Trainato da Netflix

Continuano a salire gli indici americani, bene Microsoft, IBM ed Apple, in calo McDonald’s e Goldman Sachs. Volano Google ed eBay.

L’indice tecnologico si inoltra in territori mai esplorati, continua a crescere nonostante dall’economia reale non arrivino notizie confortanti.

Le due più importanti trimestrali rese note in giornata non hanno entusiasmato, gli utili di Goldman Sachs infatti sono calati della metà a causa soprattutto delle spese legali. Ma anche cambiando decisamente comparto, parlando di tecnologia il risultato non cambia, il colosso dei semiconduttori Intel ha ridotto gli utili del 3,2%, in questo caso, però, le previsioni erano addirittura peggiori.

Ma la giornata è stata caratterizzata dalla straordinaria quantità di acquisti che ha interessato l’indice Nasdaq arrivato così a ritoccare nuovamente il prossimo massimo storico, è davvero impressionante l’ondata di “Buy” arrivati su titoli già ampiamente ipervalutati, il fatto, però, è che probabilmente sul mercato si sta scaricando una tale quantità di liquidità che finisce poi per gonfiare a dismisura questa bolla.

Tantissimi i titoli che hanno ritoccato il proprio massimo storico, citiamo solo i più noti: Amazon, Celgene, Comcast, eBay, Facebook, Netflix, Regeneron Pharma, ma, ripeto, ce ne sono tanti altri.

Assolutamente incredibile quanto sta accadendo sui mercati americani, è chiaro che la paura per la reazione al primo aumento dei tassi dopo così tanti anni è tale che non si poteva rischiare una debacle senza precedenti, quindi non siamo certi che ci troviamo di fronte a movimenti “naturali”.

Il fatto che poi a crescere in maniera molto superiore sia il Nasdaq 100, ossia l’indice che raccoglie i maggiori titoli è anche emblematico del fatto che sia un’ondata anomala di liquidità che si sta scaricando sui mercati.

Intanto il cross Eur/Usd è sceso anche sotto quota 1,09 un livello che nello scorso mese di maggio portò ad un rimbalzo. Oggi però si sentono diversi analisti che si spingono a prevedere a breve anche la parità fra euro e dollaro.

Dow Jones (+0,37%) svettano i titoli legati alla tecnologia: Microsoft (+1,97%), IBM (+1,47%) ed Apple (+1,33%)

In calo McDonald’s (-1,22%), Goldman Sachs (-0,84%) e Home Depot (-0,74%).

S&P500 (+0,80%) ottima trimestrale e best performer di giornata per Citigroup (+3,77%),subito alle sue spalle Google Class C (+3,50%) il gigante di Mountain view alla chiusura comunicherà la trimestrale. Quindi eBay (+3,39%)

Scendono invece General Motors (-2,61%), Halliburton (-2,09%) e Norfolk Southern (-1,56%).

Nasdaq (+1,26%) rialzo siderale per Netflix (+18,02%) dopo aver annunciato un aumento del numero di abbonati, rimbalza Micron Tech (+3,81%), quindi Stericycle (+3,24%)

Sprofonda Garmin (-7,11%) dopo un profit warning, ennesimo ribasso per Kla Tencor (-3,98%), stessa sorte per Applied Materials (-3,77%).

[Potete aiutare i blogger a sopravvivere anche con una piccolissima donazione di 1€ ciascuno]
L’informazione libera non può accedere ai finanziamenti statali ma vive di pubblicità… USALA




Commenta su Facebook