Ve lo ricordate questo post dal titolo … FISCAL COMPACT: DEFAULT COMPATTO! e soprattutto questo … TIC TAC FISCAL COMPACT TIC TAC FISCAL COMPACT!

Prima una premessa, in mezzo ad un oceano di disinformazione e falsità, il nostro debito è sostenibile, lo ha certificato la Commissione EU!

ITALIA: MAI RISCHIATO DI FALLIRE IN VERSIONE CHART .

Per chi non sa cosa sia il Fiscal Compact una rapida sintesi grafica…

fiscal-compact-gif_123743

Due anni fa abbiamo riportato …

“Per rispettare gli obiettivi del Fiscal compact europeo non sono necessarie maxi-manovre di riduzione del debito pubblico, perchè basterebbe mantenere il bilancio in pareggio con una crescita vicina al 3%. La regola sul debito pubblico, ha sottolineato Visco, «richiede una riduzione media annua del suo rapporto rispetto al Pil pari a circa un ventesimo della parte che eccede il limite del 60%. Per rispettarla non è necessario ridurre il valore nominale del debito. In condizioni di crescita ‘normale’, vicina al 3% nominale, sarebbe infatti sufficiente mantenere il pareggio strutturale del bilancio”.

Visco, per taglio debito no a manovre da 40-50 miliardi… e ci mancherebbe dove li troviamo 40/50 miliardi se si stanno scannando per trovarne 10 per regalare 80 euro il biglietto per partecipare alle elezioni europee?

Ma certo è così semplice, perchè non ci abbiamo pensato prima, una crescita nominale del 3 % !!!!

Per PIL nominale si intende il PIL reale aumentato dell’inflazione.

Ad oggi se teniamo conto che l’Italia lo scorso anno è salita dello ZERO VIRGOLA SEI e l’inflazione dello ZERO VIRGOLA UNO, abbiamo una crescita nominale dello ZERO VIRGOLA SETTE!

Basta il grafico per capire quanto sia irrealistico oggi ottenere una crescita nominale del 3 % o serve anche l’inflazione, ci facciamo aiutare dall’inflazione, mentre va a passeggio con la deflazione ?

Ieri puntuale come un’orologio svizzero …

Eurogruppo. Monito all’Italia: “Regola del debito non rispettata”

L’Eurogruppo “nota che dalla valutazione di novembre sono state prese misure che aumentano il deficit, e c’è un rischio di significativa deviazione dall’aggiustamento verso l’obiettivo di medio termine”: si legge nelle conclusioni della riunione. Il deficit strutturale si deteriora di 0,7% nel 2016, mentre dovrebbe migliorare di 0,1%, spiega l’Eurogruppo. “Il rischio di deviazione significativa rimane anche se venisse accordato il massimo potenziale di flessibilità”. “Mentre riconosciamo che il rapporto debito/pil si è stabilizzato nel 2015 e comincia a scendere nel 2016, l’alto debito resta motivo di preoccupazione. In base alle previsioni d’inverno l’Italia non rispetterà la regola del debito nel 2015 e 2016?: così l’Eurogruppo nelle conclusioni. “In questo contesto attendiamo in primavera la nuova valutazione” della Commissione e “accogliamo con favore l’impegno dell’Italia ad attuare le misure necessarie per assicurare che il bilancio 2016 sia in linea con le regole”.

Renzi a Ft, debito scenderà e deficit è sotto 2,5%

(ANSA) – ROMA, 7 MAR – “Il nostro debito scenderà il prossimo anno ed il nostro deficit è sotto il 2,5 per cento. La Germania ha un surplus dello scambio commerciale dell’8 per cento e la regola dice che dovrebbe essere al massimo del 6%”. Così il premier Matteo Renzi, in un’intervista al Financial Times, aggiungendo che “non abbiamo chiesto a Bruxelles niente di più di quello che avremmo potuto chiedere”.

E puntuali arrivano loro i signori del senno di poi…

Crescita, Fitch taglia stime per l’Italia: Pil 2016 a +1% contro il +1,6

La differenza tra uno statista e un politico qualunque sta proprio qui, il coraggio di dire la verità alla propria Nazione!

Ritengo che questo sia soprattutto il tempo di dire la verità, tutta la verità, con sincerità e coraggio. Non si può rifuggire, oggi, dall’affrontare onestamente le attuali condizioni del nostro paese.
Questa grande nazione saprà sopportare ancora, come ha già saputo sopportare, e saprà anche risorgere alla prosperità. (Roosevelt)

Segnatevela anche questa, vedremo se il rapporto debito/pil quest’anno comincerà a scendere, perchè lo sappiamo è matematicamente impossibile. Stay Tuned e buona consapevolezza!

Commenta su Facebook