A prescindere dalle nostre convinzioni o idee politiche, il sistema messo in moto nel nostro mondo “libero” si basa sul tacito accordo di un contratto con ciascuno di noi che a grandi linee espongo:

1. Io Accetto la competitività come base del nostro sistema, anche se mi rendo conto che questa operazione genera frustazione e rabbia alla maggior parte dei perdenti…

2. Accetto di essere umiliato o sfruttato a condizione che mi permettano di umiliare o di sfruttare un altro che occupi un posto inferiore nella piramide sociale.

3. Accetto l’esclusione sociale degli emarginati dei disadattati e dei deboli perchè considero che il peso che la società può accollarsi ha i suoi limiti.

4. Accetto di pagare le banche affinchè loro investano il mio stipendio secondo la loro convenienza e che non mi diano nessun dividendo dei loro giganteschi guadagni (guadagni che serviranno per aggredire i paesi poveri, fatto che accetto implicitamente).
Accetto anche che mi si applichi un alto tasso d’interesse per prestarmi denaro. Denaro che proviene esclusivamente da altri clienti.

5. Accetto di congelare o di buttare tonnellate di cibo così le borse non crollano, invece di offrirlo ai bisognosi e di permettere ad alcune centinaia di migliaia di persone di non morire di fame ogni anno.

6. Accetto che sia illegale mettere fine alla tua vita velocemente invece tollero che si faccia lentamente inalando o ingerendo sostanze tossiche autorizzate dai governi.

7. Accetto che si faccia la guerra per far regnare la pace.
Accetto che in nome della pace la prima spesa degli Stati sia per la difesa. Accetto che i conflitti siano creati artificialmente perchè si disfino degli stock di armi e così permettere all’economia mondiale di continuare a crescere.

8. Accetto l’egemonia del petrolio nella nostra economia anche se è un’energia molto costosa ed inquinante e sono daccordo d’impedire qualsiasi intento di sostituzione se si svelasse che abbiamo scoperto un mezzo gratuito e illimitato di produrre energia. Accetto che sarebbe la nostra perdizione.

9. Accetto che si condanni l’assassinio di un altro umano, a meno che i governi decidano che è un nemico e mi spingano ad ucciderlo!

10. Accetto che si divida l’opinione pubblica creando partiti di destra e di sinistra che avranno come passatempo la lotta tra di loro facendomi credere che il sistema sta andando avanti inoltre accetto ogni tipo di divisione possibile purchè quelle divisioni mi permettano di focalizzare la mia rabbia sui nemici stabiliti quando si sbandierano le loro foto davanti ai miei occhi.

11. Accetto che il potere di costruire l’opinione pubblica, prima ostentato dai religiosi, sia oggi nelle mani di uomini d’affari non eletti democraticamente totalmente liberi di controllare gli Stati perchè sono convinto del buon uso che ne faranno.

12. Accetto che l’idea della felicità si riduca alla comodità; l’amore al sesso, la libertà alla soddisfazione di tutti i desideri perchè è quello che la pubblicità ripete ogni giorno, quanto più infelice sono più consumo.
Compirò il mio dovere contribuendo al buon funzionamento della nostra economia.

13. Accetto che il valore di una persona sia proporzionale al suo conto corrente che si apprezzi la sua utilità in funzione della sua produttività e non delle sue qualità, e che sia escluso dal sistema se non produce sufficientemente.

14. Accetto che siano ricompensati abbondantemente i giocatori di calcio e gli attori e molto meno gli insegnanti e i medici incaricati dell’educazione e della salute delle future generazioni.

15. Accetto di escludere dalla società gli anziani la cui esperienza potrebbe servirci ma siccome siamo la civiltà più evoluta del pianeta (e senza dubbio dell’universo) sappiamo che l’esperienza nè si condivide nè si trasmette.

16. Accetto che mi presentino notizie negative e spaventose del mondo ogni giorno, in modo da poter apprezzare fino a che punto la nostra situazione è normale e quanto sono fortunato a vivere in Occidente. So che mantenere la paura nei nostri spiriti può essere solo un beneficio per noi.

17. Accetto che gli industriali, militari e capi di Stato si riuniscano regolarmente, senza consultarci, per prendere decisioni che compromettano il futuro del pianeta della vita del pianeta…della vita e il pianeta.

18. Accetto di consumare carne bovina trattata con ormoni senza che me lo dicano esplicitamente. Accetto che le colture di OGM si propaghino in tutto il mondo permettendo così alle multinazionali agroalimentari di brevettare esseri viventi e conservare guadagni considerevoli ed avere sotto controllo l’agricoltura mondiale.

19. Accetto che le banche internazionali prestino denaro ai paesi che vogliono armarsi e combattere, e così scegliere quelli che faranno la guerra e quelli che non la faranno. So che è meglio finanziare entrambe le parti, per essere sicuri di fare soldi e di prolungare i conflitti più a lungo possibile, al fine di rubare completamente le loro risorse se non riescono a pagare i loro debiti.

20. Accetto che le multinazionali si astengano dall’applicare i progressi sociali dell’Occidente, ai paesi poveri considerando che per loro è già una fortuna se li fanno lavorare. Preferisco che si utilizzino le leggi vigenti in questi paesi che permettono di fare lavorare i bambini in condizioni disumane e precarie.
Nel nome dei diritti umani e del cittadino, non abbiamo nessun diritto d’intrometterci.

21. Sono daccordo sul fatto che i politici possano essere di dubbia onestà e talvolta anche corrotti.Credo che questo sia normale data la forte pressione che devono affrontare. Per gli altri si deve applicare tolleranza zero.

22. Accetto che i laboratori farmaceutici e gli industriali agroalimentari vendano nei paesi poveri prodotti scaduti o utilizzino sostanze cancerogene vietate in Occidente.

23. Accetto che il resto del pianeta, cioè 4000 milioni di individui possano pensarla diversamente a condizione che non vengano a esprimere il loro credo a casa nostra, e meno ancora a cercare di spiegare la nostra Storia con le loro nozioni filosofiche primitive.

24. Accetto l’idea che esistano solo 2 possibilità in natura, cioè:
cacciare o essere cacciati, e se siamo dotati di una coscienza e di un linguaggio, certamente non è per sfuggire a questa dualità, ma per giustificare il perchè agiamo in quel modo.

25. Accetto di considerare il nostro passato come una continuazione ininterrotta di conflitti di cospirazioni politiche e di volontà egemoniche, ma so che tutto questo non esiste più, perchè siamo all’apice della nostra evoluzione, e perchè le regole che governano il nostro mondo sono la ricerca della felicità e della libertà per tutti i popoli, come ascoltiamo continuamente nei discorsi dei nostri politici.

26. Accetto senza discutere e considero come verità tutte le teorie proposte per spiegare i misteri delle nostre origini. E accetto che la natura abbia potuto dedicare milioni di anni per creare un essere umano il cui unico passatempo è la distruzione in pochi istanti della sua stessa specie.

27. Accetto la ricerca del profitto come fine supremo dell’ Umanità e l’accumulo di ricchezza come realizzazione della vita umana.

28. Accetto la distruzione dei boschi, l’estinzione dei pesci nei fiumi e nei nostri oceani. Accetto l’aumento dell’inquinamento industriale e la dispersione di veleni chimici ed elementi radioattivi nella natura. Accetto l’uso di ogni tipo di additivo chimico nella mia alimentazione perchè sono convinto che se vengono aggiunti è perchè sono utili ed innoqui.

29. Accetto la guerra economica che agisce esclusivamente sul pianeta, anche se ritengo che ci porta verso una catastrofe senza precedenti.

30. Accetto questa situazione, e credo che non posso fare nulla per cambiarla o migliorarla.

31. Accetto di essere trattato come bestiame perchè penso di non valere di più.

32. Accetto di non fare nessuna domanda, di chiudere gli occhi su tutto questo e di non fare nessuna vera opposizione perchè sono troppo impegnato con la mia vita e preoccupazioni. Accetto anche di difendere a morte questo contratto se lei me lo chiede…

33. Accetto quindi, nella mia anima e coscienza e definitivamente questa triste matrice che lei pone di fronte ai miei occhi e di astenermi dal vedere la realtà delle cose.

So che tutti voi agite per il mio bene e quello di tutti, e per questo vi ringrazio.

Pubblicato nel 2003 per commemorare il triste anniversario degli eventi dell’11 settembre…

… da un anonimo (francese)

Voci dalla Strada e Free Onda

Commenta su Facebook