La Cina sfida l'egemonia della Banca mondiale

Pechino inaugura una sua banca sostenuta da 21 paesi
La Cina inaugurerà oggi la Banca di investimenti asiatica per le infrastrutture, un'istituzione che può competere con entità globali come la Banca Mondiale. Lo riporta Rt. 
La creazione della banca con un capitale di 50.000 milioni di dollari è stato già sostenuta da 21 paesi, molti dei quali sono clienti della Cina.

L'India sarà l'unica grande economia presente alla cerimonia nella Grande Sala del Popolo di Pechino, secondo il quotidiano 'Cronista'. Tra i paesi che hanno sostenuto la banca ci sono Mongolia, Uzbekistan, Kazakhstan, Sri Lanka, Pakistan, Nepal, Bangladesh, Oman, Kuwait, Qatar e tutti i membri dell'Associazione delle Nazioni del Sudest asiatico, ad eccezione dell'Indonesia.

La nuova banca si concentrerà inizialmente sulla costruzione di una "nuova via della seta", iniziativa del presidente cinese Xi Jinping per aprire nuove rotte commerciali verso l'Europa. I progetti includono un collegamento ferroviario diretto tra Pechino e Baghdad.

"È probabile che la nuova banca cooperi e competa con le banche di sviluppo esistenti. Coopererà perché per molti grandi progetti il co-finanziamento ha un senso. Pur essendo una nuova banca cercherà di essere più economica e più veloce delle banche esistenti. E spero che il successo della Banca incoraggi rapidamente le riforme delle vecchie istituzioni. Sarebbe il miglior risultato complessivo. Se vogliamo che la Cina entri pienamente nelle istituzioni esistenti, allora dobbiamo cederle il posto a tavola che merita", scrive l'economista David Dollar del The New York Times.

Ai primi di ottobre, il segretario del Tesoro, Jacob Lew, ha espresso preoccupazione per la corrispondenza della banca con gli standard internazionali seguiti dalla Banca Mondiale.

"La questione chiave è se seguono gli stessi tipi di pratiche che funzionano e aiutano le economie a crescere e mantenere basi solide e stabili?", ha detto Lew.

Un rappresentante del Ministero delle Finanze del Giappone ha detto che il suo paese non si sarebbe unito alla banca perché non vede la necessità di un'alternativa alla Banca asiatica di sviluppo, che è guidata da Tokio. Il Giappone è anche preoccupato per le questioni di governance e di trasparenza nella nuova banca, ha detto il funzionario citato dal Washington Post.

L'Antidiplomatico

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=9141

La Cina sfida l’egemonia della Banca mondiale
Pechino inaugura una sua banca sostenuta da 21 paesi
La Cina inaugurerà oggi la Banca di investimenti asiatica per le infrastrutture, un’istituzione che può competere con entità globali come la Banca Mondiale. Lo riporta Rt.
La creazione della banca con un capitale di 50.000 milioni di dollari è stato già sostenuta da 21 paesi, molti dei quali sono clienti della Cina.

L’India sarà l’unica grande economia presente alla cerimonia nella Grande Sala del Popolo di Pechino, secondo il quotidiano ‘Cronista’. Tra i paesi che hanno sostenuto la banca ci sono Mongolia, Uzbekistan, Kazakhstan, Sri Lanka, Pakistan, Nepal, Bangladesh, Oman, Kuwait, Qatar e tutti i membri dell’Associazione delle Nazioni del Sudest asiatico, ad eccezione dell’Indonesia.

La nuova banca si concentrerà inizialmente sulla costruzione di una “nuova via della seta”, iniziativa del presidente cinese Xi Jinping per aprire nuove rotte commerciali verso l’Europa. I progetti includono un collegamento ferroviario diretto tra Pechino e Baghdad.

“È probabile che la nuova banca cooperi e competa con le banche di sviluppo esistenti. Coopererà perché per molti grandi progetti il co-finanziamento ha un senso. Pur essendo una nuova banca cercherà di essere più economica e più veloce delle banche esistenti. E spero che il successo della Banca incoraggi rapidamente le riforme delle vecchie istituzioni. Sarebbe il miglior risultato complessivo. Se vogliamo che la Cina entri pienamente nelle istituzioni esistenti, allora dobbiamo cederle il posto a tavola che merita”, scrive l’economista David Dollar del The New York Times.

Ai primi di ottobre, il segretario del Tesoro, Jacob Lew, ha espresso preoccupazione per la corrispondenza della banca con gli standard internazionali seguiti dalla Banca Mondiale.

“La questione chiave è se seguono gli stessi tipi di pratiche che funzionano e aiutano le economie a crescere e mantenere basi solide e stabili?”, ha detto Lew.

Un rappresentante del Ministero delle Finanze del Giappone ha detto che il suo paese non si sarebbe unito alla banca perché non vede la necessità di un’alternativa alla Banca asiatica di sviluppo, che è guidata da Tokio. Il Giappone è anche preoccupato per le questioni di governance e di trasparenza nella nuova banca, ha detto il funzionario citato dal Washington Post.

L’Antidiplomatico

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=9141

Commenta su Facebook