Da Notizie dall’Arcadia

 
Esiste almeno un tipo di resistenza fortemente radicato nell’animo umano che continua ad essere di difficile comprensione a dispetto di ogni esercizio di umiltà da parte di chi è riuscito a scuotere almeno in parte la propria coscienza: la resistenza al cambiamento di rotta in un momento in cui il cammino ci porta inevitabilmente verso uno strapiombo.
Per secoli le varie civiltà umane che si sono succedute anche qui in Europa hanno avuto una visione cosidetta “futurocentrica”. Mettere il futuro al centro della propria riflessione significa non tanto distrarsi rispetto al presente, quanto avere la capacità prima di tutto di immaginare e poi di progettare un futuro migliore a fronte di un presente ingiusto.
Dato che spesso, ahinoi, il presente è stato ricco di ingiustizie nel corso della storia umana, la visione futurocentrica ha sempre permesso all’uomo di elaborare risposte alternative al presente e di metterle in pratica, ora attraverso un cambiamento culturale, ora con una rivoluzione violenta, ma sempre riproducendo in qualche modo la concezione triadica della storia di Hegel, tesi-antitesi-sintesi.
E’ in questa tensione generale reiterata cocciutamente per secoli che è maturata la saggenza popolare secondo cui “la speranza è l’ultima a morire”. Per quanto il mondo potesse essere brutto e iniquo, esso era pur sempre il prodotto dell’uomo e l’uomo stesso aveva quindi le potenzialità per cambiarlo con un atto di volontà e forza. Questo ha portato a un flusso di eventi storico vivace, nel bene e nel male, ma sicuramente a grandi conquiste politiche e civili oltre ad aver dato nutrimento a uno spirito umano naturalmente indomito, essendo la giustizia, a dispetto di una vile e fuorviante propaganda moderna, uno dei fini cui l’essere umano ambisce.
La questione è radicalmente mutata negli ultimissimi decenni con l’invasione da parte del sistema capitalista di ogni spazio della nostra esistenza che non fosse solo economico. Il capitalismo si è fatto politica, cultura (parola grossa…), religione e filosofia. Proprio atttraverso la filosofia del postmodernismo è stata sentenziata la cosidetta “fine della storia”, salutando il mondo attuale, il “migliore dei mondi possibile”, come l’ultimo quanto a modello di esistenza proposto.
Il dogma del capitalismo, per bocca della filosofia postmoderna, è che dopo di esso non ci può essere nient’altro, ossia ancora lui stesso.
Idealmente siamo di fronte a un duplice omicidio in quanto la fine della storia ha ucciso sia l’immaginario umano che la sua potenzialità ideologica di elaborare nuovi sistemi in senso tecnico e non solo ideale.
Occorre a questo punto fare bene attenzione poiché il proclama postmoderno in sé non avrebbe alcuna efficacia. Il problema è che questo dogma, nel miglior stile di una religione fondamentalista, è stato inserito come sottofondo in ogni contesto spendibile con il pubblico. Dall’istruzione al mondo dei bambini, dalla pubblicità ai film e ai programmi tv, in ogni contesto si da per scontato che questo stato di cose non abbia mai a cambiare e questo non tanto attraverso una discussione su questo tema, ma proprio con l’assenza di ogni discussione seria, stante ad indicare che il problema non si pone. Come a dire che se la malattia non esiste, non serve farvi una ricerca scientifica.
Il risultato facilemente riscontrabile è che l’uomo è oggi incapace di concepire anche solo lontanamente un’alternativa. Il sistema può peggiorare nelle proprie storture, può diventare sempre più iniquo e insopportabile, ma in ultima battuta si è fatto incontestabile. Se nei decenni passati vi era ancora almeno la possibilità di arginare le singole ingiustizie tramite battaglie di settore condotte per esempio dai sindacati, oggi anche queste sono divenute quanto mai marginali per la sfiducia maturata verso movimenti che in fondo fanno parte del sistema stesso.
In molti, troppi oggi pensano che la filosofia sia una disciplina di parole inutili, dimenticando che per secoli essa ha dato le basi alla creazione di sistemi nel loro complesso. Qual è allora la conseguenza immediata che gli insegnamenti del postmodernismo, arrivati per osmosi nella società, produce sul singolo? Ancora una volta è tutto molto evidente: il mal di vivere. Un mal di vivere poco compreso dalla massa e dall’individuo che lo porta dentro.
L’essere umano ha evidentemente perso la luce, la gioia. Il domani, nell’immaginario collettivo, è sempre cupo e difficile, non si ha più quella speranza ultima a morire, e ora effettivamente morta.
Questo mal di vivere si mostra comunque nei modi, potremmo dire coi sintomi, che più conosciamo. La depressione, gli esaurimenti nervosi, la salute fisica che si fa mediamente più cagionevole e poi il rifugio – sempre e comunque individualista – negli svaghi che maggiormente forniscono una “rassicurante” astrazione dalla realtà, come i cattivi programmi tv, certi generi musicali, la malnutrizione, il consumo di alcoolici e di droghe (magari non propriamente dette).
Tutto ciò accade perché, impossibilitato (non senza una propria responsabilità, si badi bene) a sperare in un futuro migliore, l’essere umano è diventato incapace di esprimere costruttivamente la propria angoscia e il proprio disagio, situazione che lo obbliga a incanalarli sterilmente proprio in quelle false consolazioni che il sistema ha progettato per lui o, peggio, verso l’autodistruzione individuale, premessa necessaria per quella collettiva.
Esiste però una speranza non ancora morta, poiché è d’obbligo per noi rimanere in piedi. A dispetto della generale arrendevolezza che l’umanità ha sinora dimostrato di fronte ai dettami filosofici del capitalismo, resta ancora possibile rifiutarli. Come accennato, sino ad oggi all’uomo è sembrato sfuggire che il sistema è il prodotto di un puro atto di volontà e che può quindi essere sconfitto da un atto di volontà contraria.
Occorre non demordere su questa consapevolezza e insistere nella proposta di alternative da parte di chi ancora non è cascato nela trappola per sbloccare l’impasse.
Il problema non è che il postmodernismo ha affermato che la storia è finita, il problema è averci creduto: ma a fronte degli effetti nefasti della menzogna e della sincerità che accompagna invece il nostro lavoro, la scelta di campo del genere umano alla fine non potrà che essere una scelta di vita.
Commenta su Facebook