Da oltrelacoltre

di Gianni Tirelli

Il Sistema Liberista Relativista, è una metastasi di quel cancro chiamato nazismo, causa della più inimmaginabile tragedia, nella storia dell’umanità.

Il Liberismo Relativista, si caratterizza per la sua totale assenza di etica, avendone cancellato ogni suo confine, ogni buon senso e ragionevolezza; quello spartiacque che, un tempo, definiva il limite fra il giusto e l’iniquo – tra il bene e il male, fra la gioia e l’isteria, la vita e la morte.
La sua indole necrofila, è tesa alla distruzione di ogni valore morale e afflato spirituale, allo scopo di omologare il pensiero libero, codificandolo all’interno di un minuscolo “libretto di istruzioni” che riceviamo, in dotazione, al momento della nostra venuta in questo strano mondo.

La propaganda mediatica, la contraffazione della realtà e della verità, intimidazione e ricatto, sono le armi micidiali con le quali il Sistema Bestia perpetra il suo disegno diabolico – speculando sulle debolezze, le fragilità e i bisogni essenziali dei soggetti più deboli e meno consapevoli, facendo leva sui loro peggiori istinti, al fine di relegarli dentro una schiavitù della mente, e renderli dipendenti anche dal più insulso ed effimero bisogno. Così, ha chiamato libertà, la licenza – intelligenza la furbizia – progresso, la catastrofe ambientale – verità, la scienza, e civiltà la schiavitù.

 

Gli individui, delle società liberiste, sono ridotti alla stregua di prigionieri e, in molti casi, sempre più numerosi, di servi. Una tale condizione, è il risultato ultimo di una totale perdita di autonomia, di autostima e dei parametri di giudizio, necessari e indispensabili, per una corretta scelta individuale.
Il fine che il Sistema Bestia intende perseguire è, dunque, di trasformare gli uomini liberi in sudditi consenzienti e meri consumatori.

Il Sistema Liberista Relativista, che ci sta risucchiando dentro il vortice di una deriva morale e ambientale, non è però in grado, diversamente dal passato, di smaltire milioni di tonnellate di scorie sintetiche e cancerogene che, ogni giorno, e incessantemente, rigurgita sull’epidermide del pianeta.
Inoltre, i costi, relativi alla sua manutenzione, ordinaria e straordinaria, sono talmente esorbitanti da vanificarne ogni reale profitto e progetto futuro sostenibile.
La tecnologia, in tutte le sue forme, è il paradigma del Grande Corruttore, ma nello stesso tempo, l’arma a doppio taglio in virtù della quale, possiamo tranciare di netto, la testa, della Bestia Nera liberista. Quest’arma, si chiama “RINUNCIA”.

CHE COSA FARE!!!

a) Rinunciare alle lusinghe e alle seduzioni del Sistema Liberista Relativista, è il solo ed unico modo, per limitare i danni di una catastrofe planetaria dalle quale, nessuno, ne uscirà in piedi. Questo è possibile, solo a patto che, gli uomini, adesso, in questo preciso momento, resuscitino dal torpore della rassegnazione e del qualunquismo, e riacquistino coscienza e consapevolezza, in un moto di orgoglio, di sfida e di vendetta.

b)I cittadini delle democrazie occidentali, dovrebbero smetterla di inseguire le chimere del consumismo ma, in maniera pragmatica, rinunciare al superfluo, all’effimero e al contraffatto – insomma, a tutto quel baraccone di cose inutili, illusorie e dannose, che divorano ogni barlume di vera felicità e di futuro.

c)Investire i nuovi risparmi in beni necessari e durevoli, portando la qualità della nostra vita ai massimi livelli.

Rinunciare, rinunciare!! Rinunciare, per ritornare ad amare.

Commenta su Facebook