DI SPENGLER
Asia Times

Le persone sembrano agire irrazionalmente quando non hanno più nulla da perdere. In guerra spesso si vede che la parte sconfitta ha un tributo di sangue e di risorse ancor maggiore quando la sua posizione diventa senza speranza.

Gli Americani del Sud, nella Guerra Civile, hanno subito la maggior parte delle perdite dopo il luglio 1863, quando la duplice sconfitta di Gettysburg e di Vicksburg rendeva le loro posizioni indifendibili. Atene ha sofferto il maggior numero di vittime per la scommessa siciliana alla fine della Guerra del Peloponneso.

Gli Spagnoli hanno rovinato il proprio impero e spopolato le province più importanti nella seconda metà della Guerra dei Trent’Anni del 1618-1648 piuttosto che cedere il dominio alla Francia. La Germania ha avuto la gran parte dei morti dopo Stalingrado. Il Giappone si era preparato a sostenere un numero enorme di vittime dopo Okinawa, e la sua resistenza è terminata con un attacco nucleare.

Alcuni degli aspetti nel comportamento apparentemente suicida nelle grandi guerre potrebbe essere presente nell’odierno stallo per il tetto del bilancio a Washington, dove la destra Repubblicana e la sinistra Democratica potrebbe riuscire a disfare un compromesso. Non credo che questo accada, ancora. Ma gli estremi della polarizzazione nel corpo politico americano sono differenti da qualsiasi cosa a cui ho assistito nel corso della mia vita.

Se il Tea Party avesse voluto più di ogni altra cosa governare, avrebbe dichiarato che un governo così frazionato non può realizzare il programma per cui i suoi membri sono stati nominati al Congresso, e che le elezioni presidenziali del 2012 dovrebbero essere un referendumnazionale sul futuro dell’America. Si sarebbe accordato per un compromesso temporaneo sul tetto del debito.

 

Il guaio è che sia il Tea Party che il Presidente Barack Obama hanno ragioni di sopravvivenza per forzare una crisi. Obama, come ho scritto due settimane fa, affronta una probabile sconfitta con un’economia in bonaccia e potrebbe beneficiare da una crisi nella quale ritagliarsi il ruolo di salvatore (vedi Obama could stir a Tea Party crisis, 19 luglio). Gli aderenti al Tea Party potrebbe capire che non esiste compromesso che possa andare a loro vantaggio, e quindi decidere di mandare all’aria il sistema per vendetta.

 

C’è anche una ragione di fondo per questo confronto: la cura per l’economia americana non è necessariamente una cura per la maggioranza della classe media. L’unico recupero fino a questo momento (e anche l’unico recupero possibile con queste circostanze) è avvenuto nei profitti aziendali e nelle quotazioni azionarie.

 

Ma questo va a vantaggio solo della piccola minoranza di famiglie ricche americane che hanno titoli finanziari. La gran parte degli americani detiene la maggioranza della propria ricchezza in beni reali (principalmente nelle loro case). Non hanno alcun tipo di ripresa e nessuna prospettiva. E il cammino più rapido per il recupero è quelli di offrire anche a loro qualche beneficio.

 

La bolla del mercato immobiliare si è nutrita di un fiume di investimenti stranieri in titoli garantiti dalle ipoteche e in altri asset degli Stati Uniti; gli americani hanno risparmiato ben poco, perché gli stranieri hanno mandato i loro risparmi fuori dall’America.

 

Dopo la crisi i risparmi sono saliti bruscamente e il deficitdelle partiti correnti si è ridotto della metà. E questo è quello che si pensava accadesse: da un punto di vista macroeconomico, questa è stata la ragione per cui la crisi era così necessaria.

 

I risparmi ristagnavano mentre il deficit delle partite correnti si allargava:
dopo la crisi, l’esatto opposto

Fonte: Bureau of Economic Affairs

 

I risparmi del resto del mondo sono stati investiti nel mercato immobiliare americano già ipertrofico, con poche prospettive di recupero. Il dentifricio non si può far rientrare nel tubetto. L’America ha bisogno di compensare i suoi anni di mancati risparmi, e il modo normale per farlo è esportando di più altri paesi e mettere da parte i ricavi (oppure importare di meno). La riduzione del deficitdelle partite correnti è un risultato corretto, in modo particolare se è provocato da un salto nelle esportazioni.

 

Le esportazioni statunitensi di beni e servizi
Fonte: Bureau of Economic Affairs

 

Solo una piccola parte della forza lavoro americana, comunque, contribuisce all’incremento delle esportazioni. La produzione negli US è così basata sul capitale che un notevole incremento nel prodotto ha un impatto trascurabile sull’occupazione.

L’America sta esportando e risparmiando. Un incremento dei risparmi equivale a un incremento della domanda di beni. Ma il bene scelto alla fine degli anni ’90 e all’inizio degli ‘00, gli immobili, continuano a soffrire un declino delle richieste.

 

I prezzi delle abitazioni (30 maggiori mercati metropolitani)
Fonte: S&P Case-Schiller Index

 

L’immobiliare deve affrontare un vento contrario che potrebbe durare in modo indefinito, come ho mostrato nello studio del maggio 2009 per First Things intitolato “Demografia e Depressione.” Come scrissi:

La popolazione degli Stati Uniti è salita da 200 a 300 milioni dal 1970, mentre il totale delle famiglie di due genitori con figli è oggi lo stesso di quando fu nominato Richard Nixon, circa 25 milioni. Nel 1973 gli Stati Uniti avevano 36 milioni di unità abitative con tre o più stanze, non molte di più delle famiglie di due genitori con prole, il che significa che l’offerta di case era più o meno in linea con il numero delle famiglie. Nel 2005 il numero delle unità abitative con tre o più stanze è raddoppiato giungendo a 72 milioni, anche se gli Stati Uniti avevano lo stesso numero di famiglie con due genitori e figli.

E la cosa andrà a peggiorare, non a migliorare: l’economista di Virginia Tech, Arthur C. Nelson, prevede che negli Stati Uniti le famiglie con figli nel 2025 saranno solo un quarto del totale, in confronto al 50% del 2010, proprio quando i Baby Boomers andranno in pensione, e che la domanda per la case singole di ampia metratura cadrà del 40%.

Tutto questo lascia la gran parte delle famiglie americane nei guai: secondo il più recente sondaggio della Federal Reserve sulla ricchezza personale, gli immobili delle famiglie americane valgono circa un terzo in meno del 2006, ossia 16,1 trilioni contro 22,7 trilioni. Il problema è che la maggior parte degli statunitensi, che nel 2007 si avvicinavano all’età della pensione, ha la maggior parte della propria ricchezza netta in beni non finanziari.

 

A parte l’immobiliare, la seconda più grande componente della ricchezza della classe media era formata da azioni delle piccole imprese. Le piccole imprese non hanno avuto alcuna parte nel recupero. Un metro approssimativo degli introiti delle piccole imprese è fornito dalle entrate degli imprenditori non agricoli, riportato nelle tabelle del PIL.

Come indica la tabella sottostante, i profitti delle grandi aziende hanno raggiunto il massimo, ma le entrate degli imprenditori sono rimaste al di sotto livello di picco precedente alla recessione. Giudicando dai sondaggi pubblicati dalla National Federation of Independent Business e da altre organizzazioni, le piccole imprese rimangono in piena crisi. E la cosa non sorprende per le ragioni elencate in un recente studio degli economisti della New York Federal Reserve. La gran parte della crescita delle piccole imprese nel corso dello scorso decennio era dovuta alla bolla immobiliare.

 

I profitti delle grandi aziende salgono
mentre i redditi dei piccoli imprenditori ristagnano

Fonte: Bureau of Economic Affairs

 

Quando i profitti aziendali salgono, lo stesso avviene per le azioni. Il problema è che il 10% delle famiglie più ricche americane per patrimonio netto possiede circa l’80% di tutte le azioni possedute dalle famiglie. Questo dato non prende in considerazione i fondi pensione aziendali, il veicolo tramite il quale i meno abbienti riescono a partecipare al mercato azionario.

Ciononostante, la vasta maggioranza delle famiglie statunitensi ha concentrato la propria ricchezza nell’immobiliare nel decennio che ha preceduto la crisi, e apparentemente per buone ragioni. Con i prezzi delle case che salivano del 10% l’anno e le banche che chiedevano un anticipo del 10% o anche meno per la gran parte dei mutui, il tasso di resa on equity per un proprietario di case a questi termini era spesso del 100% all’anno. Nessun altro genere di asset poteva offrire un così alto ritorno a disposizione per le grandi masse.

Il cammino degli Stati Uniti verso il recupero si poggia sulle esportazioni. Non c’è altro sistema. Il tasso di crescita delle nazioni emergenti con popolazioni giovani che lottano per entrare nel mondo moderno supera di molto quello delle economie mature, compresi gli Stati Uniti. Gli americani devono risparmiare, e le esportazioni generano ricavi da risparmiare. Ma il tipo di esportazioni in cui l’America eccelle, tra cui i prodotti agricoli, impieghi una frazione irrisoria della forza lavoro. E i benefici finanziari di questo cambio di approccio – nella forma quotazioni più alte per le azioni – toccherà principalmente il 10% delle famiglie più ricche.

Il Tea Party riflette le frustrazioni della classe media, specialmente la classe media di mezz’età in posti dove non riesci a vendere la casa, a tirare avanti un’impresa e pagarsi la pensione. Crede che i taglio del deficit sia il problema e un bilancio più equilibrato sia la soluzione. Hanno una parte di ragione. Il deficit federale è il mostro che ha divorato il mercato del credito. La crescita del debito pubblico corrisponde esattamente al declino delle somme prese a prestito.

Il collasso dei mutui contemporaneo all’ascesa
delle somme prese a prestito dal governo

Fonte: SIFMA

 

Eliminando il debito pubblico (che al momento vorrebbe dire ridurre le spese governative di circa il 10% del PIL) non porterebbe, comunque, a un recupero della quantità di mutui, ma a un schianto economico sul livello del 1933. l’idea che un bilancio equilibrato risolva i problemi dell’America ha il fetore di un culto millenario. L’America sta spendendo davvero troppo, e ha bisogno di rimettere in sesto le sue finanze.

Ma questo richiede la crescita economica e alzare le entrate fiscali, e un taglio massiccio alla spesa non porterebbe quasi a niente. Per questo, gli Stati Uniti hanno bisogno di deregulation e di tagli alle tasse, e questo porterebbe a vivere con il deficit un po’ più a lungo. È stato Ronald Reagan che scioccò la saggezza convenzionale nei primi anni ’80 quando disse al paese di non preoccuparsi del deficit e i suoi tagli alle tasse fecero ripartire l’economia.

Il Tea Party ha la possibilità di diventare un catalizzatore per un cambio economico fondamentale. Ma potrebbe anche diventare la Ghost Dance della bolla immobiliare americana, un movimento millenario ispirato dalle situazioni più angoscianti, come la patetica resistenza degli Indiani delle pianure già sconfitti dopo il 1890, o i culti dei cargo in Nuova Guinea negli anni ’40. La cura economica di cui gli Stati Uniti hanno bisogno beneficerà lentamente la bersagliata classe media, e troppo tardi per impedire la miseria di molti.

Se i fondamentali dell’economia lasceranno la classe media al freddo, allora il nocciolo dell’elettorato della sinistra più radicale sarà ben congelato. Lo stato sociale sta collassando perché non ci sono soldi per sostenerlo. I governi locali e statali hanno eliminati 400.000 posti di lavoro dall’agosto del 2008, e stanno tagliando le spese al tasso annuale del 2,4%. Tutto questo devasta i sindacati del settore pubblico, il cuore degli attivisti nell’elettorato del Partito Democratico.

Inoltre, gli statunitensi più poveri e meno istruiti non hanno visto traccia del recupero. Gli studenti che hanno abbandonato le superiore hanno un tasso di disoccupazione del 13%, mentre quelli con una laurea hanno un tasso pari al 4,5%. La discrepanza è molto più acuta, perché la partecipazione alla forza lavoro di quelli che hanno lasciato le superiori è solo del 46% contro il 77% dei lavoratori che hanno completato gli studi superiore.

Né i Repubblicani della classe media che seguono il Tea Party, né il cuore dell’elettorato Democratico che ha eletto Barack Obama possono fare molto per gli esiti del dibattito sul bilancio. Questo spiega il perché il tetto del debito è diventato come una parete di roccia da scalare, per lo sgomento dei mercati finanziari.

Non credo che l’America questa volta sorpassi il limite. Gli aderenti al Tea Party accetteranno alla fine l’idea di dover tenere delle polveri asciutte per le elezioni presidenziali del 2012. Ma la polarizzazione della politica americana peggiorerà, e non farà altrimenti, e la crisi della governance verrà ritardata ma non disinnescata se il congresso e il presidente raggiungeranno questa settimana l’accordo sul bilancio.

 

********************************************
 

Fonte: http://www.atimes.com/atimes/Global_Economy/MH02Dj05.html

01.08.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Commenta su Facebook