altra grave crisi finanziaria.

Vi ricordate Lehman Brothers? Il fatto che fossero ad un così alto tasso di leva finanziaria è ciò che li uccise nel lontano 2008. Quando il valore delle loro aziende è diminuito di appena un po’ sono stati completamente spazzati via.

Ebbene, durante questa prossima crisi finanziaria le grandi istituzioni finanziarie saranno spazzate via in tutto il mondo. Le principali banche in tutto il mondo si aspettano ulteriori aiuti governativi quando le cose vanno male.

Stanno facendo esattamente gli stessi errori  che hanno fatto in precedenza, e si aspettano maggiori elargizioni governative quando le cose vanno male.

Impareremo mai?

Ovviamente, il sistema bancario non ha imparato alcuna lezione.

E il governo federale?

Beh, se seguite il mio blog regolarmente, sapete che io amo scrivere su come sia orribile il debito pubblico degli Stati Uniti.

Purtroppo, negli ultimi quattro anni le cose sono peggiorate molto.

Nel 2008, il debito nazionale degli Stati Uniti ha superato la cifra di 10.000 miliardi di dollari.

Proprio di recente, ha superato i 15.000 miliardi di dollari.

Così ora ci troviamo in una posizione finanziaria molto più debole per rispondere ad un’altra grave crisi finanziaria.

Basta controllare il grafico pubblicato qui sotto. Questa è una ricetta per il suicidio finanziario nazionale….

Durante l’anno fiscale 2011, l’amministrazione Obama ha sottratto quasi 150 milioni di dollari ai nostri figli e ai nostri nipoti ogni singola ora.

Al momento, l’eredità del debito che stiamo trasferendo alle generazioni future ammonta all’enorme totale di 15.351.406.294.640.49. dollari

Ma tenete presente che è in costante aumento ogni singola ora.

Nel frattempo, la nostra capacità di onorare il debito è in calo. Ci stiamo rapidamente impoverendo sempre più come nazione.

Nel corso del 2011, la somma di denaro che ha lasciato gli Stati Uniti ha superato la quantità di denaro che è entrato negli Stati Uniti di più di mezzo trilione di dollari.

Questo divario è chiamato deficit commerciale, e sta letteralmente strappando a brandelli la nostra economia.

Per un attimo, immaginate lo Zio Sam in piedi accanto a un mucchio enorme di soldi su una mappa degli Stati Uniti. Poi immaginate  mezzo trilione di dollari prelevati da quel mucchio ogni anno.

Allora, perché non abbiamo ancora finito del tutto i soldi?

Beh, è ??perché noi riprendiamo in prestito quei dollari. Al fine di mantenere il nostro falso standard di vita, il nostro governo federale, i governi statali e le nostre amministrazioni locali devono andare a mendicare nel resto del mondo perchè ci diano indietro i nostri soldi.

Purtroppo, le nostre scuole pubbliche hanno “rincretinito” la popolazione, a tal punto che la maggior parte di loro non sa più neanche cosa sia un “deficit commerciale”.

Nel frattempo, la nostra infrastruttura economica è stata sventrata come un pesce.

Guardate, so che ritorno su questo punto più e più e più volte, ma è assolutamente indispensabile che tutti noi capiamo questo.

Il mezzo trilione di dollari che lascia questo paese ogni anno, avrebbe potuto sostenere le imprese e i posti di lavoro all’interno degli Stati Uniti.

Ma invece sta andando a sostenere le imprese e i posti di lavoro dall’altra parte del mondo.

Le conseguenze di questo sono assolutamente devastanti.

Secondo il rappresentante degli Stati Uniti Betty Sutton, negli Stati Uniti sono stati chiusi una media di 23 impianti di produzione al giorno  nel corso del 2010. Complessivamente, negli Stati Uniti hanno chiuso più di 56.000 impianti di produzione dal 2001.

Anche molte cosiddette “aziende americane” sono state acquistate dal resto del mondo. Di seguito un estratto da un recente articolo pubblicato su Economy In Crisis  ….

La RCA ora è una società francese, Zenith è una società coreana. Frigidaire è una società svedese. La Personal Computer Division  dell’IBM – con i suoi 500 brevetti – è ora una società cinese. L’azionista di maggioranza della Westinghouse Nuclear Energy è Toshiba, una società giapponese. Lucent Technologies, un’ex divisione di ricerca di AT & T, insieme a tutti i brevetti acquisiti a partire dall’inizio del sistema telefonico, ora è una società francese. Nel 2008, la Fabbrica di birra brasiliano-belga InBev ha acquistato la fabbrica di birra icona dell’America  Anheuser-Busch, produttrice di Budweiser. Con la vendita di queste società di produzione, il futuro profitto e le tecnologie future apparterranno tutti a soggetti stranieri.

Una volta avevamo la più grande macchina economica nella storia del mondo.

Ora è in fase di smantellamento e acquistata da stranieri.

Quando le infrastrutture economiche dell’America sono in declino, questo significa che ci sono meno posti di lavoro disponibili per tutti noi.

Come ho scritto l’altro giorno , la situazione occupazionale in questo paese non è migliorata e non  ci siamo mai neppure avvicinati al recupero dalla recessione iniziata nel 2008.

Nel corso del 2008 e 2009, l’economia statunitense ha perso milioni di posti di lavoro. Dall’inizio del 2010, la percentuale della popolazione degli Stati Uniti che ha trovato un posto di lavoro è rimasta molto stabile ….

Normalmente, quando una recessione termina, la percentuale di americani che hanno un lavoro fa un balzo indietro abbastanza drasticamente.

Quindi, considerando il fatto che la situazione occupazionale non si è mai ripresa dall’ultima crisi finanziaria, cosa accadrà quando la prossima crisi finanziaria colpirà?

E la maggior parte dei lavori che sono stati “creati” durante il cosiddetto “recupero” sono stati posti di lavoro a basso reddito. In effetti, se si guardano da vicino i numeri dell’occupazione che sono stati rilasciati Venerdì scorso, ci si accorge che la stragrande maggioranza dei “nuovi posti di lavoro” erano lavori part-time .

Ma non si può pagare un mutuo e mantenere una famiglia con un lavoro part-time.

Purtroppo, la verità è che il reddito medio familiare in America è diminuito costantemente nel corso degli ultimi anni. Decine di milioni di famiglie americane stanno lottando a fondo e gli americani si stanno riducendo in povertà più che mai.

Già nel 2000, circa un americano su nove viveva in povertà. Oggi, circa un americano su sette vive in povertà.

Tutto questo oggi sta causando molta ansia in America. Un gran numero di americani sa che qualcosa è cambiato radicalmente, anche se non capisce i dettagli. Questo è uno dei motivi per cui i siti come questo sono diventati così popolari. La gente vuole delle risposte.

E una volta che la gente ottiene alcune risposte su ciò che sta realmente accadendo, tende a volersi preparare per i tempi duri che verranno.

In pochi giorni, su National Geographic è stata presentata per la prima volta una nuova serie  dal titolo “Doomsday Preppers“. I media mainstream stanno cominciando a prendere atto del crescente movimento “prepper” in America. Si stima che ci sono almeno 2 milioni di “preppers” negli Stati Uniti a questo punto. Ovviamente le persone si stanno “preparando” per tutta una serie di ragioni, ma la principale preoccupazione all’interno della maggior parte dei gruppi di preppers è l’economia.

Mentre l’economia crolla, sempre più americani hanno deciso che non è una buona cosa dipendere dal sistema al 100%.

Nel 2008 e nel 2009, milioni di americani improvvisamente hanno perso il loro lavoro. Poichè non avevano finanze accumulate, un gran numero di loro ha anche perso la casa. Molti sono passati dall’essere solidamente classe media ad essere in mezzo alla strada nel giro di pochi mesi.

Questo non deve succedere anche a voi. Invece di sperperare il vostro denaro in cose frivole, fate il possibile per mettere da parte qualcosa per i tempi difficili che sono all’orizzonte.

Molti di quelli “che sanno” stanno facendo tranquillamente i loro preparativi. Ad esempio, il leggendario regista James Cameron (Avatar, Titanic e Terminator) ha acquistato oltre 2600 ettari di terreno agricolo in Nuova Zelanda e a quanto pare se ne starà fuori dagli Stati Uniti definitivamente.

Purtroppo, la maggior parte di noi non ha le risorse per una cosa del genere. Ma ciò che la maggior parte di noi può fare è cambiare le sue priorità e iniziare a concentrarsi sulle cose che ci aiuteranno a sopravvivere nei tempi duri che verranno.

Allora siete pronti?

Fonte: The Economic Collapse 5 Febbraio 2012
Traduzione: Anna Moffa per 
ilupidieinstein.blogspot.com

Commenta su Facebook